Parigi lotta con lo smog. Autolib gratis, velocità massima 30 km/h e interdizione perpetua delle vecchie auto

di Claudio Riccardi del 5 dicembre 2012

L’inquinamento che affligge una metropoli si può sconfiggere anche proponendo ai cittadini degli scambi vantaggiosi. Ad esempio: a chi decide di rottamare la vecchia auto inquinante, il Comune regalerà l’abbonamento al servizio di car sharing pubblico. Il caso citato non è un’ipotesi ma realtà ed ha per protagonista la città di Parigi, e il suo sindaco, Bertrand Delanoë, promotore dell’iniziativa.

Questo vero e proprio incentivo mira a spingere l’Autolib, un vero e proprio autonoleggio cittadino che può contare su vetture elettriche disegnate da Pininfarina e prodotte da una joint venture con  messe su strada con importanti investimenti alla fine del 2011. Autolib e la proposta di “baratto” si inseriscono all’interno di un progetto che vuole una Ville Lumière più attenta all’ambiente e alla qualità dell’aria.

SCOPRI COS’E’: Autolib, il car sharing elettrico di Parigi

Delanoë , che è ‘allergico’ alle vetture convenzionali, ha già in mano un pacchetto di misure atte a migliorare la mobilità parigina: divieto di circolazione in centro per gli automezzi pesanti con più di 18 anni, supertassa per camion e tir, circolazione in città a 30 km/habbassamento dei limiti di velocità sulla périphérique, la tangenziale parigina.

La crociata del sindaco socialista ha nel mirino anche i diesel – che sarebbero all’origine della morte prematura di 42.000 persone ogni anno in Francia secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità – e si pensa d’altra parte di  introdurre delle sovvenzioni per favorire l’acquisto di vetture nuove meno inquinanti.

SEMPRE DELLO STESSO SINDACO IL PROGETTO di lotta allo smog ovvero via le auto dal lungo Senna!

L’obiettivo è ambizioso ma ammirevole: entro il 2014 far sparire da Parigi le auto con più di 17 anni di età e le moto con più di 10 anni, ridurre i gas nocivi e l’inquinamento.

Vero è che senza un piano di pedaggio per accedere al centro cittadino come a Londra e Milano, la quantità di auto circolanti sarà di certamente di maggiore modernità ma sarà sempre alta.

Staremo a vedere e magari a copiare!

LEGGI ANCHE:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *