News

IBM sviluppa una cella solare sempre più efficiente

Dalla collaborazione tra Solar Frontier, Tokyo Ohka Kogyo (TOK) e DelSolar, la nota azienda statunitense IBM ha sviluppato una cella solare unica nel suo genere, efficiente, conveniente ma soprattutto costituita da materiali naturali.

IBM sviluppa una cella solare sempre più efficiente

Sono stati utilizzati rame, zinco e stagno, elementi facilmente reperibili in natura, per realizzare un semi-conduttore solare noto con il nome CZTS. Dai primi test l’efficienza è stata calcolata pari all’11, 1% , ben il 10% in più rispetto alle attuali celle fotovoltaiche.

L’obiettivo finale è quello di mettere a punto un sistema per produrre celle solari a costi inferiori e con materiali maggiormente disponibili. Al momento il fotovoltaico impiega semi-conduttori in CIGS (rame-indio-gallio-selenio) o CdTe (telloruro di cadmio), elementi rari e la cui produzione richiede numerosi passaggi, dal momento che non si trovano puri in natura, senza considerare le spese che devono essere sostenute per l’intera lavorazione.

Abbassare i costi e trovare un metodo di produzione industriale favorirebbe la larga diffusione delle energie rinnovabili, consentendo l’accesso anche a quelle fasce di popolazione che pur essendo attive nella tutela del pianeta, spesso si lasciano scoraggiare dai costi proibitivi degli impianti fotovoltaici.

Sarebbe un passo avanti importante e non ci resta che attendere ulteriori sviluppi!

Leggi anche:

 

Alessia

Nata in Abruzzo nel 1982, si trasferisce a Roma per conseguire una laurea e un master in psicologia, ma dopo una decina d'anni rientra nel suo piccolo paese ai piedi della Majella, fuggendo dalla vita metropolitana. Attualmente coniuga l'attività di psicologa libero professionista con la passione per la scrittura, un hobby coltivato sin dalle scuole superiori. Collabora con la redazione di Tuttogreen dal 2011, cura un blog personale di taglio psicologico e scrive articoli per un mensile locale. Nel tempo libero ama passeggiare nei boschi e visitare i piccoli borghi, riscoprendo le antiche tradizioni d'un tempo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sullo stesso argomento
Close
Back to top button