Loropetalum: un sempreverde tutto da conoscere

di Alessia del 25 luglio 2017

Loropetalum: arbusto dai colori vivaci, ecco come prendersi cura di questo sempreverde per il tuo giardino.

Il Loropetalum (petalo di lana) è originario dell’Asia ed appartiene alla famiglia delle Hamameliadaceae.

Se ne distinguono 5 varietà che tutti gli amanti del giardinaggio conosceranno sicuramente. In Europa è arrivato molto tardi ma oggi lo ritroviamo in molti giardini, anche in città. Il colore tipico di foglie e fiori cattura subito lo sguardo, rendendo questa pianta l’ideale per abbellire parchi e prati.

Loropetalum: descrizione della pianta

Questo arbusto ha un fusto denso di rami che si sviluppano in senso orizzontale. Le foglie sono molto piccole e di forma ovale, i colori vanno dal verde scuro al rosso.

L’altezza delle piante varia molto, può toccare anche i 5 metri, ma esistono anche specie nane. Di norma sono conosciuti per la loro capacità di espandersi in larghezza. Non a caso sono impiegati per creare delle aiuole e delle siepi

A primavera sbocciano tanti fiori che possono essere di vari colori, in base alla specie. Il loro aspetto ricorda quelli dell’Amamelide, sono allungati e riuniti a grappoli. Ricoprono abbondantemente tutti i rami e fioriscono più volte lungo l’anno, fino al periodo autunnale.

FOCUS: Azalea, cure, caratteristiche e significato.

Loropetalum varietà

Come anticipato, esistono diverse varietà di questo arbusto, che si differenziano nell’aspetto, nei colori e nelle dimensioni.

Loropetalum chinense rubrum

Il loropetalum chinense rubrum si caratterizza per le foglie e i fiori di un bel colore bordeaux-rosso.

Può arrivare anche fino a 5 metri di altezza ma, come gli altri esemplari, tende a svilupparsi piuttosto in larghezza. Tollera bene il freddo, ma troppa ombra potrebbe danneggiarlo.

loropetalum chinense rubrum

Loropetalum chinense rubrum in piena stagione di fioritura, con i suoi caratteristici fiori color rosso-bordeaux

Fire Dance

La Fire Dance è la varietà più  nota ed apprezzata, dato il rosso intenso delle foglie e il rosa sgargiante dei fiori. Raggiunge 120 cm di altezza e può essere coltivata anche in vaso.

Loropetalum Black Pearl

Più piccino e compatto delle altre varietà, il Black Pearl presenta le foglie rosso porpora tendenti quasi al nero. I fiori invece sono fucsia e nascono fino all’autunno inoltrato.

Bonsai

Esiste anche una specie di loropetalum bonsai, con fiori e foglie di un bel rosso vivace, in grado di creare un ambiente d’alto impatto. Può essere posizionato al sole durante tutto l’anno, mentre d’estate è meglio la mezz’ombra.

SCOPRI ANCHE: Rododendro, varietà e cura

Loropetalum: cure e attenzioni

Generalmente questa pianta richiede poche attenzioni, basta solo conoscere le sue necessità basilari.

Messa a dimora

Iniziamo dal dire che richiede un terreno acido e non calcareo. Tende ad avere dei tempi di crescita molto lenti, ma quando esplode in tutta la sua bellezza, ripaga della lunga attesa.

La messa a dimora va fatta a primavera o in autunno, scavando una buca che sia grande e profonda almeno il doppio. Tenete conto delle future dimensioni per regolarvi con lo spazio tra una e l’altra.

Clima e posizione

Questo arbusto si adatta anche ad inverni freddi, tollerando in alcuni casi fino a 10 gradi sotto lo zero. Posizionatela a mezz’ombra, in una zona che riceva almeno per metà giornata abbastanza luce.

Annaffiature

Le irrigazioni vanno eseguite regolarmente soprattutto d’estate, garantendo un terreno sempre umido.

Attenzione a non esagerare con la quantità di acqua e disponete uno strato di ghiaia sul fondo per favorire il drenaggio.

Concimazione e pacciamatura

In autunno e in inverno aggiungete anche del concime granulare o liquido. Effettuate la pacciamatura per mettere l’arbusto al riparo dal freddo e, se sono in arrivo delle gelate, è meglio ricorrere all’utilizzo di teli.

Per la moltiplicazione si procede per seme a primavera, altrimenti si può effettuare la talea al termine dell’estate.

Parassiti e potatura

Non dovrebbero esserci rischi di parassiti e malattie, mentre un eccesso di irrigazione può far marcire le radici e favorire le muffe.

Anche per la potatura del loropetalum non sono richieste azioni particolari, in quanto servirà solo per definire la forma del cespuglio.

Ecco altre guide pratiche per aiutarti nella coltivazione delle piante:

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment