Notizie

Coltivare la canapa aiuterebbe l’agricoltura italiana

Canapa2.0. Così potrebbe essere sintetizzata l’iniziativa di due giovani imprenditori italiani: Eugenio Battaglia e Jacopo Amistani. Loro infatti vogliono far ripartire l’utilizzo industriale della canapa, molto in auge negli anni ’50 per la versatilità del prodotto, poi caduto nell’oblio a causa della concorrenza di materiali alternativi, ma soprattutto, per la sua messa al bando poiché da essa si può ricavare la marijuana. In realtà coltivare la canapa aiuterebbe l’agricoltura italiana!

Coltivare la canapa aiuterebbe l’agricoltura italiana

LEGGI ANCHE: Proprietà e benefici dei semi di canapa

Nel nostro Paese da pochi anni si registra una timida ripresa, complice la riabilitazione legale del 1998, che consente la coltivazione delle piante a basso tenore di Thc (la sostanza responsabile degli effetti stupefacenti). Ma siamo comunque molto indietro rispetto ad altri Paesi che non hanno mai smesso di utilizzarla.

L’idea dei due ragazzi, Eugenio, studente di biotecnologie, e Jacopo, fondatore di Open Source Ecology,  è  Hempbox , da “hemp” (canapa in inglese), una start-up che  applica un modello di filiera esportabile e applicabile in qualunque regione italiana.

Portando la coltivazione di Cannabis sativa in quelle aree rurali depresse o abbandonate o depresse  gli si dà una nuova chance per riprendersi e innescare un ciclo virtuoso che porta anche a fornire i semi ad altricoltivatori. Il tutto grazie ad un modello open source in cui la realizzazione di macchinari per la trasformazione della canapa dovranno restare a non oltre gli 80 km di distanza dalle coltivazioni.

VAI A: Olio di canapa come principio attivo per la cosmesi bio ecologica

E’ poi prevista una piattaforma di e-commerce per facilitare la vendita del raccolto. A supportarli Tin Hang Liu, fondatore del progetto OSVehicle – l’automobile personalizzabile che abbatte i costi grazie alla progettazione condivisa e continua da parte di chiunque.

Ora i due giovani italiani aspettano un primo finanziamento pari a 3 milioni di euro per far partire concretamente la loro idea ma intanto a loro va il grande merito di aver riabilitato la canapa, dandogli la possibilità di diventare un fattore per il comparto agricolo in crisi da decenni.

Luca Scialò

Nato a Napoli nel 1981 e laureato in Sociologia con indirizzo Mass Media e Comunicazione, scrive per TuttoGreen da maggio 2011. Collabora anche per altri portali, come articolista, ghost writer e come copywriter. Ha pubblicato alcuni libri per case editrici online e, per non farsi mancare niente, ha anche un suo blog: Le voci di dentro. Oltre alla scrittura e al cinema, altre sue grandi passioni sono viaggiare, il buon cibo e l’Inter. Quest’ultima, per la città in cui vive, gli ha comportato non pochi problemi. Ma è una "croce" che porta con orgoglio e piacere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close