Rinnovabili

Il museo delle miniere di carbone va a… energia solare!

Forse vi sembrerà paradossale o quanto meno ironico, ma in tempi di risparmio energetico e di attenzione alle tematiche ambientali capita anche che il ‘tempio’ del combustibile fossile per eccellenza , il carbone, si ‘converta’ alle rinnovabili.

Il museo delle miniere di carbone va a… energia solare!

Succede in Galles, precisamente nella miniera di Blaenafon dove oggi sorge il museo del carbone più importante del Regno Unito (e d’Europa):  il ‘Big Pit National Museum’, sul cui tetto sono appena stati installati ben 200 pannelli fotovoltaici in grado di produrre un quantitativo di energia elettrica pari al 6% del consumo totale della struttura.

Oltre a lustrare la propria immagine, con questa iniziativa il museo beneficerà di agevolazioni economiche e sconti sulle bollette, riducendo il proprio impatto ambientale e reinvestendo i risparmi nel complesso museale.

Speciale Musei “verdi”: scopri quali sono i musei green nel mondo

La miniera di Blaenafon è storicamente una delle più importanti miniere di carbone del ‘900, ma da quando è stata trasformata in museo è diventata il simbolo dell’industria mineraria britannica conosciuto in tutto il mondo. Non a caso nel 2000 l’Unesco l’ha dichiarata patrimonio dell’Umanità per il suo notevole valore culturale e storico. È l’unico, infatti, che permette di esplorare le antiche miniere con una camminata a 90 metri di profondità e avvicinarsi a quella che fu la vita dei minatori ad inizio secolo scorso. Ecco perché Blaenafon è considerata da molti la ‘Culla della Rivoluzione Industriale’.

Ciò che conta di più è che il luogo simbolo del carbone, da oggi,  sarà alimentato ad energia solare: passato e futuro non sono mai stati così vicini.

Leggi anche:

Erika Facciolla

Giornalista pubblicista e web editor free lance. Nata a Cosenza il 25 febbraio 1980, all'età di 4 anni si trasferisce dalla città alla campagna, dove trascorre un'infanzia felice a contatto con la natura: un piccolo orticello, un giardino, campi incolti in cui giocare e amici a 4 zampe sullo sfondo. Assieme a lattughe, broccoli e zucchine coltiva anche la passione per la scrittura e la letteratura. Frequenta il liceo classico della città natale e dopo la maturità si trasferisce a Bologna dove si laurea in Scienze della Comunicazione. Dal 2005 è pubblicista e cura una serie di collaborazioni con redazioni locali, uffici stampa e agenzie editoriali del bolognese. Nel 2011 approda alla redazione di TuttoGreen con grande carica ed entusiasmo. Determinata, volitiva, idealista e sognatrice, spera che un giorno il Pianeta Terra possa tornare ad essere un bel posto in cui vivere.

Articoli correlati

Back to top button
Close