La ricetta per fare il sapone di Aleppo e tanti consigli per usare al meglio

di Elle del 29 Ottobre 2018

Proveniente dall’omonima città siriana, il sapone di Aleppo è un ottimo detergente naturale che potete realizzare anche con il fai-da-te. Ecco la ricetta ed il procedimento.

La ricetta per fare il sapone di Aleppo e tanti consigli per usare al meglio

Il sapone di Aleppo è realizzato con olio di oliva e olio di bacche di alloro. Consigliato per chi ha la pelle delicata e sensibile, è adatto anche per l’impiego sui capelli. Si può realizzare in casa con il procedimento a freddo e si presta a numerosi utilizzi.

Sapone di Aleppo come farlo casa

La ricetta tradizionale prevede un processo a caldo e diversi passaggi che non è possibile ottenere in casa, per cui vi proponiamo questa versione, per un risultato non poi così diverso dall’originale. Si utilizza la soda al posto della lisciva, dunque raccomandiamo attenzione nel maneggiarla.

Ricetta del sapone di Aleppo a freddo

L’ingrassaggio totale è del 9%. La quantità di soda caustica viene calcolata in base a quella dell’olio con precisione. Se sostituite un ingrediente con un altro o modificate le quantità, è fondamentale ricalcolare la quantità di soda necessaria.

La soda caustica può essere irritante e va maneggiata con cura, sempre indossando guanti, occhialini di sicurezza e una mascherina protettiva. L’uso dell’attrezzatura deve essere rispettato dall’inizio alla fine della manipolazione.

Materiale richiesto

  • Stampo quadrato in silicone
  • Spatola in acciaio inox
  • Frullatore ad immersione
  • Bicchiere graduato da 2 l
  • Bilancia di precisione fino al centesimo di grammo (0,01 gr)
  • Termometro digitale
  • Guanti da cucina in lattice
  • Occhialini da nuoto
  • Camice o vestito di protezione con maniche lunghe
  • Scarpe chiuse

Ingredienti

Quantità stimata                       in %     ~100 gr    ~ 500 gr
Olio di bacche di alloro    14 %         14 gr           70 gr
Olio di oliva                            55  %        55 %         275 gr
Soda caustica solida           8,6%         8,6 gr        43 gr
Acqua minerale                 22,4 %       22,4 gr       112 gr

Preparazione. Trasferite l’olio di alloro e d’oliva in una ciotola. In un’altra ciotola, versate la soda caustica solida e l’acqua minerale, avendo cura di incorporare gradualmente la soda nell’acqua con una spatola (e non il contrario!). La reazione è molto esotermica e sprigiona molto calore.

Riscaldate gli oli fino a 40° a bagnomaria. Intanto fate raffreddate la miscela soda + acqua in una ciotola di acqua fredda finché non raggiunge la temperatura di 40°. Quando i due gruppi di ingredienti sono alla stessa temperatura, prendete le 2 ciotole e versate lentamente la soda negli oli, mescolando energicamente con un frullatore a mano fino ad ottenere la traccia.

Versate immediatamente la pasta di sapone nello stampo. Coprire ermeticamente il vostro sapone nello stampo con un film di plastica e avvolgete in un panno pulito, quindi lasciate indurire per circa 48 ore prima di rimuovere dallo stampo.

Sformare e tagliate il sapone in 2 parti se lo desiderate, quindi lasciatelo asciugare per almeno 4 settimane prima dell’uso Conservate il sapone lontano dalla luce e dal calore, può durare fino a 6 mesi.

Ricetta per l’infuso di foglie di alloro

Potete usare l’infuso di foglie di alloro al posto dell’olio di bacche, che è di difficile reperibilità. Per circa mezzo litro di infuso si procede in questo modo.

Lasciare le foglie di alloro in un vasetto di vetro contenente 500 gr di olio di oliva. Bisogna lasciare il contenitore al caldo, ad esempio su un termosifone acceso in inverno o al sole in estate, per circa due settimane. In questo modo si permette all’alloro di rilasciare nell’olio le sue proprietà e il suo aroma.

Lo trovate anche qui:

Il sapone di Aleppo è un detergente naturale a base di olio di oliva e alloro.

Come tagliare il sapone di Aleppo

Il sapone preparato con uno dei due metodi può essere tagliato dopo almeno tre giorni dalla sua realizzazione. Il taglio di un unico blocco in saponette non va rimandato perché con il trascorrere del tempo diventerà sempre più duro.

Come fare il sapone di Aleppo liquido

Per definizione questo particolare sapone è in forma solida. Si può tuttavia realizzare anche una versione liquida grattando la saponetta per adoperarla con più praticità ad esempio nella bottiglia di gel doccia, da usare quotidianamente su tutti i tipi di pelle.

Per una bottiglia da 250 ml di prodotto finito, vi occorrono:

  • 50 gr di sapone di Aleppo in scaglie 
  • 250 ml di acqua minerale a temperatura ambiente
  • 30 gocce di olio essenziale di semi di pompelmo

Preparazione. Mettete il sapone in scaglie in un mixer a immersione e riducetelo in una polvere finissima. Continuando a frullare il sapone, aggiungete gradualmente l’acqua minerale. Il sapone inizia a sciogliersi e formare una schiuma in superficie. Quando la miscela è omogenea, aggiungete l’olio essenziale di semi di pompelmo, che servirà come conservante.

Come sciogliere il sapone di Aleppo

Per sciogliere questa saponetta basta grattugiarne un po’ e diluirla gradualmente in acqua demineralizzata. Per facilitare lo scioglimento si può usare la cottura a bagnomaria.

Sapone di Aleppo come conservarlo

Per la conservazione di questo sapone occorre avere qualche accortezza. Si consiglia di non tenerlo in un portasapone di plastica. Sarebbe preferibile adoperare un apposito contenitore in legno o, in alternativa, avvolgerlo in un fazzoletto di cotone.

sapone di aleppo

Sapone di Aleppo acquisto

Trovare questa speciale saponetta è diventato abbastanza semplice. In alcuni supermercati, in erboristeria o in negozi specializzati nella vendita di prodotti naturali, può essere facilmente acquistata a costi competitivi, ma anche online, come ad esempio:

Prodotti di bellezza con sapone di Aleppo

Come prodotto di bellezza questo sapone si può utilizzare sia per l’igiene del corpo e del viso sia come shampoo per capelli.

Sapone di Aleppo contiene nichel

Il prodotto tradizionale può essere utilizzato anche da chi presenta allergie al nichel.

Sapone di Aleppo con argilla rossa

Si trova in commercio anche un sapone di Aleppo addizionato con circa 30% di argilla rossa, che solitamente ne aumenta il potere esfoliante ed purificante.

L’argilla rossa o ghassoul è infatti una roccia sedimentaria conosciuta fin dall’antichità, ricca di sali minerali e oligoelementi e dalla sua texture finissima, caratterizzata da un forte potere assorbente. Per questo purifica in profondità anche la pelle più fragile e ridona luminosità a quelle opache e stanche.

Si può anche usare per fare una maschera anti-acne insaponando il viso con sapone all’argilla rossa e lasciando in posa 10 minuti per poi risciacquare.

Ricetta della maschera con sapone di Aleppo

Uno dei possibili usi cosmetici è come maschera di bellezza per il viso. Sarà sufficiente lasciar agire la schiuma del sapone per un minuto e poi risciacquare con acqua pulita tiepida.

Savonage con sapone di Aleppo

Il savonage, o insaponamento, è un antico rituale orientale che permette di levigare e idratare la pelle in profondità. Si può realizzare come massaggio utilizzando il sapone di Aleppo sulla pelle leggermente umida e poi passando il guanto di crine o una spugna di loffa con movimenti circolari. Si risciacqua con abbondante acqua tiepida.

Ricetta del bagnoschiuma con sapone di Aleppo

Si può preparare un pratico bagnoschiuma tritando un po’ della saponetta e miscelandola gradualmente in acqua per ottenere un prodotto liquido da utilizzare nella vasca da bagno o sotto la doccia.

Ricetta del detersivo con sapone di Aleppo

Grazie a questo sapone si può realizzare un detersivo da usare per il bucato a mano o in lavatrice. L’aggiunta di bicarbonato e sapone di Marsiglia permettono di ottenere un ottimo prodotto sbiancante e disinfettante.

Ricetta per doccia con sapone di Aleppo

Un pratico gel doccia può essere realizzato con facilità in casa. Basta grattugiare un po’ del sapone in una tazza e scioglierlo gradualmente in una pentola con un litro di acqua.

L’aggiunta di un cucchiaio di glicerina ne favorisce una migliore conservazione. Una volta pronto, il prodotto va conservato in appositi contenitori di vetro.

sapone di aleppo

Sapone di Aleppo pro e contro

Questo ottimo prodotto naturale, ricco di proprietà benefiche, potrebbe avere qualche piccolo difetto e non essere apprezzato da tutti.

L’olio di alloro è ciò che rende potente questo sapone. Aiuta a curare vari problemi della pelle come acne, eczema, psoriasi, herpes, dermatite batterica, infezioni fungine, irritazioni, ma anche problemi al cuoio capelluto forfora, dermatite seborroica e altro.

Questo perché l’olio di alloro è un agente antibatterico naturale, antivirale e antimicotico. Anche se si è già con un trattamento prescritto da un dottore, il sapone di Aleppo può essere un efficace rimedio complementare.

Se non avete un particolare problema di pelle, l’olio di alloro nel sapone di Aleppo sarà un disinfettante più efficace del normale sapone, non asciuga la pelle e non provoca irritazione. Più sicuro dei saponi antibatterici che contengono antibiotici e il cui uso a lungo termine può portare a batteri resistenti agli antibiotici e a vari problemi di salute.

Sapone di Aleppo controindicazioni

In generale l’uso di questo prodotto naturale non presenta particolari controindicazioni. Il vero problema è il suo costo, fino a 3 volte maggiore di una normale saponetta del supermercato.

Sapone di Aleppo: l’odore

Ha un odore gradevole e molto delicato grazie agli ingredienti naturali con cui viene realizzato.

Sapone di Aleppo: brucia gli occhi?

Meglio evitare il contatto con gli occhi quando lo si utilizza perché  potrebbe irritare e bruciare leggermente.

Sapone di Aleppo e orticaria

Grazie alle sue proprietà lenitive, questo detergente naturale può essere usato in caso di irritazioni della pelle. Rappresenta, quindi, un aiuto in caso di orticaria, eczemi o dermatiti.

Sapone di Aleppo e allergie

Per chi soffre di particolari allergie, è preferibile consultare lo specialista di fiducia prima dell’uso, sebbene il sapone non sia particolarmente allergizzante ed è adatto anche a pelli con eczema, dermatite e acne.

Come scegliere il sapone di Aleppo

Nella scelta di questo sapone è bene privilegiare prodotti artigianali realizzati solo con gli ingredienti originari, quali olio di oliva e alloro con diverse percentuali di olio di alloro espresse in percentuali da 5% all’80% che ne fanno un prodotto via via più ‘puro’ e dal potere sempre più purificante, ma meno adatto all’igiene quotidiana e più ad un uso mono-settimanale.

La presenza di maggior olio di alloro ne determina anche il costo finale ed il colore. Se il sapone è giallo o avorio pallido, significa che ha una bassa quantità di olio di alloro, se il colore è più vicino all’oro o al marrone, significa che è ricco di olio di alloro. Tuttavia, l’interno del sapone rimane verde e si può vedere solo se lo si compra e lo si taglia a metà.

I migliori saponi di Aleppo contengono più del 30% di olio di alloro. Più alta è la percentuale di olio di bacche di alloro e più sarà quindi attivo sulla pelle. Se avete una pelle normale, senza particolari problemi, sarà sufficiente utilizzare un sapone al 20%.

Si trova anche in versione liquida, più adatto alla detersione della biancheria, oltre che nel classico panetto quadrato, adatto invece all’igiene della persona.

Sapone di Aleppo o Marsiglia

Come il Sapone di Marsiglia, anche quello di Aleppo è un prodotto naturale. La scelta dell’uno o dell’altro dipende essenzialmente dalla preferenza personale.

Sapone di Aleppo o sapone nero

Rispetto a quello di Aleppo, il sapone nero presenta una maggiore efficacia esfoliante. Viene utilizzato durante il trattamento dell’esfoliazione centrale nell’hammam.

Sapone di Aleppo o allo zolfo

Il sapone allo zolfo è più indicato per il trattamento dell’acne ed è in generale adatto per chi ha pelle grassa.

Sapone di Aleppo liquido o solido

La versione tradizionale è in forma solida ma per praticità si può adottare anche la versione liquida di questo detergente.

Scopri anche come fare il sapone in casa con le nostre guide:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment