Notizie

Primi fiori coltivati nello spazio

Fino ad oggi, nello spazio erano state coltivate solo lattuga e piantine verdi, come quelle che aveva visto sbocciare Paolo Nespoli nel 2011. Con l’anno nuovo, invece, potremmo vedere sbocciare in orbita i primi fiori, in una speciale serra a bordo della stazione spaziale. I fiori in questione sono le zinnie.

Primi fiori coltivati nello spazio

A seminare i primi «fiori spaziali» nella serra sperimentale chiamata Veggie è stato l’astronauta della NASA Kjell Lindgren. L’esperimento fornirà informazioni su altre piante da fiore che potrebbero essere coltivate nello spazio, compresi ortaggi da frutto.

Qual è lo scopo di questa coltivazione? A spiegarlo è Trent Smith, del Kennedy Space Center, impegnato nell’esperimento Veggie: «Le zinnie sono un test per coltivare piante da frutto come pomodori, da mangiare nello spazio». La coltivazione di pomodori è infatti prevista entro il 2017 e l’esperimento delle zinnie farà capire quanto ciò sarà possibile.

Ma il test servirà anche per capire qual è l’impatto dei fiori sul morale degli astronauti, sulla conservazione dei semi in orbita e dati utili a stabilire se il polline possa causare problemi. Infatti il presupposto è che coltivare una pianta da fiore sia decisamente più impegnativo rispetto alla lattuga, quindi sarebbero maggiori le probabilità di successo con specie edibili, dopo questo primo esperimento con le zinnie.

Inoltre, questi fiori impiegano 60 giorni per crescere, cioè il doppio del tempo impiegato dalla lattuga romana. Al fine di simulare il ciclo di giorno e notte, e stimolare le piante a fiorire, sono state utilizzate delle luci a LED, che restano accese per 10 ore e spente per 14 ore.

La serra è stata sviluppata dall’azienda americana Orbital Technologies e nell’agosto scorso ha già dato il primo raccolto di lattuga rossa romana; primo caso di verdura coltivata e mangiata nello spazio.

Come detto però, il primo caso risale a febbraio 2011, quando il ”nostro” astronauta Nespoli aveva visto spuntare piantine della famiglia del crescione nella piccola serra che faceva parte degli esperimenti della missione MagIsstra.

Leggi anche:

Luca Scialò

Nato a Napoli nel 1981 e laureato in Sociologia con indirizzo Mass Media e Comunicazione, scrive per TuttoGreen da maggio 2011. Collabora anche per altri portali, come articolista, ghost writer e come copywriter. Ha pubblicato alcuni libri per case editrici online e, per non farsi mancare niente, ha anche un suo blog: Le voci di dentro. Oltre alla scrittura e al cinema, altre sue grandi passioni sono viaggiare, il buon cibo e l’Inter. Quest’ultima, per la città in cui vive, gli ha comportato non pochi problemi. Ma è una "croce" che porta con orgoglio e piacere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sullo stesso argomento
Close
Back to top button