Le migliori fattorie urbane nel mondo

di Simona Treré del 4 aprile 2015

A differenza di quello che si può pensare, le metropoli hanno un grande potenziale agricolo e negli ultimi anni stanno diventando, non a caso, sempre più amiche dell’agricoltura.

Non solo aree cittadine dismesse o spazi verdi non curati, ma anche cantine, tetti e sotterranei si trasformano in luoghi perfetti dove realizzare orti e fattorie urbane che favoriscono l’autoproduzione alimentare, riducendo l’inquinamento e ottimizzando l’uso degli spazi urbani.

Le città sono infatti colme di angoli inutilizzati e da valorizzare, basta solo andare a scovarli.

In diverse parti del mondo, le città iniziano così a dare gradualmente sempre più spazio all’agricoltura metropolitana, ecco alcuni esempi.

Le migliori fattorie urbane del mondo, in immagini:

Cominciamo da New York un viaggio che ci condurrà in Asia, passando per Singapore, Tokyo e Hong Kong.

PUBLIC FARM 1 – QUEENS, NY
La fattoria urbana Public Farm 1 (PF1) unisce l’edilizia sostenibile all’agricoltura sostenibile, fornendo uno spazio sociale all’aperto per creare un senso di comunità che si sviluppa attorno alla coltivazione del cibo e all’esperienza comune del farlo crescere. Costruita in materiali riciclabili, la PF1 è alimentata ad energia solare e si avvale della raccolta piovana per l’irrigazione. È composta da diversi tubi di cartone in cui si trovano le fioriere dove si coltivano verdure, erbe aromatiche e frutta.

PUBLIC FARM 1 – QUEENS, NY

PROGETTO DELLA PUBLIC FARM 1 – QUEENS, NY

LE MINI-FARMS DI “HK FARMS” – HONG KONG
HK Farms è un’organizzazione di Hong Kong composta da un eclettico gruppo di artisti, agricoltori e progettisti che realizzano diverse attività dedicate allo sviluppo di un’agricoltura urbana locale. Alcune delle loro creazioni sono le cosidette rooftop farms (le fattorie sui tetti), grazie alle quali si incoraggiano le comunità locali a preferire il cibo prodotto localmente allo scopo di comunicare il valore di un’agricoltura sostenibile, che favorisce il risparmio energetico e la riduzione delle emissioni di C02. HK Farms collabora non solo con le comunità locali ma anche con aziende e organizzazioni di Hong Kong.

SCOPRI: Coltivare la terra mentre si aspetta il treno: orto urbano sul tetto

Per capire meglio la loro attività, ecco due fattorie urbane che l’organizzazione ha realizzato sui tetti di Hong Kong : Ngau Tau Kok Farm e Yau Ma Tei Farm.

NGAU TAU KOK FARM:mini-farm su un tetto di 4.000 metri quadrati all’interno di un quartiere industriale; aperta ai visitatori nei fine settimana per visite guidate.

YAU MA TEI FARM: mini-farm su uno dei tetti della città

PASONA 02 – TOKYO

Costruita all’interno di quelli che un tempo erano alcuni sotterranei delle banche, la fattoria Pasona 02 fornisce una formazione agricola per i disocuppati o le persone che vogliono cambiare lavoro. Le piante della fattoria sotterranea crescono grazie a luci artificiali e al sistema idroponico.

PASONA 02 – TOKYO

COMCROP – SINGAPORE
Ecco un altro esempio di rooftop farms. Stavolta però non si tratta di una mini-farms, ma di una fattoria di ben 6.000 metri quadrati realizzata su un tetto del centro cittadino.

FOCUS: Boston si fa il più grande orto sul tetto nel mondo

Comcrop è una delle prime aziende di Singapore che usa l’agricoltura verticale e il sistema acquaponico, cioè una combinazione di acquacoltura (allevamento di pesci) e coltura idroponica.

COMCROP - SINGAPORE

Insomma, l’agricoltura urbana sembra proprio essere un’ottima via per rendere le nostre città più belle, vivibili e razionali!

Leggi anche:

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment