Notizie

Uccelli di città: per il rumore, devono cantare più forte

Il caos cittadino costringe anche gli uccelli ad ‘alzare’ la voce. Lo rivela uno studio sui merli di Vienna condotto da alcuni scienziati tedeschi dell’Istituto ‘Max Planck’ che ha evidenziato la differenza di volume del canto degli uccelli di città rispetto a quelli che vivono lontani dai clacson e dal traffico urbano.

Uccelli di città: per il rumore, devono cantare più forte

Esattamente come gli esseri umani, anche i volatili si sono adattati all’inquinamento acustico cittadino per comunicare efficacemente tra loro, semplicemente ‘alzando’ il tono delle loro emissioni canore. Il volume maggiore riesce, infatti, a contrastare le interferenze acustiche tipiche degli ambienti urbanizzati e consente agli uccelli di difendere il territorio, richiamare gli stormi e attirare i partner durante l’accoppiamento.

Merli, cince, pettirossi e altre specie di volatili, insomma, hanno imparato a selezionare attivamente i suoni ad alta frequenza e, in alcuni casi, a cantare di notte quando il mascheramento acustico del loro canto provocato dalle interferenze ambientali è meno intenso.

SPECIALE: Uccelli architetti: alcuni nidi che vincerebbero un premio di design

Questa scoperta è solo l’ultima in ordine di tempo che dimostra quanto elevata sia la capacità di adattamento degli uccelli in ambienti apparentemente ‘ostili’. In realtà sono sempre più numerosi i volatili che scelgono l’habitat urbano in cui vivere e moltiplicarsi; basti pensare che nel nostro paese la metà dall’avifauna presente sul territorio vive orma da anni in città.

Le ragioni di questa scelta sono tante: abbondanza di cibo, protezione dal pericolo della caccia, molti più luoghi adatti alla costruzione dei nidi, pochi predatori. E così, anche se più ‘stressati’ dall’attività umana, gli uccelli di città preferiscono ‘urlare’ anziché rinunciare a tutti questi vantaggi…

Leggi anche:

Erika Facciolla

Giornalista pubblicista e web editor free lance. Nata a Cosenza il 25 febbraio 1980, all'età di 4 anni si trasferisce dalla città alla campagna, dove trascorre un'infanzia felice a contatto con la natura: un piccolo orticello, un giardino, campi incolti in cui giocare e amici a 4 zampe sullo sfondo. Assieme a lattughe, broccoli e zucchine coltiva anche la passione per la scrittura e la letteratura. Frequenta il liceo classico della città natale e dopo la maturità si trasferisce a Bologna dove si laurea in Scienze della Comunicazione. Dal 2005 è pubblicista e cura una serie di collaborazioni con redazioni locali, uffici stampa e agenzie editoriali del bolognese. Nel 2011 approda alla redazione di TuttoGreen con grande carica ed entusiasmo. Determinata, volitiva, idealista e sognatrice, spera che un giorno il Pianeta Terra possa tornare ad essere un bel posto in cui vivere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close