Notizie

Cos’è il cibo a filiera corta?

Scopriamo insieme cos’è il cibo a filiera corta, leggete la nostra spiegazione del concetto di chilometro zero e filiera corta.

In tema di alimentazione e di sostenibilità capita di sentir parlare di ‘filiera corta’, ma sempre più spesso questo concetto è usato in maniera impropria o fuorviante. Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza e di capire quali sono i requisiti che i prodotti che acquistiamo devono possedere per potersi definire ‘a km zero’ o provenienti da una ‘filiera corta’.

Cos’è il cibo a filiera corta?

 Leggi anche: Prodotti a km zero: cosa sono e dove trovarli

Per prima cosa bisogna sapere che i due concetti non sono esattamente sinonimi. Quando si parla di ‘filiera’, infatti, si fa riferimento al numero dei processi produttivi necessari a trasformare un qualsiasi prodotto alimentare e portarlo sulla tavola del consumatore. Lo scopo della ‘filiera corta’ è quello di ridurre il più possibile questi passaggi per diminuire i costi di produzione e quindi il prezzo finale che sostiene il consumatore.

Cos'è il cibo a filiera corta: mercati del contadino
E un cibo ‘a km zero’?

Il concetto – nella sua accezione economica – è estendibile a tutti i prodotti del settore agroalimentare e sempre più convergente al criterio di tranciabilità degli alimenti che consente di sapere con certezza da dove proviene il cibo che mangiamo e a quali processi industriali è stato sottoposto.

farmers market
Filiera corta: basso numero dei processi per portare un prodotto alimentare sulla tavola del consumatore

Cosa sono?  Farmer’s market o mercati dei contadini

I prodotti a ‘Km zero’ sono prodotti locali che vengono venduti nelle immediate vicinanze del luogo di produzione, il ché garantisce per definizione genuinità e freschezza. In questo caso la zona di produzione è ben determinata e l’assenza totale di intermediari commerciali garantisce un buon margine di guadagno per il produttore (molto spesso un agricoltore o allevatore di zona) e un risparmio significativo per il consumatore.

farmers market
Cos’è il cibo a filiera corta?

Scopri anche: Latte crudo: i veri benefici del latte alla spina

La scelta di consumare prodotti a ‘Km zero’, dunque, è motivata soprattutto da un legame profondo con il proprio territorio, dal desiderio di valorizzare i prodotti della terra d’origine, di esaltare i sapori, i profumi e le tipicità gastronomiche locali e di ricercare un rapporto diretto e personale con chi produce ciò che si porta in tavola.

Immagine via Shutterstock

Erika Facciolla

Giornalista pubblicista e web editor free lance. Nata a Cosenza il 25 febbraio 1980, all'età di 4 anni si trasferisce dalla città alla campagna, dove trascorre un'infanzia felice a contatto con la natura: un piccolo orticello, un giardino, campi incolti in cui giocare e amici a 4 zampe sullo sfondo. Assieme a lattughe, broccoli e zucchine coltiva anche la passione per la scrittura e la letteratura. Frequenta il liceo classico della città natale e dopo la maturità si trasferisce a Bologna dove si laurea in Scienze della Comunicazione. Dal 2005 è pubblicista e cura una serie di collaborazioni con redazioni locali, uffici stampa e agenzie editoriali del bolognese. Nel 2011 approda alla redazione di TuttoGreen con grande carica ed entusiasmo. Determinata, volitiva, idealista e sognatrice, spera che un giorno il Pianeta Terra possa tornare ad essere un bel posto in cui vivere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close