Qualità antiossidanti e antistress delle bacche di Aronia nera

di ScriBio del 2 Gennaio 2019

L’Aronia nera (nome scientifico Aronia melanocarpa), è una pianta decidua della famiglia delle Rosaceae. Il frutto assomiglia al mirtillo e offre numerosi benefici per la salute.

Qualità antiossidanti e antistress delle bacche di Aronia nera

Si tratta di una pianta originaria del Nord America oggi diffusa soprattutto nell’Europa dell’Est dove è considerata una pianta medicinale con proprietà ricostituenti e tonificanti. Vediamo quali sono le più importanti in questa guida.

Descrizione della pianta di Aronia nera

Si sviluppa come piccolo arbusto che non supera l’altezza di 2 metri.

  • Le gemme sono di color rossiccio.
  • Le foglie dell’Aronia sono di forma ovale, di medie dimensioni e, in autunno, si tingono di un bel color rosso-arancione, dando all’arbusto un aspetto ornamentale.
  • I fiori sono grappoli contenenti 20-25 fiori ognuno, che si formano sulla vegetazione primaverile. La fioritura dell’Aronia avviene a metà primavera e il singolo fiore ha una vita media di circa 5 giorni.
  • I frutti di Aronia sono bacche di color nero, riunite in grappoli penduli. La loro maturazione, avviene a metà estate, circa tre mesi dopo la fioritura.

Come coltivare l’Aronia nera?

Cresce bene in ambienti freddi e viene coltivata come pianta da frutto. È una pianta particolarmente adatta ai climi freddi o anche molto freddi in cui vi sono intense gelate.

Riesce anche a tollerare anche estati calde ed afose in presenza di precipitazioni temporalesche. Queste sue caratteristiche contribuiscono a spiegarne il buon adattamento al clima continentale di buona parte dell’Est Europa, diventato nel tempo il suo habitat più tipico.

Habitat e terreno

Questa pianta è a suo agio in terreni umidi e non troppo aridi. Riesce a tollerare temperature fino a -30° e i suoi fiori sono particolarmente resistenti e non vengono danneggiati dalle gelate primaverili.

Il terreno non necessita di particolari attenzioni: l’importante è che il terreno sia compatto. Tollera bene anche anche i terreni ad alto contenuto salino.

Potatura e concimazione 

La potatura non è indispensabile, ma in caso va effettuata in autunno. Le concimazioni, di norma, non sono necessarie, in quanto la pianta riesce a svilupparsi e fruttificare anche in terreni relativamente poveri.

Coltivazione senza anticrittogamici 

L’Aronia Melanocarpa è adatta alla coltura biologica, in quanto raramente attaccata da parassiti ed in grado di produrre anche senza trattamenti anticrittogamici.

Utilizzi dei frutti di Aronia nera

Le sue bacche vengono impiegate per preparare succhi, sciroppi, marmellate e confetture di vario genere.

Il gusto è intenso e per questo motivo raramente vengono assunte come frutto fresco, perché il gusto è tannico. Per ridurre questo gusto derivato dai tannini si consiglia di congelare le bacche.

aronia nera

Aronia: una bacca tutta da scoprire

Proprietà nutrizionali e salutistiche dell’Aronia

Questo è il frutto che contiene maggiore quantità di antociani: si tratta di 800 milligrammi ogni 100 grammi di frutti freschi, una quantità circa 5 volte maggiore rispetto all’uva nera.

L’assunzione di antociani aiuta a prevenire malattie cardiovascolari e tutti i danni da stress ossidativo. La fama di questa pianta è dovuta alla sua ricchezza di nutrienti.

Antiossidanti 

Le bacche sono ricche di sostanze antiossidanti, che combattono e prevengono il prematuro invecchiamento cellulare. Questo frutto è ricco di polifenoli, flavonoidi e soprattutto antociani: per questo motivo è tra i più potenti antiage esistenti in natura.

Vitamina C 

Questa vitamina rafforza le ossa, mantiene giovani i tessuti grazie al collagene, rinforza il sistema immunitario soprattutto contro raffreddore e malattie da raffreddamento: 100 g di Aronia contengono il 34% della dose giornaliera raccomandata di Vitamina C.

Vitamina K 

Contiene una alta percentuale di vitamina K, che aiuta a gestire la coagulazione del sangue e previene la calcificazione delle arterie. Per questo motivo i frutti di Aronia abbassano il colesterolo, migliorano la pressione sanguigna, e allontanano l’aterosclerosi.

In caso di assunzione di farmaci anticoagulanti, è meglio confrontarsi con il medico curante prima di usare queste straordinarie bacche.

Acido chinico 

La pianta purifica il tratto urinario e si è rivelata più efficace dei mirtilli nel trattamento di infezioni che colpiscono questa parte del corpo proprio grazie al maggior contenuto di acido chinico.

Ferro 

Questo frutto è anche uno dei cibi ricchi di ferro. Il ferro è essenziale per una corretta ossigenazione di tutte le cellule e il nostro corpo non è in grado di auto-produrlo: 100 grammi di Aronia contengono il 93% della dose giornaliera raccomandata di ferro.

Fibre 

Secondo alcuni studi, queste bacche hanno effetti preventivi sullo sviluppo del diabete: l’importante quantità di fibra alimentare presente nelle bacche infatti migliora la regolazione dell’insulina.
Ovviamente l’abbondanza di fibre aiuta anche a favorire il processo digestivo e favorisce una corretta motilità intestinale.

Potassio 

Presente nelle bacche, il potassio aiuta a far funzionare bene l’apparato cardiovascolare, e rilassando i vasi sanguigni e le arterie, aumenta il flusso di sangue e riduce la pressione sul sistema cardiovascolare.

Proprietà antitumorali 

Le capacità antitumorali delle bacche sono ancora oggetto di studio. Si pensa che l’alto contenuto di antociani possa avere effetti preventivi sullo sviluppo dei alcuni tipi di tumore ed, in particolare, il tumore al colon.

aronia nera

Simile al mirtillo, eppure così diversa: l’aronia nera

Altri utilizzi dell’Aronia 

Il succo di queste bacche è utile come bevanda antistress, in caso disuperlavoro, studio e sostegno mentale e cognitivo, per migliorare l’efficienza psico-fisica.

La composizione naturale del succ è utile anche per il benessere della pelle, delle gengive, dei capillari e delle ossa.

Come assumere l’Aronia

Ha un sapore asprigno, perciò viene raramente assunta da sola. Può essere invece aggiunta in macedonie, frullati e tisane.

Ricette con le bacche di Aronia 

In Italia è difficile trovare le bacche di Aronia fresche perché sono un frutto originario del Nord America o dell’Est Europa e a noi arriva in sacchetti disidratati. Provate qui:

Ma ecco qualche ricetta con le bacche di aronia:

  • bacche di aronia e yogurt biologico;
  • frullato con succo di aronia, banana e latte di soia;
  • insalata, spinaci freschi, noci e bacche di aronia nera;
  • biscotti alle bacche di aronia al posto delle gocce di cioccolato.

Aronia: controindicazioni

I frutti sembrano non avere controindicazioni ma è consigliato sempre prestare attenzione alla provenienza, privilegiando frutti biologici, senza pesticidi e altre sostanze tossiche.

  • Attenzione: non abusare poiché è ricca di fibre e si potrebbe incorrere in disturbi intestinali.
  • Favorisce la coagulazione del sangue, di conseguenza è controindicata nei casi di sangue denso e tromboflebiti e trombosi.
  • Contenendo grossi quantitativi di acidi organici, aumenta l’acidità dei succhi gastrici per cui è controindicata in caso di gastrite.

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment