Notizie

Finning, è l’India la prima a vietarlo con leggi davvero severe

La fama che si è guadagnata negli ultimi anni non le fa certo onore essendo uno dei paesi nelle cui acque si consuma il più alto numero di uccisioni di squali finalizzate al commercio illegale di pinne. Eppure l’India vuole voltare pagina e si prepara a dichiarare guerra ai bracconieri con una serie di provvedimenti legislativi mirati e un generale inasprimento delle pene sia per i possessori che per i venditori della preziosa merce.

Finning, è l’India la prima a vietarlo con leggi davvero severe

La pratica illegale del ‘finning’, dunque, costerà fino a 7 anni di reclusione soprattutto se condotta a danno di specie protette e le sanzioni previste per i trasgressori saranno molto più rigorose e pesanti di prima.

LO SAPEVI? In India vietano i delfinari, mentre in Italia sono ancora legali…

I principali gruppi ambientalisti locali hanno accolto con un plauso l’iniziativa del governo indiano che finalmente sembra essere deciso a porre fine ad una pratica crudele che sta mettendo a repentaglio la sopravvivenza di molte specie di squalo, ridotte ormai al 10% di esemplari rispetto a qualche decennio fa. Gli attivisti, inoltre, si augurano che l’esempio dello stato asiatico sia seguito da altri paesi responsabili dello stesso tipo di mattanza e chiedono a gran voce un intervento delle autorità internazionali per accelerare i tempi.

Dopo l’Indonesia, l’India è lo stato dove negli ultimi anni vengono catturati e uccisi più squali, molti dei quali appartenenti a specie protette e in via d’estinzione, tra cui lo squalo martello e lo squalo balena.

SCOPRI: Demon Fish, il libro di Juliet Eilperin sugli squali

Le carni e le pinne ottenute da questa mattanza finiscono sul mercato nero o sono destinate al consumo locale anche se nella maggior parte dei casi i bracconieri interessati alle sole pinne smembrano l’animale ancora vivo e disperdono le carcasse in mare, dopo una lenta e spietata agonia.

Il maggiore acquirente mondiale di pinne di squalo è la Cina (dove la zuppa di pinne è molto richiesta) che da alimenta un giro d’affari da 4,8 milioni di dollari all’anno.

Leggi anche:

Erika Facciolla

Giornalista pubblicista e web editor free lance. Nata a Cosenza il 25 febbraio 1980, all'età di 4 anni si trasferisce dalla città alla campagna, dove trascorre un'infanzia felice a contatto con la natura: un piccolo orticello, un giardino, campi incolti in cui giocare e amici a 4 zampe sullo sfondo. Assieme a lattughe, broccoli e zucchine coltiva anche la passione per la scrittura e la letteratura. Frequenta il liceo classico della città natale e dopo la maturità si trasferisce a Bologna dove si laurea in Scienze della Comunicazione. Dal 2005 è pubblicista e cura una serie di collaborazioni con redazioni locali, uffici stampa e agenzie editoriali del bolognese. Nel 2011 approda alla redazione di TuttoGreen con grande carica ed entusiasmo. Determinata, volitiva, idealista e sognatrice, spera che un giorno il Pianeta Terra possa tornare ad essere un bel posto in cui vivere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close