Mamma e bambino

Scopriamo insieme come trattare la febbre nei bambini senza ricorrere subito ai farmaci

Alcuni rimedi naturali possono essere efficaci in caso di lieve alterazione

La febbre nei bambini è un fenomeno molto comune ma come è possibile curarla senza ricorrere necessariamente subito ai farmaci? Vediamo alcune soluzioni naturali che possono aiutare

Scopriamo insieme come trattare la febbre nei bambini senza ricorrere subito ai farmaci

Febbre nei bambini: perché si verifica?

La comparsa di febbre nei bambini potrebbe essere sinonimo di infezione in corso, ma non è detto che sia necessario subito intervenire con dei farmaci per abbassare la temperatura.

Autodifesa naturale

Parliamo di febbre solo quando la temperatura corporea supera i 37,5 gradi. La febbre serve per allontanare virus e batteri sfruttando l’alta temperatura, quindi è un meccanismo di difesa molto importante, finalizzato a rendere inospitale il nostro organismo, evitando la proliferazione dei microbi.

Per ottenere l’ innalzamento di temperatura l’ipotalamo, deputato proprio ai processi di termoregolazione, produce i brividi lungo tutto il corpo: in questo modo viene favorita la vasocostrizione impedendo la dispersione di calore e aumentando la temperatura di qualche grado.

Al contrario quando l’infezione inizia a diminuire, l’ipotalamo agisce al contrario quindi produce una vasodilatazione accompagnata dalla sudorazione che consente di espellere il calore e di abbassare la temperatura.

Il nostro corpo è organizzato in modo tale da difendersi con dei meccanismi fini di auto-regolazione, ma spesso l’uomo finisce con il dimenticarsene e non fa che intervenire in maniera artificiale ingurgitando farmaci a dismisura. Se poi si parla di bambini piccoli, allora è necessario essere ancora più cauti.

È proprio per questo motivo che non bisogna subito allarmarsi di fronte alla febbre dei bambini: paradossalmente la presenza della febbre significa che il corpo sta reagendo in maniera del tutto naturale.

La febbre nei bambini spesso allarma i genitori

Come misurare la febbre nei bambini

Spesso è difficile misurare la febbre nei bambini, soprattutto quando sono molto piccoli.

Le Linee Guida della Società Italiana di Pediatria sulla gestione della febbre nei bambini, raccomandano di utilizzare un termometro elettronico da inserire nell’incavo delle ascelle.

Sconsigliato l’utilizzo di termometri al mercurio, tra l’altro eliminati dal commercio per la loro pericolosità qualora dovessero rompersi.

Si raccomanda anche di evitare la pratica di inserire il termometro per via rettale o orale:

  • nel primo caso l’esperienza potrebbe essere non proprio piacevole per il bambino
  • per via orale la misurazione potrebbe essere alterata dalla temperatura di cibi o bevande ingerite prima.

Termometri a scansione digitale

Ti segnaliamo anche alcuni prodotti a tema che potete trovare su Amazon.

Come abbassare la febbre nei bambini: i rimedi naturali

Per far abbassare la febbre nei bambini ci sono tanti piccoli rimedi naturali che si possono utilizzare e che consentono di ridurre la somministrazione di farmaci.

Capita molto spesso che i bambini si ammalino e il rischio è che vengano continuamente bombardati di medicine che a lungo andare finiscono solo con il ridurre le difese immunitarie.

Quando la febbre non è troppo alta, quindi non supera i 38 gradi, è possibile seguire alcuni accorgimenti e mettere in pratica dei rimedi naturali che aiutano ad abbassare la temperatura.

Rimedi naturali per curare la febbre nei bambini
Rimedi naturali per curare la febbre nei bambini

Quando usare gli antipiretici

I pediatri raccomandano di utilizzare gli antipiretici solo in presenza di una condizione di malessere generale e tra questi in età pediatrica si possono somministrare solo paracetamolo ed ibuprofene.

Attenersi in ogni caso sempre alle prescrizioni del pediatra, seguendo le dosi raccomandate in base al peso del bambino e facendo attenzione ad eventuali effetti collaterali.

In alternativa, ecco una serie di indicazioni utili che possono aiutarvi a far passare la febbre nei bambini senza ricorrere ai farmaci:

Bere molti liquidi

Fate bere molta acqua: il rischio di disidratazione è molto elevato, quindi è bene reintegrare i liquidi persi bevendo acqua, spremute o anche succhi di frutta fresca, meglio se biologica e di stagione. In questo modo si aiuta a disperdere il calore del corpo.

Lasciare respirare la pelle

Non esagerate con pigiami e coperte: più il bambino sarà al caldo, più la temperatura del corpo aumenterà. Lasciate che la pelle respiri di modo da favorire la dispersione del calore.

Fitoterapia

Rimedi fitoterapici: ci sono alcuni estratti secchi che possono essere somministrati nei bambini di età superiore ai 3 anni.

Vi consigliamo ad esempio l’Uncaria tomentosa che va dosata in metà capsule da prendere al mattino e alla sera, con un po’ di acqua. In ogni caso non procedete mai con il fai da te, anche se si tratta di prodotti naturali.

Omeopatia

Rimedi omeopatici: esistono alcuni granuli che possono essere disciolti anche nel biberon dei neonati.

Tra i rimedi utili per far abbassare la febbre nei bambini vi suggeriamo:

  • il Ferrum phosphoricum,
  • Gelsemium sempervirens
  • l’Arsenicum album.

Ciascuno di questi rimedi è associato a una specifica sintomatologia, consultatevi sempre con un esperto per capire come procedere con le dosi.

Niente rimedi “fisici”

Attenzione ai rimedi fisici: le Linee Guida sconsigliano assolutamente i mezzi fisici per abbassare la febbre.

Da evitare soluzioni come:

  • bagni tiepidi,
  • borse del ghiaccio,
  • spugnature fredde,
  • frizione della pelle con alcool.

E’ evidente come il raffreddamento di parti del corpo non produca alcuna influenza sull’azione dell’ipotalamo, posto all’interno del nostro cervello.

Questi sono una serie di rimedi naturali che possono aiutarvi ad abbassare la febbre nei bambini.

Rivolgetevi sempre al vostro pediatra per qualsiasi dubbio, ma fate sempre molta attenzione a non eccedere con il consumo di farmaci.

Altri rimedi naturali per bambini

Scopri altri rimedi naturali per i bambini:

Alessia

Nata in Abruzzo nel 1982, si trasferisce a Roma per conseguire una laurea e un master in psicologia, ma dopo una decina d'anni rientra nel suo piccolo paese ai piedi della Majella, fuggendo dalla vita metropolitana. Attualmente coniuga l'attività di psicologa libero professionista con la passione per la scrittura, un hobby coltivato sin dalle scuole superiori. Collabora con la redazione di Tuttogreen dal 2011, cura un blog personale di taglio psicologico e scrive articoli per un mensile locale. Nel tempo libero ama passeggiare nei boschi e visitare i piccoli borghi, riscoprendo le antiche tradizioni d'un tempo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close