Notizie

Carbone attivo per pulire i vestiti per dire ciao alla lavatrice!

Carbone attivo per pulire: scopri come dire addio alla lavatrice utilizzando il carbone attivo con risparmio economico e per l’ambiente!

Un abito finisce per inquinare più per il modo con cui viene lavato e asciugato che per quello con cui viene prodotto. Per ridurre l’inquinamento derivante dal continuo lavaggio dei vestiti anche quando non li utilizziamo, Lisa Bengtsson, studentessa di design presso la Kingston University, ha inventato una serie di grucce per abiti che sfruttano il carbone vegetale attivo per mantenere i vestiti freschi e puliti.

Carbone attivo per pulire i vestiti per dire ciao alla lavatrice!

LO SAPEVI? Catclo, ovvero quando il vestito purifica l’aria

In realtà il carbone attivo è già ampiamente usato per purificare l’acqua delle vasche di pesci o le ciotole per il cibo degli animali, ed è in grado di assorbire gli odori di un capo di abbigliamento, anche se tenuto un metro di distanza.

A dare valore all’invenzione della Bengtsson è il fatto che, usando le sue stesse parole, “oggi laviamo i nostri vestiti molto più di quanto ne abbiano veramente bisogno, danneggiando così sia gli indumenti che il Pianeta. Un capo indossato non troppo di frequente non ha bisogno di essere pulito ma solo rinfrescato“.

LEGGI ANCHE: Dall’ortica una fibra per fare vestiti ecologici

Carbone attivo per pulire i vestiti: come può funzionare?

Di cosa si tratta? E’ una gruccia, chiamata “Bye Bye Laundry“, costituita da una campana di vetro contenente il filtro ricaricabile al carbone e un anello a cui appendere i vestiti. I granuli di carbone attivo aspirano gli odori della camera, un processo che può richiedere alcuni giorni. E nonostante il tutt’altro che attraente compito, Bengtsson voleva che i suoi ganci fossero sia funzionali che esteticamente gradevoli.

FOCUS: Vestiti che fanno male. A chi li indossa, a chi li produce, il libro di Rita Dalla Rosa

Oltre a risparmiare acqua ed energia, il lavaggio meno frequente riduce anche l’usura delle fibre degli abiti e prolunga la vita di un indumento. “Bye bye Laundry” assolve così tre funzioni: buono per il pianeta, con il guardaroba e con il portafogli!

VAI A: Come pulire i vestiti lasciandoli semplicemente stesi al sole

Luca Scialò

Nato a Napoli nel 1981 e laureato in Sociologia con indirizzo Mass Media e Comunicazione, scrive per TuttoGreen da maggio 2011. Collabora anche per altri portali, come articolista, ghost writer e come copywriter. Ha pubblicato alcuni libri per case editrici online e, per non farsi mancare niente, ha anche un suo blog: Le voci di dentro. Oltre alla scrittura e al cinema, altre sue grandi passioni sono viaggiare, il buon cibo e l’Inter. Quest’ultima, per la città in cui vive, gli ha comportato non pochi problemi. Ma è una "croce" che porta con orgoglio e piacere.

Articoli correlati

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close