Auto

Google e l’auto elettrica che si guida da sola

Come suggerisce il buon senso, il conducente di un’autovettura non dovrebbe essere mai disturbato dai passeggeri durante la guida per evitare pericolose distrazioni. E se l’auto elettrica che si guida da sola? E c’è chi ha già pensato a tramutare in realtà quella che finora poteva essere considerata soltanto una fantasia.

Google e l’auto elettrica che si guida da sola

La prima ‘self-driving car’ esiste davvero ed è stata sviluppata dagli ingegneri del colosso californiano Google con l’obiettivo di rivoluzionare il concetto di guida così come lo abbiamo concepito finora.

Sicurezza, confort e tanta tecnologia integrata sono le caratteristiche della prima auto dove guidatore, pedali e volante non servono più. Al loro posto, infatti, Google ha messo software e sensori sofisticati in grado di condurre il mezzo in piena autonomia e in tutta sicurezza anche per persone anziane, disabili e non vedenti.

Leggi anche: Auto elettriche 2014: il listino completo
Un progetto ambizioso che ha visto la luce negli uffici di Mountain View e che entro l’estate sfornerà 100 prototipi che verranno testati su strada per capirne criticità e potenzialità ancora da sviluppare. Per movimentare la Google car sarà sufficiente selezionare la destinazione desiderata da un pannello di controllo, allacciare le cinture di sicurezza e lasciarsi guidare fino alla meta.

Dotazioni minimal (due sedute posteriori, un bottone ‘start’ per l’accensione, un bagagliaio spazioso e uno schermo per monitorare il percorso durante il viaggio), design ‘fumettistico’ simile a una Cinquecento stilizzata, ma che verrà sicuramente modificato se gli esiti dei test daranno riscontri positivi e il prototipo dovesse essere messo in produzione per il lancio sul mercato.

Scopri questo: Facebook vuole dei droni per portare internet dove non c’è

Perché la Google car possa guidarsi autonomamente basterà affidarsi alla capacità dei sensori esterni e del radar laser montato sul tettuccio di monitorare lo spazio, e rilevare eventuali ostacoli in un raggio di 200 metri. In caso di necessità è possibile fermare il veicolo pigiando un semplice bottone.

Il futuro è già qui’, verrebbe da dire guardando questa mirabolante autovettura, e a detta dei suoi inventori non costerà neanche una fortuna. Ai più scettici non resta che aspettare…

Erika Facciolla

Giornalista pubblicista e web editor free lance. Nata a Cosenza il 25 febbraio 1980, all'età di 4 anni si trasferisce dalla città alla campagna, dove trascorre un'infanzia felice a contatto con la natura: un piccolo orticello, un giardino, campi incolti in cui giocare e amici a 4 zampe sullo sfondo. Assieme a lattughe, broccoli e zucchine coltiva anche la passione per la scrittura e la letteratura. Frequenta il liceo classico della città natale e dopo la maturità si trasferisce a Bologna dove si laurea in Scienze della Comunicazione. Dal 2005 è pubblicista e cura una serie di collaborazioni con redazioni locali, uffici stampa e agenzie editoriali del bolognese. Nel 2011 approda alla redazione di TuttoGreen con grande carica ed entusiasmo. Determinata, volitiva, idealista e sognatrice, spera che un giorno il Pianeta Terra possa tornare ad essere un bel posto in cui vivere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close