Notizie

Inquinamento da arsenico nel cibo: un pericolo nascosto

L’inquinamento da arsenico non è tra le priorità dei cittadini europei. Eppure dovrebbero sapere che quello che hanno mangiato negli ultimi anni era (ed è ancora oggi) contaminato da livelli preoccupanti di questo veleno.

Inquinamento da arsenico nel cibo: un pericolo nascosto

L’allarme è grave, la fonte (la European Food Safety Authority – EFSA) decisamente attendibile visto che si tratta dell’agenzia che ha il compito di monitorare la presenza di contaminanti chimici nel cibo che finisce sulle nostre tavole.

Sapete… Come disintossicarsi dal mercurio?

Stando ai dati raccolti nell’ultimo rapporto Dietary exposure to inorganic arsenic in the European population pubblicato dall’EFSA e basato sui controlli effettuati in 21 paesi europei, Italia compresa, gli alimenti disponibili sul mercato del Vecchio Continente sarebbero contaminati da arsenico.

La pericolosa sostanza– che può essere immessa nell’ambiente attraverso l’attività industriale e l’uso di fertilizzanti chimici e pesticidi – presenterebbe le concentrazioni più alte soprattutto in latte e latticini, acqua potabile, prodotti derivati e alimenti per l’infanzia. Ciò vuol dire che il consumo regolare di questi cibi, soprattutto nella dieta dei bambini, aumenta l’esposizione all’arsenico in particolare durante i primi tre anni di vita.

Leggi anche: 

Le indagini nutrizionali effettuate dagli esperti europei hanno stabilito che il consumo giornaliero medio individuale di alimenti contenenti arsenico induce ad un’esposizione cronica compresa tra 0,09 – 0,38 μg/kg percentile al giorno per livelli di esposizione media, e fra 0,14 – 0,64 μg/kg p.c. al giorno per il 95imo percentile di esposizione. L’unico parametro di riferimento è il valore massimo di arsenico consentito dall’UE per le acque potabili che attualmente è pari a 10μg/L.

La buona notizia è che l’Italia non risulta nell’elenco dei Paesi più a rischio, ma il pericolo arsenico rimane una minaccia latente di fronte la quale non è concesso abbassare la guardia.

Erika Facciolla

Giornalista pubblicista e web editor free lance. Nata a Cosenza il 25 febbraio 1980, all'età di 4 anni si trasferisce dalla città alla campagna, dove trascorre un'infanzia felice a contatto con la natura: un piccolo orticello, un giardino, campi incolti in cui giocare e amici a 4 zampe sullo sfondo. Assieme a lattughe, broccoli e zucchine coltiva anche la passione per la scrittura e la letteratura. Frequenta il liceo classico della città natale e dopo la maturità si trasferisce a Bologna dove si laurea in Scienze della Comunicazione. Dal 2005 è pubblicista e cura una serie di collaborazioni con redazioni locali, uffici stampa e agenzie editoriali del bolognese. Nel 2011 approda alla redazione di TuttoGreen con grande carica ed entusiasmo. Determinata, volitiva, idealista e sognatrice, spera che un giorno il Pianeta Terra possa tornare ad essere un bel posto in cui vivere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close