Monti Liguri: Val Nervia e Alta Valle Arroscia

di Claudio Riccardi del 18 luglio 2011

Scorci naturalistici mozzafiato, una serie di ambienti diversi che si susseguono nel giro di pochi chilometri, bellezze architettoniche, sapori raffinati, eventi, e diverse opportunità per praticare attività salutari all’aria aperta. Il progetto Alta via dei Monti Liguri si presenta davvero ricco di contenuti, per capirlo basta focalizzarsi su una delle tante aree inserite nel circuito dei sentieri montani.

Monti Liguri: Val Nervia e Alta Valle Arroscia

Partiamo per esempio dal limite occidentale, laddove il Ponente ligure confina con la Francia. Percorrendo la strada che tra Ventimiglia e Camporosso Mare sale verso le Alpi Marittime, ecco che si sviluppa la Val Nervia. Si estende per una ventina di chilometri, perpendicolarmente alla costa, e percorsa dal torrente che le conferisce il nome.

L’ambiente è caratterizzato da scenari rupestri, dala presenza dominante dell’ulivo e dai terrazzamenti a vigna, base di partenza per il pregiato Rossese Doc. Man mano che si sale la macchia mediterranea lascia posto a faggi e larici, mentre rimane intatto lo spettacolo visivo offerto dai vecchi borghi, tutti ben conservati, arroccati sui crinali o disposti a grappolo su coste di monte. Da visitare le chiese parrocchiali, ricche di affreschi e sculture proposte da artisti itineranti.

Un bel particolare delle cascate della Val Nervia: cliccate sulla foto per vedere la fotogallery completa

Del resto numerose si segnalano attività di intrattenimento: la valle Nervia propone al visitatore spettacoli di teatro, mostre d’arte, sagre che permettono di respirare un ricco passato di mestieri e tradizioni culinarie. Per gli amanti delle passeggiate, del trekking e delle gite a cavallo c’è solo l’imbarazzo della scelta: decine i percorsi che si inerpicano tra i confini di Liguria, Piemonte e Francia, tutti segnati e ben organizzati a livello di ristori, che siano rifugi o agriturismi. L’Associazione Alta via dei Monti Liguri propone inoltre visite guidate, condotte da Guide Alpine certificate.

Risalendo la costa, in direzione nord, un approfondimento lo merita l’Alta Valle Arroscia. Una meta agognata dagli amanti della natura, della quiete, dell’arte e delle antichità. Un territorio multiforme quello disegnato dal torrente Arroscia, che nella zona alpina scorre in mezzo a  faggete, lariceti, rododendri e praterie d’alta quota; nella bassa valle, invece, laddove si intravvede la fascia costiera, si delineano le fasce coltivate ad ulivi e viti, alternate a boschi di castagni e arbusti mediterranei.

Raggiungibile da Imperia o Albenga, la Valle abbandona ben presto la dolcezza della Riviera  per salire sino a quote di oltre 2000 metri: questo è il regno degli appassionati di mountain bike, sci di fondo e kayak, interessanti anche i  percorsi guidati da godersi in sella a un cavallo.

Non mancano i motivi d’attrazione culinaria, come le strutture di soggiorno a gestione biologica e gli scorci storico-architettonici da ammirare a Pieve di Teco, Borghetto, Cesio e negli altri Comuni che si incontrano nella vallata.

Articoli correlati:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment