Come conservare la Stella di Natale ben oltre le feste

di Eryeffe del 16 settembre 2017

Eccovi tutti i nostri consigli su come conservare la stella di Natale ben oltre le feste. Vale la pena di fare un piccolo sforzo per godere più a lungo possibile della bellezza di questi fiori!

Dopo le feste, si sa, gli addobbi natalizi finiscono nel solito scatolone in soffitta o in cantina. Immediatamente dopo, ricomincia la routine di tutti i giorni. Ma se palline e decorazioni possono avere una lunga vita senza bisogno di manutenzione o accorgimenti particolari, diverso è il destino delle Poinsettie. Meglio note come Stelle di Natale, questi bei fiori troppo spesso concludono la loro breve esistenza nel cassonetto sotto casa.

Queste belle piante d’appartamento, però, non sono semplicemente ornamenti da utilizzare per rallegrare la nostra casa durante le feste. Sono innanzitutto esseri viventi e in quanto tali meritano di essere curate con amore e dedizione.

Contrariamente a quel che si pensa, infatti, la Poinsettia (in botanica Euphorbia pulcherrima) può continuare a vivere ben oltre il periodo natalizio.

Con i dovuti accorgimenti, può anche regalarci nuove infiorescenze nell’inverno successivo. Ma vediamo come allungare la vita di queste graziose piantine.

conservare la stella di natale

Un fiore stupendo, che impone di essere conservato il più a lungo possibile

Come conservare la Stella di Natale: consigli pratici

Per prima cosa è bene sapere che la Stella di Natale non gradisce la luce artificiale. Meglio la luce naturale (non più di 8 ore al giorno). Magari in un posto lontano da spifferi e correnti o fonti di calore artificiali (caminetti, termosifoni e stufe) che potrebbero esporre la pianta a sbalzi di temperatura pericolosi.

Proteggere la stella di Natale da funghi e malattie

Come molte piante da interno, anche la Stella può essere colpita da funghi e malattie causate dai ristagni di acqua nel sottovaso che compromettono l’integrità delle radici. Occorre prestare molta attenzione ai depositi idrici. Ricordate che, in ogni stagione dell’anno, le annaffiature dovranno essere sporadiche e solo in presenza di terriccio secco e asciutto in superficie.

Quando portare la stella di Natale all’esterno?

Durante l’inverno (dalla sfioritura) e fino al mese di aprile, la Stella di Natale deve rimanere dentro casa in un luogo illuminato. Invece, con l’arrivo della primavera può essere spostata all’esterno. Da ottobre a novembre, invece, è bene che la pianta riposi in casa in un luogo buio, ad una temperatura non superiore ai 24C°. L’assenza di luce favorirà una migliore e più rigogliosa fioritura durante il mese di dicembre.

Altre cose cui fare attenzione

Un ultimo consiglio su come conservare la Stella di Natale. Ricordate che le foglie, i fusti e gli steli della Poinsettia contengono delle sostanze urticanti per la pelle e per l’apparato digerente. Occorre prestare molta attenzione che bambini o animali non ingeriscano il liquido di fuoriuscita che spesso vediamo comparire quando stacchiamo un foglia o recidiamo un ramo.

Moltiplicare la stella di Natale

I più abili e volenterosi possono anche tentare di moltiplicare la pianta eseguendo nuove talee durante il periodo primaverile. Dopo aver reciso le porzioni di rami bisognerà collocarle in un vaso o bicchiere pieno d’acqua fino a che non vedremo comparire le prime radici.

conservare la stella di natale

Per conservare la stella di Natale… occhio anche a lui!

Che siate giardinieri provetti o semplici appassionati, l’importante è che quest’anno la vostra Stella non finisca nel cassonetto dell’immondizia. Sebbene l’aspetto poco confortante e la perdita di foglie possa far pensare il contrario, in realtà è ancora viva e vegeta. Con un po’ di cura, è pronta a regalarvi un altro coloratissimo Natale!

Se i nostri consigli su come come conservare la Stella di Natale vi sono piaciuti, eccovi gli altri suggerimenti di Natale. Tutto per passare un Natale più sostenibile ed ecologico:

Outbrain