Greentech

Fulmini per spaccare i detriti di cemento da riciclare

In tema di rifiuti e di riciclo oltre ai materiali di uso comune come plastica, carta e vetro, una parte importante dell’inquinamento prodotto dall’uomo è rappresentata dagli scarti di cemento e da tutti quei detriti derivanti dall’attività in campo edile.

Fulmini per spaccare i detriti di cemento da riciclare

Parliamo di milioni di tonnellate di calcinacci prodotti ogni anno da demolizioni, nuove costruzioni e ristrutturazioni di edifici che finora potevano essere utilizzati solo come base per il rifacimento delle strade.

LEGGI ANCHE: Muri con bottiglie di plastica? Più solidi di quanto si credesse…

Da oggi, però, la situazione potrebbe cambiare visto che i ricercatori del tedesco Fraunhofer Institute hanno sperimentato un metodo sorprendente per rompere e separare le parti riutilizzabili del calcestruzzo: le esplosioni di fulmini. Il metodo utilizzato finora per rompere il calcestruzzo causava il deterioramento della maggior parte dei materiali recuperabili con il risultato di renderli inutilizzabili.

Con il metodo di frammentazione elettrodinamica messo a punto dai fisici tedeschi, invece, è possibile ricreare un’onda di pressione potente quanto una piccola esplosione, capace di spezzare e scomporre il calcestruzzo nelle sue componenti di base: pietra e cemento.

LO SAPEVI? E’ in arrivo il cemento che si auto-ripara

Ciò consentirebbe non solo di riutilizzare la ghiaia per i rivestimenti stradali, e anche di ottenere nuovo calcestruzzo con un processo di lavorazione in grado di ridurre notevolmente le emissioni di CO2. Il responsabile del progetto, Volker Thome, sta perfezionando la tecnica con un impianto di frammentazione che attualmente riesce a lavorare una tonnellata di detriti all’ora, ma l’obiettivo è raggiungere le 20 tonnellate.

Tutto questo potrebbe rappresentare un enorme passo in avanti in chiave ambientale se pensiamo che l’industria cementiera dedicata alla produzione di calcestruzzo è responsabile della produzione mondiale dell’ 8-15% di CO2.

Erika Facciolla

Giornalista pubblicista e web editor free lance. Nata a Cosenza il 25 febbraio 1980, all'età di 4 anni si trasferisce dalla città alla campagna, dove trascorre un'infanzia felice a contatto con la natura: un piccolo orticello, un giardino, campi incolti in cui giocare e amici a 4 zampe sullo sfondo. Assieme a lattughe, broccoli e zucchine coltiva anche la passione per la scrittura e la letteratura. Frequenta il liceo classico della città natale e dopo la maturità si trasferisce a Bologna dove si laurea in Scienze della Comunicazione. Dal 2005 è pubblicista e cura una serie di collaborazioni con redazioni locali, uffici stampa e agenzie editoriali del bolognese. Nel 2011 approda alla redazione di TuttoGreen con grande carica ed entusiasmo. Determinata, volitiva, idealista e sognatrice, spera che un giorno il Pianeta Terra possa tornare ad essere un bel posto in cui vivere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close