Zinnia: tutto su questo splendido fiore che piace alle farfalle

di Erika Facciolla del 24 agosto 2018

La zinnia è una pianta fiorifera molto facile da coltivare e apprezzata per le sue e scenografiche fioriture che compaiono generose da giugno ad ottobre. Ideale per rallegrare giardini, bordure, aiole e balconi, la zinnia appartiene ad una famiglia di piante erbacee e semi-arbustive tutte diverse per dimensioni, colori, composizione del fiore e portamento.

Zinnia: tutto su questo splendido fiore che piace alle farfalle

Si distinguono principalmente due varietà di zinnia: quella gigante e quelle nana. Alcune vengono coltivate come perenni, altre come annuali. A seconda della varietà, la zinnia può assumere un portamento a steli singoli o a cespuglio con altezze medie che vanno dai 30 centimetri al mezzo metro. Vediamo insieme quali sono le peculiarità di questa bellissima pianta ornamentale e come coltivarla anche senza essere esperti in giardinaggio.

zinnia

Zinnia: pianta e varietà

La zinnia è una delle piante appartenente all’ordine delle Asteraceae originaria dell’America settentrionale e del Messico. Produce fiori davvero splendidi, molto graditi alle farfalle.

Colorare il giardino o il balcone con cespugli o singole piante servirà ad attirare questi meravigliosi insetti impollinatori e a rallegrare ancor di più l’ambiente.

Esistono più di 20 varietà di zinnia che differiscono principalmente per le dimensioni del fusto (nano o gigante) e per la compattezza e il colore dei petali che spazia dall’arancione al rosso, al lilla, giallo, bianco, viola e crema con alcuni cultivar bicolore.

A seconda della tipologia, la zinnia può dar vita a piante a stelo lungo o cespugli compatti, perfetti per creare siepi e bordure fiorite.

zinnia

Una delle particolarità di questa pianta è che fiori e foglie sono assolutamente inodore. Le foglie sono ovali o lanceolate, disposte in senso diametralmente opposto allo stelo e di un bel verde intenso.

I fiori, come detto, sono sgargianti, singoli, doppi o addirittura globosi, si schiudono in autunno. Grazie alla lunga durata, i capolini di questa pianta vengono coltivati a livello industriale per la produzione di fiori recisi.

Le tipologie di zinnia più comuni sono:

  • Acerosa: con fiori bianchi con stami gialli
  • Linearis: dal portamento cespuglioso
  • Tenui flora: dai fiori rosso scarlatto arricciati
  • Bicolor: arancione al centro con sfumature gialle verso il bordo dei petali
  • Grandiflora: dai fiori giallo brillante
  • Pauciflora: dai fiori color giallo vivace;
  • Peruviana: con fiori di colore rosso-arancio.
zinnia

I fiori delle zinnie possono assumere conformazioni decisamente curiose e seducenti.

Ecco altre guide alla coltivazione di fiori e bulbi:

Zinnia coltivazione

Come anticipato, la zinnia è una pianta rustica facile  da coltivare. Si tratta, infatti, di una pianta molto forte che non richiede cure specifiche e non presenta esigenze particolari. La semina avviene in genere da febbraio ad aprile in piena terra, oppure in semenzaio nel mese di marzo.

La distanza da lasciare tra una pianta e l’altra dipende dalla varietà. Le specie nane hanno bisogno di circa 20 cm, quelle giganti di 40.

Questa pianta ama il caldo, il sole e sopporta bene anche la torrida estate mediterranea. Gradisce un’esposizione in pieno sole e possibilmente ventilata e non sopporta i ristagni idrici e il freddo.

zinnia

Anche in estate, le irrigazioni non devono essere troppo abbondanti ma effettuate solo quando il terreno è completamente arido. Il terreno ideale è ricco e non acido. Una volta caduti a terra o nel vaso, i semi della zinnia possono dare vita a nuove piantine già visibili nella primavera successiva. Umidità ed eccessi d’acqua, invece, possono dar vita a muffe e malattie fungine molto pericolose.

Se coltivata in vaso, la zinna ha bisogno di una regolare fertilizzazione da effettuarsi una volta al mese. Il concime deve contenere le giuste quote sali minerali, in particolare azoto, fosforo, potassio, magnesio, ferro, rame, zinco, indispensabili per le piante fiorite.

zinnia

Uno dei parassiti più temibili per la zinnia è la famigerata cocciniglia farinosa, insetto che succhia la linfa delle piante indebolendole progressivamente. La presenza di questo parassita è verificabile dalla comparsa di ammassi granulosi sulle foglie delle piantine.

La zinnia, infine, è una pianta molto utile anche nell’orto. I suoi fiori dai colori sgargianti sono perfetti per migliorare l’estetica dello spazio e attirare gli insetti impollinatori.

Zinnia significato

Il nome di questa pianta fiorifera così amata è riconducibile al medico e botanico tedesco Johann Gottfried Zinn allievo del grande naturalista Linneo. I primi esemplari furono importati in Europa nella seconda metà del Settecento e vennero classificati verso la fine del Novecento.

zinnia

Alcune delle varietà più diffuse oggi, come la zinnia elegans danno origine a diversi ibridi che possono raggiungere anche i 120 centimetri di altezza.

Infine, una curiosità: significato della Zinnia nel linguaggio dei fiori è delle piante è la semplicità, probabilmente perché è una pianta davvero poco esigente, nonostante l’esuberante bellezza dei suoi fiori.

Curiosità e altre informazioni 

Scoprite le nostre schede monografiche sulle varie piante da fiori e i bulbi che si schiudono in autunno:

  • Girasole: il fiore che segue il sole
  • Ortensia: la guida pratica
  • Dalia: varietà, consigli e cure
  • Aster ecco come prendercene cura
  • Crisantemo: cura e coltivazione
  • Ciclamino: cura e coltivazione in casa, in giardino e in terrazzo
  • Viola: tutto su questa pianta amata per le sue fioriture
  • Viola mammola: un bellissimo fiore blu amico della salute

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment