Piante galleggianti: quali sono e che cure richiedono

di Marco Grilli del 3 settembre 2015

Scopriamo quali piante galleggianti sono più facili da tenere in giardino e come curarle efficacemente, per abbellire con uno stagno o un piccolo laghetto il nostro spazio verde.

Piante galleggianti: uno specchio d’acqua conferisce al giardino un notevole fascino, perché crea movimento, riflessi e suoni che rilassano e appagano i nostri sensi, ma possiamo arricchirlo anche con delle piante galleggianti. Al nostro piacere si aggiungeranno altri benefici.

Laghetti e piccoli stagni consentono infatti di coltivare molte piante acquatiche che richiedono particolari condizioni, nonché di ospitare una varia fauna, comprendente alcuni anfibi (rane, rospi…), pesci, uccelli acquatici, insetti utili (come le libellule) e altri piccoli animali.

Cosa sono le piante galleggianti per laghetti e stagni

Tra le piante acquatiche quelle galleggianti sono le più strane, presentano radici fluttuanti (ossia non ancorate al fondo), mentre foglie e fiori che emergono dalla superficie dell’acqua. Oltre a costituire un riparo per piccoli pesci, ombreggiano la superficie acquatica e riducono la quantità di luce, riuscendo così a evitare la proliferazione di alghe nocive.

Sono inoltre delle forti consumatrici di nitrati e sostanze minerali in eccesso, tanto da configurasi come delle vere e proprie depuratrici naturali: possono impedire intorbidamenti e sviluppi di alghe filamentose.

Nei mesi estivi contribuiscono anche ad abbassare la temperatura dell’acqua, proprio grazie all’azione di ombreggiamento. Non va poi trascurata la loro funzione ornamentale, poiché si tratta di piante di straordinaria bellezza e attrattiva.

Quali specie per vari climi

Fondamentali per il mantenimento dell’equilibrio dell’ecosistema acquatico, le galleggianti si differenziano in varie specie di differenti forme. Se alcune sono rustiche e riescono a resistere al freddo e ai climi più rigidi, altre sono tropicali e possono essere coltivate all’esterno solo durante la primavera, l’estate e l’autunno, prima di dover esser ritirate in concomitanza con le gelate invernali.

Scopri anche: Piante acquatiche da giardino: quali sono e che cure richiedono

ninfee

Piante galleggianti: le ninfee

Facilmente coltivabili anche in piccole vasche o vasi con acqua stagnante, si consiglia di metterle a dimora nei laghetti a fine aprile-inizio maggio nell’Italia settentrionale, già da marzo in quella meridionale. Unica accortezza: non lasciate che ricoprano una superficie eccessiva, altrimenti le piante ossigenanti potrebbero soffrire per la carenza di luce.

Le principali specie di galleggianti sono le seguenti: azolla caroliniana, azolla filiculoides, ceratopteris pteridioides, eichornia azurea ed eichornia crassipes (non rustiche), hydrocharis morsus-ranae, lemna minor, lemna trisulca, limnanthemum lacunosum, limnobium laevigatum, limnobium spongia e stoloniferum, phyllantus fluitans, pistia stratiotes (non rustica), riccia fluitans, salvinia auricolata, salvinia natans (non rustiche), stratioites aloides, trapa natane, utricularia minor, urticularia vulgaris, waffia arizza (non rustica).

Vediamone ora alcune nel dettaglio.

Quali sono le specie di piante galleggianti più adatte alle varie esigenze

Azolla carolinana: si tratta di una felce galleggiante, originaria del Nord America. Molto appariscente, forma un tappeto erboso sulla superficie dell’acqua, oltre a piccole isole galleggianti. Si moltiplica velocemente in pieno sole e sopravvive anche in caso di gelate, svolgendo un’ottima funzione anti-alghe.

Piante gallegginti: azzolla carolinana

Piante gallegginti: azzolla carolinana

Eichornia crassipes: nota anche come “giacinto d’acqua”, predilige il pieno sole ed emette degli splendidi fiori azzurri. Cresce e si moltiplica molto rapidamente, ombreggia bene e contribuisce a limitare la proliferazione delle alghe. Le sue radici offrono riparo a carpe koi e pesci rossi. Non rustica, deve essere posta al riparo durante la stagione fredda, perché soffre le basse temperature.

 Piante galleggianti: eichornia crassipes detta giacinto d'acqua


Piante galleggianti: eichornia crassipes detta giacinto d’acqua

Hydrocharis morsus-ranae: originaria dell’Europa, è una pianta acquatica perenne completamente galleggiante (comprese le radici), che si propaga per stoloni e presenta piccoli fiori bianchi. Purtroppo è quasi scomparsa dai corsi d’acqua italiani.

Piante galleggianti: hydrocharis morsus-ranae

Piante galleggianti: hydrocharis morsus-ranae

Lemna minor: conosciuta  anche come “lenticchia d’acqua”, spicca per le sue qualità estetiche ed è indicata sia per il laghetto che per l’acquario, dove crea piccole zone d’ombra. Molto piccola e a radice unica, non necessita di molta luce e predilige temperature tra i 20 e i 28°.

Piante galleggianti: la lemna minor

Piante galleggianti: la lemna minor

Phyllantus fluitans: pianta molto robusta, si moltiplica rapidamente in pieno sole ed è ottima per combattere le alghe, perché assorbe velocemente i nutrienti dall’acqua e la ombreggia adeguatamente. Le sue lunghe radici costituiscono il substrato ideale per la deposizione delle uova delle carpe koi e dei pesci da laghetto.

Piante galleggianti per laghetti e stagni: il phyllantus fluitans

Piante galleggianti per laghetti e stagni: il phyllantus fluitans

Pistia stratioites: nota anche come “lattuga d’acqua” o “cavolo del Nilo”, è una pianta robusta che cresce e si moltiplica molto velocemente, costituendo un ottimo filtro naturale. Particolarmente indicata per ombreggiare l’acqua, assorbe in modo rapido le sostanze nutritive e contribuisce a mantenere la limpidezza e a evitare la proliferazione delle alghe. Non si tratta di una specie rustica e quindi deve essere messa al riparo durante l’inverno.

Piante galleggianti per stagni e laghetti: la pistia stratioites

Piante galleggianti per stagni e laghetti: la pistia stratioites

Salvinia natans: felce galleggiante molto resistente, presenta foglie disposte a lisca di pesce e si adatta sia al laghetto che all’acquario, moltiplicandosi velocemente in pieno sole. Ottimo filtro naturale, crescendo sottrae sostanze nutritive alle alghe e ombreggia efficacemente la superficie acquatica, impedendone il surriscaldamento. Le sue radici costituiscono un buon rifugio e nutrimento per molti piccoli pesci. Specie rustica, non sopporta temperature rigide e in inverno va ritirata per esser protetta dal freddo.

Piante galleggianti: la slvinia natans

Piante galleggianti: la slvinia natans

Stratiotes aloides: simile ad un ananas in minatura, è una pianta molto ossigenante e durante l’inverno scompare nel fondo del laghetto.

Piante galleggianti per laghetti e stagni: la stratiotes aloides

Piante galleggianti per laghetti e stagni: la stratiotes aloides

Trapa natans: predilige acque ricche di nutrienti e abbastanza stagnanti e ama il pieno sole, anche se può crescere in tutte le condizioni. Ombreggia e depura le acque del laghetto, costituendo un valido rimedio contro la proliferazione delle alghe. E’ chiamata anche ‘castagna d’acqua’.

Piante galleggianti per laghetti e stagni: la castagna d'acqua

Piante galleggianti per laghetti e stagni: la castagna d’acqua

Affascinanti e utili: nel vostro laghetto non devono assolutamente mancare le piante galleggianti!

Leggi anche:

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment