Le pulizie prima della vacanza

di Salvo del 16 luglio 2016

Ecco poche e semplici regole per lasciare una casa pulita prima di partire per le vacanze ed evitare spiacevoli sorprese al rientro.

A cosa servono le pulizie prima della vacanza? Ritrovare una casa in ordine e non infestata da insetti al rientro è importante. E’ anche vero che la partenza per le vacanze comporta molte cose da fare prima di godersi il meritato riposo. Dalla preparazione dei bagagli alle ultime incombenze lavorative. Spesso, dunque, non si pensa che una casa che resta chiusa per diverse settimane possa creare poi problemi se non è pulita bene prima.

Helpling, piattaforma che permette di prenotare online addetti alle pulizie assicurati per casa o ufficio, ha infatti condotto un sondaggio interessante sul tema. Emerge che il 33% degli intervistati non pulisce prima della partenza, sognando già di sdraiarsi sulla spiaggia o fare una piacevole escursione in montagna. Tanto dovremo pulire al rientro, si pensa. E così, si rimanda il noioso compito al ritorno. I risultati completi del sondaggio sono riportati nell’infografica che trovate di seguito.

Rimandare le faccende domestiche al rientro può comportare non solo l’essere accolti da una doppia mole di lavoro, ma anche conseguenze igieniche. Gli esperti di Helpling ci ricordano che, ad esempio, ogni notte lasciamo su lenzuola e cuscini ben 42 gr di pelle e sudore.

Leggi anche: Come pulire in modo ecologico senza danneggiare l’ambiente e la nostra pelle

Gli italiani e le pulizie pre-vacanza

Gli italiani e le pulizie pre-vacanza

Quindi con l’aiuto di Helpling abbiamo creato un piccolo vademecum da seguire per poter partire a cuor leggero, sapendo di aver pulito le cose più importanti.

Le pulizie prima della vacanza: i 7 comandamenti irrinunciabili

I compiti irrinunciabili sono 7:

  • controllare di aver buttato la spazzatura.
  • di non avere la biancheria sporca ancora nel cestone.
  • ricordarsi di bagnare piante e fiori con sistemi di auto-irrigazione.
  • di cambiare le lenzuola.
  • di pulire il frigo e buttare gli avanzi di cibo.
  • di staccare le spine di tutti gli elettrodomestici.
  • di controllare che gli scarichi non siano otturati.

In realtà, secondo un sondaggio online condotto dalla stessa Helpling il 33% degli italiani non pulisce prima della partenza. Un italiano su tre sogna già di sdraiarsi sulla spiaggia o fare una piacevole escursione in montagna, e rimanda il noioso compito al suo arrivo.

SPECIALE: Medicine da viaggio, cosa mettere in valigia

Le pulizie prima della vacanza: buttate tutto

Buttare la spazzatura è la regola numero uno! Specialmente quando fa caldo e il processo di decomposizione è più veloce, gli odori sgradevoli arrivano subito. Con loro germi, batteri e animaletti di ogni tipo. Per evitare di avere una casa occupata da colonie di topi e insetti vari, è bene ricordarsi di buttare tutto.

Sia l’umido (ça va sans dire) che il secco e la plastica, e pure la carta, ricordandovi anche dei bidoncini del bagno e dello studio. Poi procedete a lavare i bidoni e i contenitori vari con una soluzione di 0,5 l di acqua, 1 bicchiere di aceto e 3 gocce di olio essenziale di tea tree, da lasciare agire per almeno 10 minuti, per sfruttare l’azione antibatterica dell’olio.

Infine, spolverate il fondo della pattumiera pulita con del bicarbonato.

Eppure il 20% si dimentica questi semplici accorgimenti, secondo il sondaggio di Helpling…

Per approfondire: Cose da sapere per fare il bucato in modo ecologico

Prima di partire è buona norma anche lavare i panni sporchi, per non ritrovarsi poi con una montagna di abiti da lavare al rientro, visto che dovrete aggiungerci anche quelli portati dalle vacanze.

Prima di partire è buona norma anche lavare i panni sporchi, per non ritrovarsi poi con una montagna di abiti da lavare al rientro, visto che dovrete aggiungerci anche quelli portati dalle vacanze.

Le pulizie prima della vacanza: niente biancheria sporca

Prima di partire è buona norma anche lavare i panni sporchi. Questo per non ritrovarsi poi con una montagna di abiti da lavare al rientro, visto che dovrete aggiungerci anche quelli portati dalle vacanze. Eppure il 57% – secondo il sondaggio – non ci pensa affatto. Lascia il poco gratificante compito del bucato al ritorno dalla vacanza, contribuendo così a vanificare gli effetti rilassanti di questo periodo di stacco. 

Per spingervi a fare la lavatrice prima di partire sappiate che in ogni carico di biancheria sporca si annidano circa 1 milione di batteri. Li lascerete a moltiplicarsi nel cesto della biancheria sporca mentre voi siete in spiaggia. Quindi, fatevi coraggio e accendete la lavatrice…

Le pulizie prima della vacanza: piante ben ‘idratate’

Se non avete una persona di fiducia che vi permetta di bagnare le piante, è bene prevedere un sistema di irrigazione per il vostro spazio verde. Un metodo piuttosto efficace, semplice ed economico, è il sifone comunicante.

Basterà una bottiglia per ogni pianta o un secchio per 2-3 piante. Posizionateli vicino alle piante ad un’altezza maggiore (non meno di 10 cm dal terreno), e riempiteli d’acqua. Sistemate delle strisce di stoppino (quelle delle candele) o di stuoia filtrante (dai vivaisti) o delle trecce di lana che dal fondo della bottiglia arrivino nella terra del vaso. Inumidite questi supporti prima di sistemarli nel terreno. L’acqua contenuta nella bottiglia passerà al terreno grazie al principio dei vasi comunicanti utilizzando le strisce come ‘mezzo’.

Le pulizie prima della vacanza: un letto poco invitante

Quando rientrate a casa le ferie, la stanchezza del viaggio si fa sentire. L’unica cosa che si ha voglia di fare è gettarsi sul letto per farsi una bella dormita ristoratrice… ma le lenzuola sono già state cambiate, non vi toccherà dormire in un letto poco ‘invitante’ e odoroso…

Le pulizie prima della vacanza: pulite il frigo e i piatti

Sempre secondo il sondaggio di Helpling, il 43% degli italiani non svuota il frigorifero e neppure lo pulisce! Eppure è una pratica fondamentale, specie prima di una lunga assenza. Pensate che vi si annidano fino a 8.000 batteri per cmq! Per evitare il diffondersi di cattivi odori e togliere eventuali tracce di muffa, liberate il frigo da tutti i cibi (potete mangiarli o regalarli ad un vicino o ad un amico single, magari apprezzerà!). Poi, pulite bene tutto con una soluzione fatta con 1 l di acqua fredda e 1/2 bicchiere di aceto bianco. In alternativa, una soluzione di 0,5 l di acqua e 1 cucchiaio di bicarbonato. Fate attenzione a non trascurate le guarnizioni e le griglie.

Ricordatevi di lasciare aperto lo sportello, dopo averlo spento e pulito. Serve ad evitare la formazione della muffa e dei cattivi odori, sistemando uno straccio per l’acqua che sgocciola.

Stesso discorso per i piatti e la lavastoviglie, se la possedete. Non potete lasciare stoviglie sporche, eppure il 26% lo fa. Sappia questo gruppo di persone poco ‘previdenti’ che gli avanzi di cibo sui piatti si incrostano e diventerà quasi impossibile pulirli, una volta tornati.

Inoltre, nel lavello della cucina si annidano più batteri di un WC. Convinti?

Potrebbe interessare: Come pulire il frigo in modo naturale

Non dimenticate di fare le pulizie prima della vacanza

Non dimenticate di fare le pulizie prima della vacanza

Le pulizie prima della vacanza: tutto staccato

Fondamentale sia per il risparmio energetico che per la sicurezza, è ricordarsi di staccare le spine di tutti gli apparecchi elettronici di casa prima di partire. Non solo degli elettrodomestici ma anche dei piccoli device elettronici che popolano le nostre abitazioni, dal tablet agli speaker per la musica, dalla radiosveglia all router wifi, dal robot da cucina al phon

Sappiate che si potranno risparmiare in un anno fino a 50 watt e comunque metterete al riparo la casa da eventuali danni dovuti ai soliti potenti temporali estivi. Se vi dimenticate, tranquilli, siete in buona compagnia, il 79% degli italiani non lo fa!

Scoprite questa utile… Guida all’efficienza energetica contro lo stand-by killer

Le pulizie prima della vacanza: scarichi liberi e bagni splendenti

Prima di partire non potete trascurare il bagno, perché l’acqua stagnante porta batteri e muffe e la scarsa pulizia idem. Non sarà necessaria una pulizia accurata dei sanitari, basterà una passata veloce con una spugna imbevuta di una pasta fatta di 3 cucchiai di bicarbonato, 1 di aceto bianco e 1 di acqua per togliere il calcare. Il WC potrà essere lavato semplicemente cospargendo e lasciando tutta la notte abbondante bicarbonato sia sullo scopettone che sulle pareti del nostro water. Poi sfregate lo scopettone nel WC e tirate lo sciacquone e il gioco è fatto…

Se il vostro scarico non sembra a posto, con un imbuto, versate in una bottiglia 1 tazza di sale grosso e 1 di bicarbonato; poi aggiungete 2 bicchieri di una bevanda gassata. Tappate la bottiglia, scuotete vigorosamente e versate nello scarico.

Scopri come fare un… Disgorgante naturale

Vi abbiamo convinto?

Immagine via shutterstock.

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *