Girasole: coltivazione, cura e cose da sapere

di Elle del 18 luglio 2017

Il girasole ha fiori eliotropici, che si muovono seguendo gli spostamenti del Sole. Si può coltivare anche in casa o in giardino. Scopriamo alcune cose utili da sapere su questa pianta.

Il girasole (nome scientifico Helianthus  annuus) è una pianta annuale rinomata sia per scopi decorativi che alimentari. I suoi semi, infatti, sono ricchi di importanti proprietà nutrizionali.

Il nome di questa pianta, di origini greche (helios: sole e anthos: fiore), descrive la sua tendenza a girare sempre il capolino in direzione del sole.

È molto amata per i suoi grandi fiori gialli caratterizzati da lunghi petali. Originaria del continente americano, è stata introdotta in Europa solo verso la fine del XVI secolo ed è attualmente molto diffusa anche in Italia, soprattutto nelle regione centrali.

girasole

Girasole: ha fiori eliotropici, che si muovono seguendo gli spostamenti del Sole.

Girasole: coltivazione

Tutti siamo abituati a pensare ai campi di girasoli, al punto che tendiamo a dimenticare che questa pianta può essere coltivata non solo direttamente in giardino, ma anche in vaso. Gli amanti del giardinaggio che non hanno sufficientemente terreno si possono procurare un contenitore con diametro di almeno 20 centimetri per far crescere il girasole in balcone.

Occorre, inoltre, del terriccio drenante e semi o piantine per la messa a dimora. Tuttavia, è bene ricordare che si tratta di una pianta che richiede sufficiente spazio per crescere nel modo opportuno. In relazione alla varietà di semi utilizzati, infatti, può crescere dai 60 centimetri ai 2-4 metri d’altezza.

Pertanto, nel momento della semina vanno praticate delle piccole buche non molto profonde nel terriccio, lasciando la giusta distanza per la crescita delle piante. La crescita dei girasoli è molto rapida e avviene a poche settimane di distanza dal momento della semina.

SCOPRI: I fiori estivi più facili da coltivare

girasole

Girasole: è una pianta erbacea annuale che si può coltivare in giardino o in vaso.

Girasole: cura

Nella cura è importante valutare la richiesta d’acqua, da assicurare con regolarità, tenendo però conto della secchezza del terreno. Tra un’annaffiatura e l’altra, vanno evitati i ristagni idrici che rischiano di far marcire le radici.

Inoltre, è bene collocare la pianta in una posizione sufficientemente soleggiata per garantire almeno sette-otto ore di sole giornaliere. Una volta impiantato, il girasole non richiede particolari cure e attenzioni. La potatura va riservata solo nel caso di fiori danneggiati.

 Ti consigliamo anche:

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment