Risparmio energetico

Cosa c’è davvero dentro la bolletta della luce?

A cosa dobbiamo i sostanziosi rincari dell’energia elettrica che rendono sempre più salate le nostre bollette? C’è chi pensa che gli aumenti siano collegabili in qualche modo alle rinnovabili. È davvero possibile? Muniamoci di bolletta e cerchiamo di vederci chiaro.

Cosa c’è davvero dentro la bolletta della luce?

Partiamo dal presupposto che una famiglia italiana spende mediamente 494 euro all’anno per soddisfare i consumi elettrici domestici. Nella prima riga del conto solitamente troviamo indicati i servizi di vendita, ovvero i KW effettivamente consumati che corrispondono al 59,5% del totale (circa 294 euro) e che sono imputabili  a tutte le centrali ad esclusione delle rinnovabili che ricevono incentivi diretti. Il 90% di questi servizi, inoltre, va a impianti a metano, carbone e petrolio i cui costi, negli ultimi 5-6 anni, sono più che raddoppiati.

La seconda voce della nostra bolletta riguarda i cosiddetti ‘servizi di rete’ (costi di distribuzione) che equivalgono mediamente a 69 euro all’anno; di questi, circa 40 euro costituiscono una quota fissa che il cliente paga a prescindere dai consumi reali. A gravare ulteriormente sul conto c’è poi l’IVA (67 euro/anno) che paradossalmente viene corrisposta dal consumatore anche sugli incentivi, nonostante non rappresentino né beni, né servizi.

E poi ci sono gli oneri generali di sistema, una vera e propria ‘matrioska’, un calderone da 64 euro in cui finisce di tutto: 48 euro pagano gli incentivi a fotovoltaico, eolico e biomasse; 10 euro vanno alle ‘fonti assimilate alle rinnovabili’ (in realtà si tratta di inceneritori, acciaierie, impianti a carbone e raffinerie); 6 euro vanno al nucleare, la ricerca scientifica, tariffe sociali, imprese elettriche varie. Voci di costo, insomma, che con il servizio erogato c’entrano poco o niente.

Morale: le rinnovabili ci costano 48 euro/ anno ma producono il 10% dell’energia che utilizziamo con un corrispondente 10% del peso rappresentato sulla bolletta. Nulla di lontanamente paragonabile al costo sempre più alto delle fonti ‘tradizionali’ che solo dall’inizio dell’anno è salito di 49 euro in media sul totale. E mentre è certo che il prezzo del petrolio continuerà a salire, il prezzo delle rinnovabili crescerà solo di pochi euro. E non è tutto: le rinnovabili hanno consentito di abbassare il costo dell’energia nelle ore di punta con ovvi benefici per gli utenti.

Alla luce di questi dati, c’è ancora qualcuno pronto a giurare che la colpa sia tutta delle rinnovabili?

Vedi anche:

Erika Facciolla

Giornalista pubblicista e web editor free lance. Nata a Cosenza il 25 febbraio 1980, all'età di 4 anni si trasferisce dalla città alla campagna, dove trascorre un'infanzia felice a contatto con la natura: un piccolo orticello, un giardino, campi incolti in cui giocare e amici a 4 zampe sullo sfondo. Assieme a lattughe, broccoli e zucchine coltiva anche la passione per la scrittura e la letteratura. Frequenta il liceo classico della città natale e dopo la maturità si trasferisce a Bologna dove si laurea in Scienze della Comunicazione. Dal 2005 è pubblicista e cura una serie di collaborazioni con redazioni locali, uffici stampa e agenzie editoriali del bolognese. Nel 2011 approda alla redazione di TuttoGreen con grande carica ed entusiasmo. Determinata, volitiva, idealista e sognatrice, spera che un giorno il Pianeta Terra possa tornare ad essere un bel posto in cui vivere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close