I Comuni italiani controllano le emissioni CO2 anche con un software

di Alessia del 29 dicembre 2012

Abbattere le emissioni di gas serra del 20% è uno degli obiettivi del Protocollo di Kyoto, a cui anche l’Italia ha aderito. In Italia, un penoso vuoto normativo ha lasciato campo libero all’iniziativa privata di aziende volonterose. Il Governo ha sì promosso una serie di iniziative ma sul territorio i singoli Comuni sono stati lasciati soli a ‘combattere’ questa battaglia e spesso senza strumenti adatti.

Ecco allora che sono fiorite una serie di network che riuniscono vari Enti con lo scopo di aiutarsi l’un l’altro e mettere a fattor comune le varie esperienze e le risorse a disposizione. ‘Alleanza per il clima’ è un’associazione composta da Comuni ed Enti territoriali europei che, in partnership con le popolazioni indigene di alcune aree e foreste tropicali, è attivamente impegnata nella salvaguardia del clima e della Terra.

SAI QUALI SONO: Comuni italiani più virtuosi dal punto di vista della sostenibilità

Per raggiungere l’obiettivo sono stati messi a punto una serie di strumenti per ridurre i gas serra, monitorando in tempo reale la quantità di CO2 emessa in modo da poter intervenire in loco con dei programmi studiati ad hoc.

ECOregion nasce proprio da queste premesse: è un software realizzato da Ecospeed e adattato al clima del nostro Paese per la quantificazione ed il monitoraggio delle emissioni di ogni singolo Comune. Attualmente è l’unico software riconosciuto ufficialmente dall’Unione Europea per il bilancio di CO2.

La possibilità di adottare un metodo unico di calcolo e di avere a disposizione una banca dati condivisa in rete consente di confrontare gli obiettivi raggiunti dai diversi territori.

VAI A: Incentivi auto a metano e GPL 2012: quali Comuni li offrono?

Le Province e i Comuni che hanno scelto di aderire al programma hanno stipulato un accordo denominato ‘Patto dei Sindaci’ che si concretizza in un Piano di Azione per l’Energia Sostenibile (PAES), ovvero un piano di intervento tarato sulle caratteristiche di uno specifico territorio. Le aree coinvolte nel programma vanno dal controllo dei trasporti alla gestione dei rifiuti e dei piani di urbanistica.

Attualmente sono oltre 160 le Amministrazioni che hanno scelto di adottare ECOregion, puntando al raggiungimento degli obiettivi del “Pacchetto 20-20-20” per ridurre del 20% le emissioni di CO2 entro il 2020, aumentando al contempo la produzione di energia proveniente da fonti rinnovabili.

La possibilità di lavorare in rete con le amministrazioni limitrofe ha dato vita ad interessanti collaborazioni, come è accaduto ad esempio in provincia di Sassari dove sono 67 i Comuni che hanno aderito ad ECOregion o nella provincia di Roma, che ha punta al raggiungimento delle 40 unità entro fine anno.

SCOPRI ANCHE: Quali sono i Comuni con un regolamento edilizio eco-sostenibile?

I numeri delle province che aderiscono al programma sono in continuo aumento, per citarne alcune Ancona, Pordenone, Pescara, Bolzano, Modena, Reggio Emilia, Genova.

Il software ha una licenza di tipo “community” che è stata studiata appositamente per favorire la collaborazione e la sinergia fra gli Enti territoriali, così da poter coinvolgere un numero sempre maggiore di province.

Per chi volesse seguire l’iniziativa questo è il link di accesso diretto al programma http://bilancio-co2.blogspot.it/.

LEGGI ANCHE:


{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *