Latte crudo alla spina: bollitura immediata si o no?

di Federico del 22 Settembre 2010

Personalmente sono un grande fan del latte crudo alla spina e grazie al post sulle MilkMaps ho scoperto un distributore vicino alla casa della mia fidanzata, quello che vedete in foto, il distributore automatico di latte fresco e yogurt prodotti alla Cascina Misericordia di Bellinzago Lombardo, dell’Azienda agricola Passoni Antonio & C. che si trova proprio di fronte al Comune di Segrate (MI).

Latte crudo alla spina: bollitura immediata si o no?

LEGGI ANCHE: Latte crudo: i veri benefici del latte alla spina

Il distributore propone anche una serie di yogurt e soprattutto delizia i bambini con un crescendo di versi di mucca mentre si spilla il gustosissimo latte.

Fine dello spero non troppo noioso stacco pubblicitario e sotto con la questione pratica.

Io di solito consumo settimanalmente il mio litro di crudo e qualche yogurt senza problemi, in particolare il latte lo consumo entro 48H dal prelievo senza bollitura e su quest’ultimo punto ho avuto più volte occasione di scambiare opinioni con amici e conoscenti ancora spaventati dall’incredibile campagna mediatica scatenata un paio d’anni fa.
Campagna mediatica alla cui base stanno contrapposti interessi economici (industria del latte vs allevatori), come spiegato efficacemente e sinteticamente per esempio da Aldo Nardini.

Come andò a finire questa campagna mediatica, con il latte crudo alla spina criminalizzato manco si trattasse di sigarette, è presto detto: da allora fu fatto obbligo a tutti i distributori di latte crudo alla spina di esporre la dicitura “prodotto da consumare solo dopo bollitura”.

Io, come dicevo, “mi fido” a consumarlo crudo (il virgolettato per indicare un concetto di fiducia molto relativo, visto che implicitamente nutriamo la stessa “fiducia” verso qualsiasi cosa consumiamo, senza effettivo controllo diretto su tutta la filiera).
Anche perchè con la bollitura perde senso il prodotto del latte crudo, venendo meno le proprietà naturali (nutritive, antiossidanti e altre) che contraddistinguono questo prodotto rispetto al latte pastorizzato.

Ma voi, se siete consumatori di latte crudo alla spina, che ne pensate?

Se invece foste allergici al latte o aveste fatto una scelta vegan, ecco quali sono tutte le alternative vegetali al latte vaccino.

{ 4 comments… read them below or add one }

maria agosto 6, 2011 @ 12:07 pm

Ho sempre avuto grossi problemi di digeribilità con il latte industriale, peggio ancora se scremato o delattosato, tanto che pensavo di essere intollerante.
Da quando bevo latte crudo senza bollirlo non ho più avuto nessun problema!

Rispondi

miki giugno 5, 2011 @ 12:38 pm

il latte alla spina a segrate si ferma a 995 ,invece che a un euro,saluti

Rispondi

Vincenzo Coluccio marzo 20, 2011 @ 4:03 pm
Federica settembre 22, 2010 @ 1:45 pm

Mia madre lavora all’ASL, sezione controllo alimentare e ha sempre detto che è consigliabile bollire il latte prima della consumazione, ma non obbligatorio. Se s’intende farlo bere ai bambini potrebbe essere meglio, ma non dovrebbe procurare “danni”.

Purtroppo soffro d’intolleranza al lattosio e quindi non posso più bere il latte fresco che mi è sempre piaciuto tantissimo…non sai quanto t’invidio!

Rispondi

Leave a Comment