Gatti

Gatto in calore: i sintomi delle gatte femmine e dei maschi

Quando avviene, i sintomi e come comportarsi in questa fase stressante della vita di un gatto

Quando una gatta va in calore significa che è fertile e pronta per riprodursi. Durante il calore, i gatti sono piuttosto irrequieti e manifestano comportamenti inusuali. I gatti maschi sono attirati dall’odore delle femmine in calore. Ma sono proprio le gatte che, durante questa particolare fase dell’anno, manifestano sintomi particolari, talvolta addirittura esagerati, con eccessive effusioni e vocalizzi prolungati e strazianti.

Gatto in calore: i sintomi delle gatte femmine e dei maschi

Quando il gatto comincia ad andare in calore

I gatti cominciano ad andare in calore quando raggiungono la maturità sessuale, ovvero quando possono accoppiarsi e riprodursi. Mediamente, nei gatti maschi questo accade verso i 6 mesi di età. Mentre per le femmine, ciò avviene un po’ prima, già verso i 5 mesi. Si tratta comunque di una questione anche molto personale, perché alcune gattine possono essere più precoci (4 mesi) ed altre invece un po’ più tardive (9-12 mesi).

In ogni caso, indipendentemente da questo questo evento accade, il calore è un periodo molto delicato e particolarmente stressante per i nostri mici. Per questo è importante saperne riconoscere i sintomi e sapere quali comportamenti adottare.

Gatto in calore: le varie fasi

Il ciclo delle gatte è diviso in 4 fasi, di lunghezza variabile da esemplare ad esemplare:

  • Proestro: la gatta comincia a manifestare alcuni cambiamenti nei suoi comportamenti. Questa fase è breve: dura 1-2 giorni
  • Estro. Durante questo periodo, che di media dura 6 giorni, ma può anche protrarsi fino a 12 giorni, la gatta mostra sintomi molto palesi in quanto vuole accoppiarsi
  • Diestro: il periodo tra due calori, dura fra gli 8 e i 15 giorni
  • Anestro: è la fase di riposo che dura circa 3-4 mesi

Quando avviene il calore del gatto

Di solito, il periodo del calore avviene nei periodi dell’anno con più luce, e quindi dalla primavera all’inizio dell’autunno, quando le giornate sono più lunghe.

Se però si tratta di una gatta domestica che vive in casa, allora, a causa della luce artificiale, può andare in calore in qualsiasi periodo dell’anno.

Quanto dura il periodo di calore di un gatto

Il calore del gatto può durare 6-7 giorni fino a un mese. La fertilità del gatto è fortemente influenzata dalla luce. Per questo, i gatti che vivono in casa, possono avere un calore più prolungato e continuativo, mentre quelli che sono abituati a vivere all’esterno cominciano ad andare in calore col sopraggiungere della primavera e poi perdurano per tutta l’estate, fino all’inizio dell’autunno.

Come si comporta un gatto in calore

Il periodo del calore è un momento molto delicato e stressante per la vita dei gatti, soprattutto per la gatta. È facile capire che i gatti sono in calore perché manifestano cambiamenti comportamentali ben specifici e molto ben riconoscibili. Nei prossimi paragrafi andremo a vedere nello specifico quali sono i sintomi del calore nei maschi e nelle femmine.

Gatto in calore sintomi

Ecco i più comuni cambiamenti di comportamento che manifestano i gatti quando sono in calore.

  • Si leccano i genitali
  • Emettono versi insoliti
  • Spruzzano urina fuori dalla lettiera
  • Mangiano poco
  • Si puliscono in maniera esagerata
  • Vogliono uscire di continuo
  • Mimano la posizione dell’accoppiamento
  • Sono irrequieti e camminano avanti e indietro

Gatto maschio in calore

Come anticipato fin dall’inizio, il calore è una questione che riguarda più nello specifico le gatte. I maschi, più che andare in calore, reagiscono al calore della gatta femmina cercando di conquistarla per poi accoppiarsi.

In presenza di gatte in calore, i gatti maschi reagiscono in maniera molto istintiva. Sono attirati da esse dalla loro postura con la schiena sollevata e dagli stridenti vocalizzi.

Gatta femmina in calore

Analizziamo ora quali sono i sintomi del calore nella gatta.

  • È più affettuosa del solito
  • Fa le fusa
  • Urina più spesso e marca il territorio per diffondere il suo odore spruzzando sulle varie superfici al di fuori della sua lettiera
  • Si strofina contro persone, mobili ed oggetti
  • Quando accarezzata, inarca la schiena sollevando il sedere
  • Miagola spesso, sia di giorno che durante la notte, con vocalizzi stridenti e prolungati, piuttosto fastidiosi
  • Ha scarso appetito e mangia poco
  • Vuole uscire spesso alla ricerca di un compagno
  • Si rotola sul pavimento
  • Si lecca di continuo la zona genitale, cosa che può provocare infiammazioni ed infezioni

Gatto in calore scappa di casa

Quando è in calore, il gatto maschio esce spesso di casa, soprattutto di notte, per corteggiare la femmina. Anche le gatte, quando sono in calore, vogliono uscire il più possibile per attirare i maschi diffondendo il proprio odore.

Se non desiderate una cucciolata di micini, è bene fare attenzione che i vostri gatti se ne stiano in casa. Mantenete chiuse porte e finestre e bloccate eventuali gattaiole.

Gatto in calore verso

Un sintomo molto comune del gatto in calore è il persistente miagolio. I maschi emettono vocalizzi per richiamare le femmine in calore. Dal canto loro, le gatte miagolano in maniera insistente per richiamare a sé i maschi. I miagolii durante il calore sono diversi dal solito. Sono più che altro delle vocalizzazioni molto intense, acute e prolungate, che vanno intensificandosi, quando i due gatti sono in prossimità l’uno dell’altra. Di solito, i gatti in calore emettono i loro vocalizzi dal tramonto e nelle ore notturne.

gatto in calore
Durante il calore, le gatte possono diventare molto vocali, emettendo strani miagolii ripetutamente nel tentativo di attrarre l’attenzione dei maschi.

Cosa fare per calmare un gatto in calore

Non è facile avere a che fare con il proprio gatto quando è in calore. Vi potrà però essere consolatorio sapere che anche per il gatto questo periodo dell’anno non è semplice da vivere. Anzi, si tratta di una fase delicata della sua vita, molto stressante sia dal punto di vista fisico che psicologico. Pertanto, dobbiamo offrire al nostro gatto tutto il nostro supporto, cercando di essere pazienti e ricoprendolo di attenzioni e premure.

Poiché durante il calore i gatti sono spesso molto nervosi ed agitati, è più che mai importante ricreare attorno a loro un ambiente tranquillo e rilassante.

Ecco alcuni suggerimenti da mettere in atto per cercare di calmare una gatta in calore.

  • Accarezzatela e coccolatela spesso
  • Spazzolatele a lungo il pelo
  • Evitate il più possibile i rumori
  • Non accogliete estranei che girano per casa
  • Diffondete musica soft e rilassante
  • Scaldate la gatta avvolgendola in una coperta calda
  • Ripulite spesso la sua lettiera
  • Distraetela con l’erba gatta o proponendogli alcuni giochi
  • Diffondete i plug-in di feromoni che alleviano lo stress

Inoltre, se non volete che la vostra gatta rimanga incinta, evitate di farla uscire di casa.

Cosa succede se una gatta in calore non si accoppia

Occorre premettere che la gatta ha l’ovulazione proprio nel momento in cui si accoppia con il maschio. Se l’accoppiamento non accade, la gatta può avere una serie di calori ripetuti nel giro di breve tempo. Talvolta, invece, la mancata ovulazione porta alla comparsa di cisti ovariche.

I vantaggi della sterilizzazione

L’unica soluzione efficace e definitiva perché la nostra gatta non resti incinta è la sterilizzazione. Tra l’altro, non si tratta solo di evitare la nascita di una cucciolata di micini. Grazie alla sterilizzazione, infatti, si pone vita ad un processo che che è molto doloroso e stressante per la gatta, sia dal punto di vista fisico che psicologico.

La sterilizzazione può essere eseguita sia sui gatti maschi che sulle micie. Nei maschi vengono asportati i testicoli, mentre nelle femmine viene eseguito un taglio sull’addome per poter asportare entrambe le ovaie e, talvolta, anche un tratto di cervice. Per i maschi, l’ideale sarebbe procedere prima del calore, mentre nel caso delle femmine, è consigliato sottoporle all’intervento appena dopo il primo calore. Sarà comunque il vostro veterinario di fiducia a darvi utili consigli in merito dopo la prima visita del gatto.

La sterilizzazione felina apporta vari vantaggi, oltre all’eliminazione del rischio di gravidanza:

  • rende il gatto meno aggressivo, pur non alterando il suo istinto cacciatore
  • evita che il gatto domestico scappi durante ogni calore
  • nelle femmine, riduce di molto il rischio di contrarre un tumore alla mammella
  • riduce i rischi di contrarre malattie sessualmente trasmissibili, come la FIV e la FeLV

Altri approfondimenti

Potrebbero interessarvi questi altri post sui gatti:

Federica Ermete

Nata a Busto Arsizio nel 1982, dopo il diploma si trasferisce a Cremona – dove vive tutt’ora – per conseguire la laurea in ambito umanistico. Sia per formazione professionale che per passione personale, i suoi ambiti di specializzazione sono l’alimentazione, la salute, il fitness di cui è appassionata anche nella vita quotidiana, ed il benessere naturale. Collabora con entusiasmo con la redazione di Tuttogreen dal giugno 2020.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pulsante per tornare all'inizio