Notizie

Il wi-fi sui treni mette a rischio la salute?

Il wi-fi sul treno è comodo ma fa anche male alla salute. O almeno è quanto sostiene il Codacons, che ha presentato un esposto avarie Procure, ai Ministeri dell’Ambiente e della Salute e all’ARPA, chiedendo la disattivazione del wi-fi su tutti i treni nelle tratte in cui si superano i limiti di legge. Inoltre chiede che si intervenga per far rispettare le soglie all’esposizione magnetica ed elettromagnetica.

Il wi-fi sui treni mette a rischio la salute?

L’associazione dei consumatori ha inviato la perizia anche a Trenitalia e Ntv per consentire alle 2 società di presentare eventuali osservazioni. Proprio sulla questione wi-fi e treni già il TAR del Lazio aveva discusso recentemente (11 ottobre) un ricorso del Codacons.

FOCUS: Come proteggersi dai cellulari e dalle radiazioni emesse: 10 consigli pratici

Si ritiene infatti i cittadini non siano tutelati dai posibili pericoli che possono derivare dall’esposizione alle onde elettromagnetiche.

A seguito di misurazioni eseguite dal Codacons su un Frecciarossa (treno 9655) delle ore 19 tra Milano e Roma e sull’Italo 9940 delle ore 13,55 tra Roma e Milano, si sarebbero registrati superamenti anche del 272% dei limiti fissati per legge.

Questo è un fatto è ancora più grave, se si considerano i limiti più stringenti previsti dall’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC): rispetto a  questi ultimi i valori sul Frecciarossa il superamento sale al 588%, mentre per Italo si arriverebbe addirittura al 6.800%.

Cifre che, se confermate, fanno paura.

Leggi anche:

Luca Scialò

Nato a Napoli nel 1981 e laureato in Sociologia con indirizzo Mass Media e Comunicazione, scrive per TuttoGreen da maggio 2011. Collabora anche per altri portali, come articolista, ghost writer e come copywriter. Ha pubblicato alcuni libri per case editrici online e, per non farsi mancare niente, ha anche un suo blog: Le voci di dentro. Oltre alla scrittura e al cinema, altre sue grandi passioni sono viaggiare, il buon cibo e l’Inter. Quest’ultima, per la città in cui vive, gli ha comportato non pochi problemi. Ma è una "croce" che porta con orgoglio e piacere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close