Notizie

Mare pulito in Italia: ancora ai primi posti nel report UE 2014

Nella rilevazione del 2014, emerge un quadro di mare pulito in Italia: siamo settimi nella UE, saliamo di una posizione rispetto all’anno scorso, staccando le spiagge d’oltralpe.

Sorpresi di sentire parlare di mare pulito in Italia? Eppure è quello che emerde dalla rilevazione annuale dell’Agenzia Europea per l’Ambiente: ben il 96,6% delle acque costiere italiane è in regola con gli standard dell’Unione (5.200 su 5.507), mentre l’86,9% di tutte le acque balneabili è di qualità eccellente.
Un quadro migliore rispetto alle vicine Francia e Spagna, che fa ben sperare per la prossima stagione balneare.

Mare pulito in Italia: ancora ai primi posti nel report UE 2014

Crescono dunque i luoghi italiani in cui bagnarsi non è più un pericolo: nel 2013 erano 4.309, nel 2014 sono saliti a 4.377; parimenti, diminuiscono le aree in cui l’acqua è di qualità scadente: si va dai 135 siti registrati nel 2013 ai 105 dell’anno scorso, dati che ci danno la misura di quelle che saranno le previsioni relative alla prossima estate.

APPROFONDISCI: Il mare più bello: la guida alle spiagge più pulite di Legambiente

Meglio di noi hanno fatto solo Cipro, Lussemburgo (qui ovviamente si parla dei siti balneabili non marittimi ndr), Malta, Grecia, Croazia e Germania; il Lussemburgo in particolare, guida la classifica dei siti balneabili non marittimi, con un perfetto 100%.

Le nazioni-fanalino di coda sono mediamente concentrate nell’est-Europa: Slovenia e Albania in testa; colpo di coda anche per la rilucente Svizzera.

mare pulito
E’ a Cipro il mare più pulito d’Europa

Discorso simile anche per le spiagge e le aree costiere; la EEA ha infatti analizzato, lo scorso anno, ben 21.000 siti, che includono sia aree balneari classiche (marittime) che interne, come nel caso di Svizzera, Lussemburgo e Albania. Confrontando i campioni d’acqua rilevati dalle autorità locali durante l’alta stagione, ha stabilito che ben il 97% di questi siti è conforme agli standard, mentre l’85% è di qualità ‘eccellente’.

QUALI SONO GLI Animali marini a rischio: ecco la top 10

Un’acqua più pulita è un’acqua priva di liquami e di scarti industriali, oltre che di rifiuti di plastica, quindi un’acqua più sicura per tutti gli esseri viventi; se inquinata, l’acqua balneabile può infatti causare problemi anche agli esseri umani: da quelli meno preoccupanti come voltastomaco e diarrea, a quelli più seri come anemia, epatite e seri danni al sistema nervoso. Per chi volesse saperne di più: qui si trova il report dettagliato (in inglese), sulle condizioni delle acque balneabili in Europa; qui si trova invece, sempre in inglese, quello relativo all’Italia.

Potrebbe interessarti anche:

La Ica

Web editor freelance per portali e siti che si occupano di viaggi, lifestyle, moda e tecnologia. Districatrice di parole verdi per TuttoGreen dal maggio 2012, nello stesso anno ha dattiloscritto anche per ScreenWeek. Oggi, pontifica su Il Ruggito della Moda, scribacchia di cinema su La Vie En Lumière, tiene traccia delle sue trasvolate artistiche su she)art. e crea Le Maglie di Tea, una linea di magliette ecologiche.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close