Gardnerella: cause e rimedi naturali

by La Ica on 24 luglio 2016

Come facilitare la guarigione dalla gardnerella con rimedi naturali che aumentano l’efficacia dei farmaci: tutto quello che c’è da sapere.

La vaginosi batterica da Gardnerella è un’infezione vaginale asintomatica tra le più frequenti nelle donne sessualmente attive. È provocata da un agente patogeno che si annida nella mucosa vaginale quando questa perde il suo sano equilibrio; può colpire anche le donne in gravidanza ed essere trasmessa all’uomo, ma tramite alcuni rimedi naturali si può facilitare il processo di guarigione.

Gardnerella: cause

Causa della iper-proliferazione della gardnerella sembrerebbe essere uno squilibrio nel pH della flora batterica vaginale. Quest’alternazione è data da una riduzione del potere protettivo dei lactobacilli, batteri buoni che compongono lo strato intimo della mucosa interna.

Tutto sul… prurito intimo: cause e rimedi naturali

È molto spesso scatenata dal ricorso eccessivo alle lavande disinfettanti e di anticoncezionali ad uso interno come la spirale, da una terapia antibiotica di lunga durata e dal ciclo mestruale, ma può anche essere trasmessa per via spermatica, e attecchire in caso di scarsa igiene o quando il nostro sistema immunitario è debilitato per colpa di ansia, stress e alimentazione povera di nutrienti.

Nella maggior parte dei casi, la Gardnerella si manifesta con dense secrezioni bianco-grigiastre accompagnate da cattivo odore e prurito, ma non provoca alcuna sintomatologia dolorosa, pertanto, solo il ginecologo può confermare gli eventuali sospetti di infezione, incaricandosi di prescrivere i test di laboratorio appositi per la ricerca del batterio.

La Gardnerella è innocua, ma può aumentare il rischio di incorrere in infezioni più gravi; il vero pericolo si sviluppa in gravidanza, poiché le donne che ne sono affette, si rivelano essere più a rischio di parto prematuro.

Gardnerella: consigli

Per combattere l’infiammazione da gardnerella è necessario ricorrere alla terapia farmacologica, ma sono molti i consigli che, durante e dopo il trattamento, possono migliorare e favorire un ritorno alla normalità. Per rinforzare il proprio sistema immunitario, è fondamentale innanzitutto mangiare sano; un’alimentazione ricca di vitamina A, B, C ed E può facilitare agevolare questo processo.

Gardnerella

Il batterio della gardnerella ama gli ambienti caldi e umidi, per impedirne la proliferazione, indossate biancheria di cotone, pantaloni non troppo stretti e facilitate la traspirazione con una camminata di almeno 20 minuti

Si consiglia anche di evitare sostanze irritanti ed eccitanti come caffè ed alcolici, prodotti confezionati che contengano cereali raffinati, latte di vacca e derivati e dolci ricchi di zuccheri.

Per mantenere la flora batterica vaginale in salute, è importante anche preservarne il suo naturale microclima, preferendo pantaloni non troppo stretti e biancheria intima in cotone che lascia traspirare la parte; per godere di maggiori benefici, facilitate il processo camminando per almeno 20-30 minuti al giorno.

Gardnerella: rimedi fai da te

La gardnerella riduce la naturale acidità della vagina, ecco perché un ottimo rimedio naturale per combatterla, è quello di effettuare lavande a pH acido, realizzabili anche in casa con una miscela a base di 3 cucchiai di aceto di mele da sciogliere in 1 litro di acqua tiepida.

Gardnerella

Lo yogurt al naturale, privo di aromi e zuccheri aggiunti, si è rivelato essere, per molte donne, uno dei rimedi casalinghi più efficaci per apportare sollievo alle parti affette dal microbo della gardnerella

Molte donne hanno sperimentato anche l’efficacia di balsami di consolida maggiore o di olio di iperico, che, se spalmati sulle labbra e nelle cavità interne, sono in grado di ridurre il prurito. Parimenti, spruzzare quotidianamente e per alcuni giorni la polvere yoni, può lenire le parti irritate, diminuendo inoltre, l’odore acre emanato dalle perdite.

Rimaniamo in cucina, per una tisana anti-infiammatoria che si ottiene dalla decozione di consolida maggiore e paglia d’avena. Una scuola di pensiero vuole che anche lo yogurt sia in grado di contrastare l’azione patogena della gardnerella, a patto che sia 100% naturale, privo di zuccheri ed aromi artificiali.

Approfondisci: 

Potete applicarne un po’ sulle muscose con le dita o con l’aiuto di un tampone: dapprima, l’acido naturale dello yogurt, causerà un leggero bruciore, che però lascerà immediatamente il posto a un gradevole sollievo.

A favorire la guarigione, sembrerebbe concorrere anche il succo di mirtillo al naturale; è necessario berne più di 1 litro al giorno, per aumentare l’acidità nel sangue. Nell’ambito di una dieta ricca di proteine e vitamine antiossidanti, si è rivelata essere fondamentale la presenza dell’aglio, un antibiotico vegetale, che favorisce il ri-equilibrio della flora batterica.

Gardnerella

Un’alimentazione a base di zuccheri raffinati ma povera di nutrienti, può favorire la comparsa del batterio della gardnerella; consumare frutta e verdura ricche di vitamina A, C, ed E può aiutare a contrastare l’infezione

Potete aggiungerlo ai vostri pasti, consumarlo in formato integratore oppure farne l’ingrediente principe di una lavanda vaginale composta da 1 l di acqua calda e 2 cucchiai di aceto o sidro di mele.

Inoltre ricordate di non intraprendere mai rapporti sessuali non protetti.

Potrebbero interessarti anche: Esistono alternative naturali allo zucchero? Ecco tutti i dolcificanti naturali

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *