Notizie

Stop all’emissione di CO2 dall’allevamento grazie alle mucche che non emettono flatulenze!

A molti di voi sembrerà un problema stupido, forse addirittura ridicolo, ma per scienziati e ricercatori di tutto il mondo le emissioni di gas prodotte dalle flatulenze degli animali da allevamento rappresentano un problema tutt’altro che secondario.

Stop all’emissione di CO2 dall’allevamento grazie alle mucche che non emettono flatulenze!

La maggior parte di questi animali – in primis mucche, capre e pecore – , infatti, è responsabile della produzione di una quantità notevole di gas metano derivante dalle eruttazioni e da quelle piccole ‘emissioni incontrollabili’ di gas che noi umani chiamiamo volgarmente ‘peti’.

Il problema è che i gas corporei che gli animali da pascolo emettono durante la digestione dei vegetali che ingurgitano si trasforma  in una fonte inesauribile di gas serra inquinanti, ancora più dannosi della Co2. Basti pensare che in Nuova Zelanda i due terzi del metano che si disperde nell’atmosfera deriva proprio dalle maleodoranti emissioni degli animali.

SPECIALE: Tassa sulla carne? La proposta della Svezia

Dunque, la domanda che si sono posti i ricercatori è la seguente: è possibile creare allevamenti a ‘emissioni zero’? In passato si è cercato di porre rimedio al problema sperimentando mangimi  in grado di limitare la produzione di gas durante i processi digestivi degli animali, ma con risultati non particolarmente apprezzabili.

L’unica soluzione sarebbe invece quella di ‘selezionare’ una o più razze di bovini e ovini geneticamente meno esposte a questo tipo di ‘inconveniente’. Dunque, concentrare le ricerche in maniera più selettiva andando a individuare tra i ruminanti comunemente allevati quelli con scarse emissioni di metano.

Mucche e capre più ‘educate’, quindi, ma siamo sicuri che questa sia la soluzione? Forse le ‘puzzette’ degli animali inquineranno troppo, ma cosa dire di tutto quello che combina l’uomo ai danni dell’ambiente?

Leggi anche:

Erika Facciolla

Giornalista pubblicista e web editor free lance. Nata a Cosenza il 25 febbraio 1980, all'età di 4 anni si trasferisce dalla città alla campagna, dove trascorre un'infanzia felice a contatto con la natura: un piccolo orticello, un giardino, campi incolti in cui giocare e amici a 4 zampe sullo sfondo. Assieme a lattughe, broccoli e zucchine coltiva anche la passione per la scrittura e la letteratura. Frequenta il liceo classico della città natale e dopo la maturità si trasferisce a Bologna dove si laurea in Scienze della Comunicazione. Dal 2005 è pubblicista e cura una serie di collaborazioni con redazioni locali, uffici stampa e agenzie editoriali del bolognese. Nel 2011 approda alla redazione di TuttoGreen con grande carica ed entusiasmo. Determinata, volitiva, idealista e sognatrice, spera che un giorno il Pianeta Terra possa tornare ad essere un bel posto in cui vivere.

Articoli correlati

Un commento

  1. Ma con tutte le scie chimiche con le quali stanno irrorando i nostri cieli,si preoccupano dei gas Serra dovuta agli animali! Che ipocrisia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close