Bioedilizia

Quello che c’è da sapere sulla trasmittanza termica: la guida pratica

Cos'è, come si calcola e quali sono i valori di riferimento

La trasmittanza termica è il parametro usato per calcolare le dispersioni termiche di un edificio. Non c’è niente di più bello che vivere in una casa confortevole e accogliente dal punto di vista climatico e delle temperature. Ma non solo, in base alla zona climatica dove si risiede, è obbligatorio rispondere a specifici valori di trasmittanza stabiliti per legge.

Quello che c’è da sapere sulla trasmittanza termica: la guida pratica

Cosa si intende per trasmittanza termica?

La trasmittanza termica “U” è il parametro che viene utilizzato per calcolare le dispersioni termiche che hanno luogo attraverso l’involucro di un edificio.

In altre parole, rileva la quantità di calore che, in un certo lasso di tempo ben definito, attraversa un elemento avente superficie pari ad 1 mq, in presenza di una differenza termica di 1 K tra esterno e interno.

Di fatto, quando lo spessore della superficie diminuisce, il valore della trasmittanza termica aumenta. Ne consegue pertanto che quegli edifici con una trasmittanza termica molto bassa, sono in grado di offrire un isolamento termico molto elevato.

Ci sono valori limite fissati per legge che i costruttori sono chiamati a rispettare sia per le strutture trasparenti che per quelle opache.

Qual è l’unità di misura della trasmittanza termica

Per calcolare la trasmittanza termica si utilizza l’unità di misura W/m2K: indica i watt, ovvero il flusso di energia che viene disperso attraverso 1 mq di superficie in presenza di una differenza termica di 1 grado Kelvin tra interno ed esterno.

Come si calcola la trasmittanza

La formula è la seguente:

R = s/λ in m2K/W

Si divide lo spessore dello strato (calcolato in metri) per il valore di conduttività termica del materiale.

Facendo la somma della resistenza di un singolo strato + le resistenze termiche superficiali esterne ed interne, si ricava il valore della resistenza totale.

Quanto deve essere la trasmittanza

Come già accennato, i valori della trasmittanza sono stabiliti per legge e i costruttori vi si devono attenere.

Tali valori variano in base alle diverse zone climatiche.

  • Zona climatica A: U=2,60 W/m2K
  • Zona climatica B: U=2,60 W/m2K
  • Zona climatica C: U=1,75 W/m2K
  • Zona climatica D: U=1,67 W/m2K
  • Zona climatica E: U=1,30 W/m2K
  • Zona climatica F: U=1,00 W/m2K

Qual è la miglior trasmittanza termica?

Si può definire un infisso dalle buone prestazioni quello che possiede una trasmittanza termica di circa 1,5 W/mqK.

Eccellenti prestazioni le offrono i serramenti con valori di trasmittanza pari a 1,2 – 1,0 e addirittura 0,8 W/mqK.

Che trasmittanza devono avere gli infissi

I valori limite di trasmittanza degli infissi sono suddivisi a seconda delle varie zone climatiche: dalla A alla F, da un massimo di 2.6 0 W/m2K ad un valore minimo di 1.0 W/m2K.

SI tratta di un parametro che deve rispondere a precisi requisiti di legge e che varia a seconda dell’ubicazione dell’edificio.

Come ridurre la trasmittanza termica

Gli interventi più adatti per ridurre il livello di trasmittanza termica della propria abitazione sono gli interventi di coibentazione termica come l’applicazione di un cappotto termico interno o esterno, così come anche il cambio dei serramenti, optando per infissi di qualità superiore con doppi o tripli vetri.

Che differenza c’è tra fattore solare e trasmittanza termica

Il valore della trasmittanza termica serve per valutare e ottenere l’isolamento invernale. Al contrario, il fattore solare riguarda invece l’isolamento estivo. In estate, c’è il rischio di surriscaldamento degli ambienti.

Trasmittanza termica infissi

La trasmittanza termica di finestre e di porte-finestre, è data dalla media tra:

  • trasmittanza del telaio (Uf)
  • trasmittanza del vetro (valore Ug dei serramenti)
  • trasmittanza lineare (Ψg), ovvero il risultato dell’interazione fra i primi due valori e il distanziatore che viene applicato attorno al perimetro del vetro

Inoltre, il valore a livello del telaio dipende anche dal materiale. Per dare l’idea, qui di seguito riportiamo i valori di trasmittanza termica degli infissi a seconda dei vari materiali:

  • pvc: 2,0 W/m2 K
  • legno: 2,0 W/m2 K</li>
  • alluminio a taglio termico: tra 2,2 e 3,8 W/m2 K

Trasmittanza termica vetro

Come già accennato, anche dalla trasmittanza termica del vetro dipende il valore della trasmittanza generale. Ecco i valori di riferimento:

  • vetro singolo: 5,8 W/m2 K circa
  • vetrocamera 4-12-4: 2,8 W/m2 K

In Italia, i vetri singoli sono quasi ormai in disuso. I più diffusi sono i doppi vetri (o vetrocamera singola) e quelli tripli (anche chiamati vetrocamera doppia).

I quadrupli vetri non sono diffusi neppure nelle zone mitteleuropee. Sono in fase di sperimentazione i vetri sottovuoto.

Il potere isolante di una vetrocamera viene dato da:

  • rivestimento del vetro basso emissivo (sottile strato di ossidi metallici distribuiti sulle superfici interne della vetrocamera)
  • riempimento di gas delle camere (attualmente si utilizzano Argon, Xenon e Krypton)

Altri approfondimenti

Sempre in tema di isolamento termico, ti potrebbero interessare i seguenti post su come isolare meglio la casa

Published by
Federica Ermete