Berlino: come un vecchio aeroporto diventa il parco più grande d’Europa

di Barbara Nazzari del 23 settembre 2014

Un simulacro del passato può diventare una prospettiva per il futuro: è quello che è successo allo storico aeroporto di BerlinoTempelhof, inoperativo ormai da anni.

Costruito nel 1927 e riprogettato negli anni ’30 da Albert Speer, architetto del Führer, Tempelhof è stato al centro di numerosi eventi storici: prima simbolo della grandezza del regime e base per la progettazione di aerei militari, poi, nel 1948, approdo per il ponte aereo che portò soccorsi ad una Berlino Ovest isolata dal blocco messo in atto dai sovietici.

CAPITALI GREEN: E Londra lancia i pocket park

Convertito dal 2008 in parco pubblico, per lo scarso traffico aereo e come risultato di un referendum popolare, l’area di questo ex aeroporto oggi ospita eventi, sfilate, zone picnic e spazi per lo sport.

Ma a Berlino non vogliono fermarsi qui. Come risultato di un bando di concorso per la riconversione completa dell’area, gli studi di architettura Gross. Max. e Sutherland Hussey trasformeranno i 300 ettari di Tempelhof nel più grande parco cittadino europeo, sfruttando anche la posizione di “isola” che l’ex aeroporto ha tra i quartieri di Kreutzberg e Schoeneberg. Ecco quindi che il vecchio aeroporto dismesso diventa il parco più grande d’Europa: un caso di riqualificazione urbana davvero emblematico.

tempelhof skateboard

Tempelhof è oggi luogo di aggregazione, ideale per tutte le attività all’aria aperta

I lavori dovrebbero terminare nel 2017, grazie ai 61 milioni di euro di investimento pubblico, in occasione del Festival Internazionale dei Giardini.

DA BERLINO: Bici, la casa con il parcheggio al piano

Un esempio da seguire, pensando a tutte le aree dismesse che, anche in Italia, rimangono vuote carcasse e distese di cemento senza scopo. Perchè la riqualificazione del territorio è maggiore qualità della vita. Per tutti.

Ecco anche un bel video che documenta la trasformazione di questo hub urbano nel parco più grande d’Europa, buona visione:

Articoli correlati:

{ 1 comment… read it below or add one }

Saveria settembre 25, 2014 alle 11:47 am

Complimenti a Berlino che riesce a rinnovare in modo eco-sostenibile a differenza nostra.

Rispondi

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *