Tokelau: l’isola che vuole essere 100% solare

di Claudio Riccardi del 8 settembre 2012

Nel cuore dell’Oceano Pacifico, c’è un gruppo di minuscole isole che stanno per stabilire un primato mondiale. Tokelau, territorio della Nuova Zelanda costituito da tre atolli corallini, che diventerà il primo paese a funzionare grazie esclusivamente all’energia solare.

Tokelau: l’isola che vuole essere 100% solare

SPECIALE: isole ecologiche, 8 esempi di isole modello di sostenibilità ambientale

Questo grazie a quattromila pannelli solari distribuiti su tre atolli, la cui superficie complessiva è inferiore a 15 chilometri quadrati.
Il progetto, finanziato dal Ministero degli Affari Esteri e del Commercio della Nuova Zelanda, permetterà di abbandonare definitivamente i generatori a gasolio, e un quantitativo di carburante quantificabile in duemila barili all’anno.

A guadagnare saranno le casse dell’amministrazione locale, ma soprattutto l’ambiente, non più sottoposto ai rischi di pericolose fuoriuscite di combustibili fossili.

Costituito da  4.032 moduli per un MW di potenza totale, 392 inverter e 1.344 batterie del peso di 250 kg, l’impianto solare è testato per resistere ai venti ciclonici, e fornirà il 150% della domanda di corrente elettrica dei Tokelauani. Tutto è stato studiato, anche le soluzioni di riserva durante i periodi di prolungata copertura nuvolosa: l’energia necessaria arriverà da generatori funzionanti a base di olio di cocco, in grado contemporaneamente di ricaricare la batterie.

Al progetto pionieristico guardano con interesse altre isole del Pacifico Meridionale, che trovano troppo dispendioso, pericoloso e, alla lunga, anche anti-economico, dipendere dal diesel.

Leggi anche:

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment