Arriva l’hotel mobile HyperCubus: una struttura temporanea per immergersi nel paesaggio

di Claudia Raganà del 10 marzo 2017

Vivere a contatto con il paesaggio per 24 ore al giorno, cambiando volta per volta scenario, senza rinunciare al comfort di un tetto sulla testa e ai servizi che una struttura alberghiera può offrire.

Nasce così il concept di HyperCubus, l’hotel temporaneo progettato da un’agenzia di design austriaca, StudioWG3, con l’obiettivo di rendere il turismo mobile, ma senza l’uso di caravan o attrezzature di campeggio. Ma garantendo sempre un’immersione totale nell’ambiente prescelto.

hypercubus_04

La struttura cubica, dà il senso di temporaneità solo a vederla, poggiata su uno spigolo, come se da un momento all’altro rotolasse via verso nuove destinazioni.

In realtà è saldamente ancorata al terreno,tramite una piattaforma di appoggio in cemento, e raggiungibile all’interno tramite degli scalini in ferro.

All’interno, scopriamo degli ambienti molto accoglienti, volti a massimizzare al meglio gli spazi esigui.

Organizzato come un loft su tre livelli, il cubo dispone di una zona giorno all’ingresso, al livello inferiore,che permette di godere della vista dalle finestre; al livello intermedio invece troviamo i servizi igienici; il livello più alto, infine, è stato pensato per la zona notte.

Quel che non è stato previsto è l’ambiente ristoro e cucina, il che evidenzia ancora di più lo scopo con cui HyperCubus è stato pensato e realizzato, ossia per brevi soggiorni e per frequenti spostamenti.

Hypercubus-7

I cubi possono essere facilmente sganciati dalla piattaforma,per essere trasportati come un container, da apposite motrici, verso una nuova provvisoria sistemazione in ambienti differenti.

Viene quasi da pensare di trovarsi davanti ad un’evoluzione, ricca di comfort, del campeggio nel Ventunesimo Secolo.

download

Per maggiori informazioni: http://www.wg3.at/

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment