Ambiente

Tutte le grandi città europee vogliono bandire le auto dal loro centro

I danni permanenti causati dall’inquinamento sono oramai noti e sono sempre più i Governi che attuano misure di prevenzione per contenere il fenomeno; a livello cittadino le Amministrazioni sono anch’esse in prima linea nell’abbattimento del livello di inquinamento, tanto che ormai quasi tutte le grandi città europee vogliono bandire le auto dal loro centro urbano, pedonalizzando o inserendo un programma di pollution tax per l’entrata dei veicoli.

Tutte le grandi città europee vogliono bandire le auto dal loro centro

Se fino a qualche anno fa la problematica dello smog era affrontata solo da pochi amministratori illuminati, adesso fortunatamente il panorama è completamente cambiato e la questione inquinamento è sui tavoli di molti burocrati.

Leggi anche: Mobilità sostenibile del futuro: nei prossimi 50 anni

Ad oggi ci sono centinaia di città che hanno bandito del tutto il traffico di auto creando delle vere e proprie oasi pedonali in zone specifiche, dove il rombo dei motori ha lasciato posto al silenzio o al vocio dei passanti.

Ad Amburgo, per esempio, grazie al progetto Green Network, dal 2034 ci sarà divieto assoluto di transitare in macchina sul 40% del territorio.  La seconda città tedesca per popolazione, ha deciso di puntare su uno stile di vita più sostenibile per migliorare la qualità della vita.

A MilanoLondra e a Stoccolma invece, per scoraggiare gli automobilisti, si è ricorso a misure più restrittive, tassando coloro che decidono di utilizzare l’auto in centro città.

Per maggiori approfondimenti: Piste ciclabili a Copenhagen, ora sono sopraelevate!

Secondo Siim Kallas, commissario dei trasporti dell’Unione europea, non bastano più le zone a traffico limitato: l’Europa vuole cambiare rotta e anche in maniera drastica, eliminando completamente i veicoli a combustione e consentendo il transito cittadino solo a quelli elettrici.

Il divieto delle auto a Dublino, finora ha prodotto buoni risultati. Le vie si sono riempite di artisti di strada, ballerini e pedoni che passeggiano tranquillamente riscoprendo atmosfere di un tempo. Il sindaco Oison Quinn sta pensando di destinare anche altre aree al progetto e di stabilire che una domenica al mese il centro venga chiuso al traffico lasciando spazio a bancarelle e mercatini.

Tante città europee vogliono bandire le auto, tra queste anche Bruxelles e Vienna, che hanno deciso di puntare alla totale pedonalizzazione del centro storico, mentre Copenhagen è ormai un baluardo storico di questa tendenza, e il suo traffico è costituito prevalentemente da bici.

pedonalizzazione
Tutte le grandi città europee vogliono bandire le auto dal loro centro

Così facendo, non solo si abbattono le emissioni di CO2, ma si favorisce una maggiore rivitalizzazione dei quartieri, aiutando i piccoli negozianti e incentivando il turismo e le attività commerciali, che al contrario di quanto comunemente si pensi, sono favorite negli affari dal passaggio dei pedoni invece che dallo sfrecciare delle auto.

Potrebbe interessarti:  Parcheggiare a Madrid: chi inquina di più paga di più!

Inoltre sarebbe molto più facile spostarsi in bicicletta senza correre ogni volta il rischio di essere investiti da automobilisti frettolosi e distratti. In questa direzione grandi città come Parigi e Berlino hanno un piano di incentivazione al bike sharing che funziona da anni, permettendo ai cittadini di usare le due ruote come se fossero dei mezzi pubblici.

Immagine: Shutterstock

Alessia

Nata in Abruzzo nel 1982, si trasferisce a Roma per conseguire una laurea e un master in psicologia, ma dopo una decina d'anni rientra nel suo piccolo paese ai piedi della Majella, fuggendo dalla vita metropolitana. Attualmente coniuga l'attività di psicologa libero professionista con la passione per la scrittura, un hobby coltivato sin dalle scuole superiori. Collabora con la redazione di Tuttogreen dal 2011, cura un blog personale di taglio psicologico e scrive articoli per un mensile locale. Nel tempo libero ama passeggiare nei boschi e visitare i piccoli borghi, riscoprendo le antiche tradizioni d'un tempo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close