Notizie

Le postazioni wi-fi di Parigi saranno isolette verdi e fiorite

A Parigi, comunicare è diventato verde!
Il giovane architetto e designer Mathieu Lehanneur, noto per le sue pluripremiate collaborazioni con famosi marchi del lusso e del fashion, ha recentemente realizzato Escale Numérique, uno spazio verde pratico e di design in cui i parigini possono sedersi a consultare i propri congegni elettronici mentre sorseggiano un caffé.

Le postazioni wi-fi di Parigi saranno isolette verdi e fiorite

Escale Numérique è infatti una postazione wi-fi completamente gratuita realizzata per conto dell’agenzia francese di marketing, specializzata in outdoor advertising e arredamento urbano, JCDecaux.

LE IMMAGINI: vedi le più belle foto di Escale Numérique sui Champs-Elysées

Sita al Rond Point des Champs-Elysées, è un luogo perfetto per fare una pausa e ripararsi dal cocente sole estivo della città; una vera e propria ‘isola di pace’ per parigini e stranieri. È costituita da sedute girevoli ed ergonomiche in cemento, dotate di tavolino, e da una piattaforma montata su sette stretti piloni in legno che, come tronchi d’albero, sostengono il giardino pensile posto in cima, e proteggono gli avventori dagli agenti atmosferici. Il grande touch screen, montato sui pilastri, completa il progetto fornendo notizie di pubblica utilità a cittadini e turisti.

SPECIALE PARIGI ECOLOGICA – se ne parla anche in:

Super moderno e di grande impatto visivo, l’hot spot sfrutta la connessione in fibra ottica di cui è stata dotata la città ed è opportunamente illuminato per potere essere utilizzato anche dopo il tramonto. Non sarebbe male se un giorno qualcosa di simile venisse realizzato anche nelle nostre città, in disperato bisogno di alta tecnologia, design e di verde…

Davvero un bell’esempio di arredo urbano moderno, bello e funzionale. Di seguito tutte le foto per rifarci gli occhi…

La Ica

Web editor freelance per portali e siti che si occupano di viaggi, lifestyle, moda e tecnologia. Districatrice di parole verdi per TuttoGreen dal maggio 2012, nello stesso anno ha dattiloscritto anche per ScreenWeek. Oggi, pontifica su Il Ruggito della Moda, scribacchia di cinema su La Vie En Lumière, tiene traccia delle sue trasvolate artistiche su she)art. e crea Le Maglie di Tea, una linea di magliette ecologiche.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close