Notizie

L’inquinamento inizia da piccoli. Studenti a scuola in auto e moto

Un’indagine realizzata da Legambiente ed Euromobility, su un campione di 5.516 studenti di 8 città, in collaborazione con #Salvaiciclisti, Fiab, Rete Mobilità Nuova e Sistema, rivela quanto l’inquinamento proveniente dall’uso di mezzi privati parta già dalle scuole: un terzo degli studenti utilizza lo scooter, che diventano il 40% compiuta la maggiore età.

L’inquinamento inizia da piccoli. Studenti a scuola in auto e moto

SCOPRI QUESTO: Uno studio lega il successo scolastico al verde urbano

Le città coinvolte sono state: Bologna, Carrara, Catania, Potenza, Ravenna, Roma, Torino e Venezia-Mestre. Tra loro, Carrara e Roma si aggiudicano percentuali di uso di veicoli privati a motore poco lusinghieri, ossia prossimi all’80%. Mentre il capoluogo dove piedi, bici e trasporto pubblico sono più diffusi è Venezia-Mestre. Qui solo l’8,7% dei ragazzi coinvolti nell’indagine ricorre all’auto o allo scooter privato. Ma anche Torino ne esce bene: il 59,3% degli studenti si affida a bus, tram e treno metropolitano.

Questi i numeri in generale: la distanza media percorsa per andare da casa a scuola è stata pari a 9 km: la più breve a Roma (3,6), seguita da Carrara (5,3); la più elevata quella di Potenza (16,7).

LEGGI ANCHE: Educare alla sostenibilità? Si può, a partire dalla scuola e dal gioco

A 15 e 16 anni l’uso di veicoli privati a motore come conducente o come passeggero si attesta al 30% circa. Lo 0,9% dei 15enni guida il motorino e la percentuale cresce al 3,5% tra i 16enni.

Al crescere dell’età, aumenta l’uso di scooter e macchine: quasi il 40% a 19 anni e addirittura il 50% circa a 20 anni. Possiamo comunque aggiungere che in molti casi la loro è una scelta obbligata, visti i disservizi dei mezzi pubblici offerti dalle loro città o l’impossibilità di andare in bici.

Luca Scialò

Nato a Napoli nel 1981 e laureato in Sociologia con indirizzo Mass Media e Comunicazione, scrive per TuttoGreen da maggio 2011. Collabora anche per altri portali, come articolista, ghost writer e come copywriter. Ha pubblicato alcuni libri per case editrici online e, per non farsi mancare niente, ha anche un suo blog: Le voci di dentro. Oltre alla scrittura e al cinema, altre sue grandi passioni sono viaggiare, il buon cibo e l’Inter. Quest’ultima, per la città in cui vive, gli ha comportato non pochi problemi. Ma è una "croce" che porta con orgoglio e piacere.

Articoli correlati

Un commento

  1. Buongiorno,
    Siamo un’azienda che si occupa della gestione degli impianti dell’aria e del condizionamento ed abbiamo sviluppato dopo 13 anni di attività un progetto per rendere salubre l’aria al 100% negli impianti dell’aria.
    Specialmente nei servizi al pubblico.

    AIRsana BUZZICLIMA UN NUOVO LAVORO PER LA SALUTE E IL BENESSERE

    ANNO DELL’ARIA 2013 (OMS)

    SPECIALIZZATI IN MANUTENZIONE E SANIFICAZIONE MICROBIOLOGICA CON VAPORE SATURO A 160° PER IMPIANTI DELL’ARIA E DEL CONDIZIONAMENTO
    FARMACIE – STUDI MEDICI-POLIAMBULATORI-STUDI DENTISTICI

    AMBIENTE – “L’inquinamento dell’aria fa male alla salute. Riduce l’aspettativa di vita delle persone, in media, di più di otto mesi nelle città maggiormente inquinate. Gli stati membri devono raggiungere velocemente gli standard di qualità dell’aria e ridurre le emissioni inquinanti.” Così si apre il documento “Air quality in Europe” dell’European Environment Agency.

    È per questo che l’Unione Europea ha deciso di dichiarare il 2013 l’anno dell’aria: in quest’anno le discussioni sulle politiche ambientali dell’Unione Europea si concentreranno sul tema della qualità e dell’inquinamento dell’aria.

    Noi stiamo lavorando per respirare Tutti meglio

    http://www.airsana.it
    info@airsana.it

    AIRsana Buzziclima

    titolare e responsabile tecnico

    Buzzi Marco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close