Notizie

Per sempre insieme: ecco il cimitero per i padroni e i loro pet

Essere sepolti vicino al proprio compagno a quattro zampe? A Fauglia, provincia di Pisa, potrebbe diventare realtà. Carlo Carli, il sindaco, afferma che il terreno è già stato individuato sulle colline pisane e, insieme alla sua giunta, sta mettendo a punto il progetto di un cimitero misto, in cui gli umani potranno far richiesta di essere tumulati vicino al proprio cane, cavallo, gatto e ad altre specie domestiche.

Per sempre insieme: ecco il cimitero per i padroni e i loro pet

Naturalmente si è già accesa la polemica tra chi la considerano un’idea all’avanguardia, che finalmente restituisce agli amici pelosi, in vita fonte di estremo amore e benessere, il giusto riconoscimento anche dopo la morte e la dovuta collocazione insieme alla “famiglia” di appartenenza, e coloro che, invece, ne fanno un discorso di ordine etico-religioso e che considerano questa possibilità dissacrante, se non addirittura blasfema.

SCOPRI ANCHE: Green fino alla fine, ora le bare sono biodegradabili

Per risolvere la disputa, si potrebbe guardare alla Gran Bretagna, paese in cui i cimiteri misti sono stati approvati con un provvedimento del gennaio 2010, sulla spinta di un’iniziativa ad opera di un certo Penny Lally, gestore del ‘Woodland Burial Place’. Qui Penny afferma di aver sepolto nel 2003 più di 30 persone insieme ailoro cani.

Il precedente storico per eccellenza, però, è quello di Lord Byron. Egli non ebbe mai in vita il permesso di essere sepolto vicino al suo amatissimo cane terranova Boatswain, e fu per questo che gli dedicò un commovente e lungo epitaffio che termina con queste parole: “Queste pietre segnano il posto di un amico. Uno solo ne ho conosciuto e qui riposa”.

Tema controverso, dunque, questo ma estremamente attuale, che è bene sollevare ormai anche nel nostro paese, dove gli animali domestici, non solo rappresentano da sempre un valido aiuto nel lavoro ma sono ormai considerati da gran parte della popolazione membri della propria famiglia.

Leggi anche:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close