Tutto sul metodo Marie Kondo per riodinare la vostra casa e la vostra vita

di Annabella Denti del 6 Settembre 2019

Scoprite tutto su Marie Kondo e sul metodo elaborato da questa scrittrice giapponese per riodinare la casa e di conseguenza, anche, la vita. Basato sulla relazione tra oggetti ed emozioni tipica del KonMari giapponese, vi cambierà la vita.

Tutto sul metodo Marie Kondo per riodinare la vostra casa e la vostra vita

Chi è Marie Kondo

Marie Kondo è un scrittrice giapponese di libri di economia domestica, tra cui spicca il bestseller mondiale “Il magico potere del riordino” in cui viene l’illustrato il metodo di riordino KonMari da lei stessa ideato.

Fin dall’infanzia, Marie Kondo ha dimostrato interesse per la pratica del riordino e a 19 anni anni ha iniziato a lavorare come consulente in tale settore. Allo stesso tempo la Kondo ha iniziato a studiare sociologia all’Università di Tokyo.

Passione, esperienza pratica e studi in sociologia hanno, quindi, aiutato la Kondo a elaborare il metodo KonMari che sottolinea la relazione tra ordine degli spazi, oggetti ed emozioni.

Il Metodo KonMari

Gli anglosassoni, sempre pratici, hanno un termine, decluttering, che indica il riordino della casa. In genere si tratta di tirar fuori dai mobili tutto il loro contenuto e se selezionare gli oggetti sulla base del loro reale utilizzo. Successivamente, si procede posizionando gli oggetti che si utilizzano più spesso nei posti più comodi e relegando gli altri nelle parti alte dell’armadio, dove è più difficile arrivare.

Quello che non si usa mai, verrà messo in una scatola, che può finire in cantina, da regalare ad amici e conoscenti, da vendere o da buttare. Ma difficilmente si arriva a riempire queste scatole con ciò che effettivamente non usiamo più, perché emotivamente il distacco dagli oggetti è sempre duro. E quindi ciò che effettivamente non serve e non si usa da anni rimarrà in casa a creare ulteriore disordine. Ammassato in qualche angolo riempirà l’armadio o la soffitta.

metodo Marie Kondo

Secondo Marie Kondo è così che ha inizio l’effetto boomerang, per cui prima o poi ci si ritroverà la casa in disordine, in quanto quasi tutto lo spazio è occupato da oggetti che spesso non si usano.

Il concetto base su cui si sviluppa il metodo Marie Kondo è trovare il coraggio e la motivazione sufficiente per separarsi e quindi buttare o regalare gli oggetti che non usiamonon ci rendono felici.

Per farlo si deve imparare a capire che spesso non ci si disfa di qualcosa solo a causa di paure inconsce o significati che sempre inconsciamente attribuiamo alle cose.

Le regole del metodo KonMari

Il metodo Kondo, cioè il KonMari, si basa, quindi, sulle seguenti regole:

  1. Buttate tutti gli oggetti, vestiti o accessori che non vi danno subito un’emozione positiva, se iniziate a pensare troppo a quello che un oggetto vi trasmette, va buttato. Questo probabilmente è lo step più difficile per le sue componenti emotive. Iniziate gradualmente, poi una volta che vi sarete abituati all’idea del distacco da un oggetto, sarà più facile.
  2. Iniziate il riordino sempre dagli indumenti, pare siano una sorta di palestra perfetta per imparare a gestire meglio l’emotività legata al concetto di buttare qualcosa.
  3. Piegate i vestiti in modo da ottenere dei rettangoli da riporre in maniera verticale in modo da creare una sorta di biblioteca degli indumenti.
  4. Iniziate il riordino della vostra casa per categorie e non per zone, quindi, se decidete di ordinare i libri, valutate tutti i volumi presenti nella vostra casa e non solo quelli presenti in una stanza o in una biblioteca.
  5. Assicuratevi di avere tutto il tempo per portare a termine questa attività, una volta iniziato a riordinare una categoria.
  6. Riconoscete il valore degli oggetti che avete deciso di conservare, altrimenti se non riuscite ad attribuirgli un significato, disfatevene.
  7. Procedete al riordino da soli, la presenza di altre persone potrebbe dissuardervi dal buttare via qualcosa.
  8. Non comprate assolutamente nuovi mobili per conservare gli oggetti, altrimenti vi procurereste delle spazio in più dove stipare cose inutili.
  9. Organizzate gli spazi in maniera funzionale e verticale in modo da avere sempre sotto controllo tutto quelle che possedete per non cadere nella tentazione di comprare altro.
  10. Adibite un angolo della casa a vostra area relax e qui esponete gli oggetti che vi sono cari, in questo modo otterrete un luogo del cuore dove ricaricare le vostre energie.

metodo Marie Kondo

Ringrazia gli oggetti che non ti servono

Tra le regole del metodo KonMari per ordinare la casa la più difficile è sicuramente quella che impone il disfarsi degli oggetti che non rendono più felici.

Prima di compiere questo gesto Marie Kondo consiglia, comunque, di ringraziare l’oggetto per il servizio fattoci e salutarlo in modo da limitare i sensi di colpi.

Il consiglio in più è, inoltre, di donare questi oggetti ad amici, conoscenti o associazioni a cui possono servire al fine di limitare sprechi.

Come ordinare le borse

Le borse di ogni misura e colore sono una delle grandi passioni femminili a cui è spesso troppo difficile rinunciare col risultato di stipare gli armadi.

Il metodo Kondo per risolvere questo problema propone di riporre le borse una dentro l’altra, in modo da ridurre notevolmente lo spazio che occupano.

In consiglio in più è, inoltre,  fare questa operazione considerando il colore delle borse e la stagione in cui le usate.

Come ordinare gli asciugamani

Secondo il Metodo Marie Kondo gli asciugamani andrebbero suddivisi per misura e poi piegati a forma di triangolo o rettangolo.

Se avete degli asciugamani che volete conservare per utilizzarli come stracci, non appallottolati, ma piegateli ordinatamente al fine di occupare meno spazio.

Ricordatevi che qualsiasi cosa riposta in maniera disordinata o poco razionale occupa più spazio.

metodo Marie Kondo

Come ordinare le magliette

Tutte le maglie, magliette e i vestiti in generali andrebbero piegati sempre a forma di rettangolo o quadrato.

Quando le riponete nei cassetti non posizionate le magliette una sopra l’altra ma mettetele in maniera verticale in modo da poterle vedere tutte in un unico colpo d’occhio.

In questo modo sarà più facile e immediato trovare la maglietta che desiderate indossare ed estraendola dal cassetto non rischiate di mettere tutto in disordine.

Le valigie e il metodo Kondo

La preparazione delle valigie sia per un weekend che per vacanza più lunga è sempre un momento delicato in cui l’ordine gioca un ruolo fondamentale.

Il suggerimento di Marie Kondo è di applicare, anche, alla valigia le stesse regole utilizzate per il riordino in casa. Portate con voi solo capi d’abbigliamento che siete sicuri di usare, lasciando da parte ogni fantasticheria e dubbo del tipo “potrei usarlo, magari mi servirebbe”.

Una volta scelti gli abiti da portare con voi, piegateli forma di rettangolo disponendo gli indumenti più delicati sul fondo della valigia.

I tutorial sul metodo Kondo

Se siete curiosi di vedere come Marie Kondo piega i vari capi d’abbligliamento cercate su youtube i numerosi tutorial che la vedono protagonista.

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment