Crisantemo: varietà, coltivazione e cura di questo fiore

di Alessia del 2 agosto 2017

Crisantemo: la guida pratica per imparare a coltivare questo fiore dai colori delicati anche nei nostri giardini.

Il crisantemo appartiene alla famiglia delle Compositae, genere Chrysanthemum, e viene definito come pianta perenne suffrutticosa. Il genere comprende almeno 200 specie molto diverse tra loro.

Si tratta di un fiore molto semplice da coltivare, originario della Cina da tempi antichi. Per l’arrivo in Europa si dovrà attendere il 1700.

Scopri tutto sul Giardinaggio: come curare le piante e… sé stessi!

Crisantemo: descrizione della pianta

La pianta è composta da foglie di forma ovale che si sviluppano su rametti erbacei e legnosi, lunghi da pochi centimetri fino a 1 metro.

I fiori sono di tanti colori, dal viola al giallo, il rosso e il marrone, il bianco e il rosa. Ricordano in parte le comuni margherite.

crisantemi varietà

Varietà di crisantemi

Proviamo a elencare alcune delle specie più diffuse.

Crisantemi dai fiori bianchi

Si chiama Chrysanthemum parthenium e produce fiori bianchi nel periodo tra giugno e settembre. Non supera i 60-70 cm e si coltiva sia in vaso che a terra.

Crisantemi gialli

Esistono diverse varietà che producono i fiori di colore giallo. Ad esempio il Chrysanthemum multicaule. Si tratta di una piccola piantina di circa 15-30 cm, originaria dell’Algeria. Leggermente più grande è invece il Chrysanthemum segetum.

Tricolor

Se amate i colori vivaci, allora dovete puntare sul tricolor, che presenta diverse striature di vari colori sui petali. Il disco centrale è giallo o color porpora.

Crisantemi simili alle margherite

Disco giallo e petali bianchi rendono questi fiori molto simili alle margherite nel loro aspetto. Le varietà principali sono il corymbosum, il frutescens, l’alpinum.

IL LINGUAGGIO DEI FIORI: Scopri i diversi significati dei fiori

crisantemi margherite

Cura e coltivazione del crisantemo

La pianta richiede un clima caldo-temperato e ben ventilato. Riesce a tollerare il freddo invernale grazie alla pacciamatura. Va esposta in una zona soleggiata, con terreno a pH neutro e ben drenato.

Messa a dimora

La messa a dimora va fatta in autunno o in primavera, scavando una buca abbastanza grande e lasciando circa 60 cm di distanza tra una piantina e l’altra.

Nel caso in cui si coltivi in vaso bisogna acquistarne uno che sia alto almeno 30 cm. Sul fondo è bene mescolare anche dell’argilla espansa o della ghiaia per favorire il drenaggio.

Annaffiature

Il crisantemo ama l’acqua e il terreno umido. Quando il clima è secco e asciutto potrebbe essere necessario annaffiarlo anche tutti i giorni. Attenzione ai ristagni idrici che potrebbero però far marcire le radici. Bisogna sempre accertarsi che il terriccio sia ben asciutto prima di procedere con l’irrigazione.

SCOPRI ANCHE: Peonia, consigli per cura e coltivazione

Concimazione

La concimazione è necessaria ogni 10 giorni durante l’estate se la pianta viene coltivata in vaso. Altrimenti per la coltivazione a terra bastano due concimazioni per l’intero periodo.

Fioritura

Il crisantemo è una pianta brevidiurna, quindi necessita della riduzione delle ore di luce per poter fiorire. Difatti bisogna attendere l’autunno, tra ottobre e novembre, per vedere i primi fiori.

Questo da un lato è un bene, perché chi ha la fortuna di poter coltivare un giardino potrà così colorare e abbellire gli esterni in un periodo in cui molte piante sono già spoglie.

Fanno eccezione alcune specie precoci, che iniziano a fiorire dal mese di luglio.

crisantemo coltivare

Potature

La potatura deve essere fatta prima che la temperatura vada sotto lo zero. Si eliminano i rametti morti lasciando 10 cm da terra.

Se si effettua anche la cimatura a primavera inoltrata, la pianta assumerà un aspetto più elegante, oltre a venirne fuori più sana e robusta. Le loro caratteristiche li rendono ideali anche per creare delle bordure.

Crisantemo: malattie e parassiti

Di norma la pianta tende ad essere in salute, soprattutto quando viene coltivata a terra. Tuttavia potrebbe essere attaccata da insetti fitofagi o dallo oidio. Per la loro cura, noi consigliamo sempre di preferire antiparassitari naturali, salvaguardando l’ambiente.

Crisantemo significato

Il nome crisantemo significa fiore d’oro e da sempre in Oriente viene associato alla felicità e alla vita. In Giappone viene elogiato come fiore nazionale e quando sboccia l’Imperatore festeggia l’evento aprendo a tutti i suo maestosi giardini.

In altre zone, come la Cina, è il fiore per eccellenza che imbandisce le tavole nuziali.

Solo in Italia il crisantemo viene associato alla festa dei defunti, in quanto la sua fioritura avviene proprio nello stesso periodo.

Ecco le nostre guide utili per coltivare le piante:

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment