Orto e giardino

Come curare le rose: la nostra guida

I nostri consigli per delle splendide fioriture in vaso e in piena terra

Scoprite come curare le rose, tra i fiori più amati e coltivati al mondo, noti per la loro bellezza e il loro profumo. Per mantenere queste piante rigogliose e sane vi diamo diversi consigli, semplici e chiari, su cosa fare per curarle ed aiutarvi a ottenere il meglio dalle vostre rose.

Come curare le rose: la nostra guida

Le regole base per curare le Rose

Per riuscire ad avere delle splendide rose sia in giardino che in balcone i sono alcune regole che vanno seguite, così che il vostro arbusto dia una fioritura superba e profumata. Vediamole assieme.

La potatura

Potare le rose aiuta a stimolare la crescita e aumenta la produzione di fiori. Generalmente, la potatura si effettua a fine inverno o all’inizio della primavera.

Rimuovete i rami morti, danneggiati o che si incrociano, e tagliate circa un terzo della pianta per favorire una nuova crescita.

La fertilizzazione 

Utilizzate un fertilizzante specifico per rose, ricco d’azoto, all’inizio della stagione di crescita e ripeti l’applicazione ogni 4-6 settimane fino alla fine dell’estate. Questo nutrirà la pianta e sosterrà un’intensa fioritura.

L’irrigazione

L’acqua è fondamentale, ma è importante evitare i ristagni e non innaffiare troppo di frequente. Basta controllare che il terreno sia leggermente umido per irrigare la pianta.

Deve conservare la sua umidità e non diventare secco, ma non deve esserci una piccola pozza di acqua al colletto o un terreno zuppo per decidere di innaffiare.

Durante i mesi più caldi, potrebbe essere necessario annaffiare ogni giorno, mentre nei periodi più freschi una volta alla settimana sarà essere sufficiente.

Come piantare le rose

Le rose amano un terreno ben drenato e ricco di sostanza organica, con un pH leggermente acido, intorno a 6-6,5, per favorire l’assimilazione dei minerali. Ecco i consigli principali per la loro messa a dimora, dal periodo migliore alla preparazione del terreno alla scelta del vaso.

Scelta del terreno e della posizione

Il terreno ideale è un buon terriccio per piante da giardino, morbido, ricco di materia organica, e leggermente argilloso. Deve drenare bene, ma anche mantenere un buon livello di umidità, poiché la maggior parte di questi arbusti non sopporta la siccità. Evitate dunque terreni eccessivamente compatti, che potrebbero causare ristagni d’acqua dannosi.

Un altro consiglio è di aggiungere del compost o della torba per migliorare la struttura e la fertilità del terreno. potete incorporare sabbia o pomice per aumentare il drenaggio in caso il terreno sia pesante.

Se il pH è troppo basso (acido) bisogna aggiungere della calce, se è troppo alto (alcalino) optate per dello zolfo per correggerlo.

Preferiscono una posizione soleggiata, ricevendo almeno 6 ore di luce solare diretta al giorno. Meglio piantarle lontano da alberi e arbusti più grandi, poiché possono competere per nutrienti e acqua.

Come preparare il terreno per la messa a dimora

È meglio preparare il terreno circa 15 o addirittura 30 giorni prima della messa a dimora. A seconda della varietà, trovate l’informazione nella confezione, si consiglia di piantare in uno specifico periodo dell’anno. Vediamo come fare.

Il terreno deve essere lavorato in profondità per favorire l’attecchimento della pianta.

  • Iniziate a diserbare
  • Spargete gli ammendanti
  • Scavate il terreno con una vanga fino a una profondità di 40-50 cm
  • Eliminate le radici e i sassi rimasti
  • Mescolate il terreno con tutti gli ammendanti per arricchire il terreno in modo armonioso e impedire alle radici di bruciarsi
  • Rastrellate per completare 
  • Rinnovate completamente il terreno se piantate un cespuglio di rose al posto di un altro

Come piantare le rose in piena terra

Per iniziare, preparate una buca di circa 50 cm e sistemate sul fondo dello stallatico e una manciata di concime azotato a lento rilascio, come la cornunghia.

Coprite il tutto con 20 cm di una miscela di terriccio leggero e terriccio per rose. Questo strato eviterà il contatto diretto tra le radici della rosa e lo strato di terreno superiore che può essere smosso senza far soffrire così la pianta.

Le rose da piantare in piena terra possono essere in zolla o a radice nuda o in vaso.

In generale, eliminate i rami mal posizionati o troppo cresciuti, lasciando 2 rami per le rose rampicanti e 3-4 rami per le rose a cespuglio. Ma eseguite la preparazione delle radici in maniera diversa per ciascun tipo di pianta:

  • Per la rosa a radice nuda o in zolla, dovrete tagliare le radici a una lunghezza di 3 cm e immergetele in un pralinato pronto all’uso, disponibile nei centri di giardinaggio, oppure inseritele in una miscela di terra argillosa e terriccio inzuppato d’acqua.
  • Per le rose in vaso, prima di piantare, immergete il vaso fino a bagnare la zolla. Rimuovere e posizionare la zolla in modo che la parte superiore sia in linea con la superficie.

Infine, posizionate la pianta nella buca di impianto, lasciando fuori solo il punto di innesto, cioè il punto in cui iniziano i rami. Riempite la buca, assicurandovi che non ci siano spazi vuoti. Ricoprite con cura e innaffiate fino a saturazione. Infine, ricoprite la base dei rami con ulteriore terriccio.

Dopo 4 settimane, eseguite una prima potatura del rosaio, una potatura severa fino a 5-7 cm da terra. In questo modo la crescita riprenderà rapidamente.

Come piantare le rose in vaso

Anche se le rose in miniatura possono essere piantate in piena terra, sono particolarmente adatte alla coltivazione in un contenitore. Oltre alle rose in miniatura, si trovano anche varietà più piccole, a cespuglio o rampicanti.

  • Reidratate le radici o la zolla al momento di piantare immergendole a lungo in una bacinella, fino a saturarla. Per le rose a radice nuda, potate e sfrondate le radici come per la messa a dimora in piena terra
  • Ricoprite il fondo del vaso con uno strato di 5 cm di argilla drenante e coprite con un primo strato di substrato. La scelta del substrato è importante, perchè è la parte di terriccio che nutre la pianta, in particolare le varietà rampicanti, che possono dare diverse fioriture all’anno, se ben fertilizzate. Utilizzate un terriccio per rose mescolato a 2/3 di terriccio
  • Posizionate la rosa al centro del vaso, lasciando il punto di innesto sopra il bordo superiore del vaso
  • Riempite con il resto del substrato, rincalzando con cura
  • Innaffiate abbondantemene
  • Pacciamate con trucioli o pacciame per piante per mantenere la pianta fresca

La scelta del vaso per le rose

Innanzitutto, la scelta del vaso è fondamentale per quest’operazione:

  • deve essere di dimensioni adeguate a quelle della pianta. Per le varietà nane scegliete un vaso di 40 cm, per quelle più grandi scegliete vasi di 50-60 cm di diametro.
  • deve sempre avere alcuni fori sul fondo.
  • deve essere in materiali traspiranti che permettano alla zolla radicale di respirare correttamente ed evitare il ristagno di umidità. Sono particolarmente consigliati i vasi di terracotta, che vanno protetti in caso di freddo intenso, e le vasche di legno imputrescibile o trattato naturalmente per resistere al passare del tempo e alle intemperie.

Il periodo migliore per piantare le rose

Sia la pianta in vaso presa dal vivaio, che una rosa a radice nuda, può essere piantata in ogni momento dell’anno, ma è meglio l’autunno o la primavera, da metà ottobre a metà maggio, con una preferenza per i mesi da novembre ad aprile.

In ogni caso, è sempre meglio evitare i mesi di gran caldo o il gelo.

Come moltiplicare le rose tramite talea

Il vaso è il terreno di coltura ideale per piantare i germogli di rosa.

Dopo aver prelevato alcune talee di 20-25 cm, rimuovendole al di sopra di un nodo, cioè il punto di attacco di una futura foglia o ramo, tagliate l’estremità del rametto e rimuovete le foglie inferiori fino a un’altezza di circa 10 cm.

Bagnate la base con ormone in polvere e piantatela in un vaso individuale di 10-12 cm di diametro riempito di terriccio.

Spruzzate le talee con acqua e mettetele in un luogo caldo e umido, possibilmente sotto una campana o in un sacchetto di plastica trasparente, oppure sotto un telaio per accelerare il processo.

La moltiplicazione andrebbe fatta preferibilmente dalla fine di agosto a ottobre. È possibile trapiantare in vaso o in terra quando i getti hanno prodotto radici sufficienti per attecchire di nuovo, in genere la primavera successiva. Questo processo può richiedere diversi mesi.

Le malattie ed i parassiti delle rose

Monitorate le vostre rose per trovare segni di malattie o parassiti. Trattamenti ecologici o rimedi naturali possono essere efficaci contro afidi, ragnetti rossi e malattie fungine come oidio e ruggine.

  • Oidio: malattia causata da diversi funghi. È facilmente identificabile dalla formazione di una sottile pellicola bianca sulle foglie e sugli steli della rosa. Utilizzate un trattamento a base di zolfo contenuto in un fungicida (una sostanza destinata a bloccare lo sviluppo dei funghi) o di miclobutanil, triforina o propiconazolo. Per un trattamento più naturale, spruzzate del decotto di equiseto, efficace per combattere le malattie delle piante causate dai funghi. Evitate di bagnare il fogliame della vostra rosa quando annaffiate.
  • Clorosi: è dovuta alla graduale scomparsa della clorofilla. È in parte causata da carenze di minerali. Questa malattia è caratterizzata da un ingiallimento delle foglie. Per compensare il terreno povero e calcareo, che impedisce agli oligoelementi di fare il loro lavoro, utilizzate un buon compost o pacciamate il terreno.
  • Marsonia: causate da un fungo chiamato Marssonina rosae che sverna sulle lesioni del fusto, sulle scaglie dei boccioli e sulle foglie cadute. È caratterizzata da macchie nere-violacee sul fogliame e sugli steli. Le foglie iniziano a ingiallire e alla fine cadono.Per trattare questa malattia, scartate le foglie contaminate e, all’arrivo della primavera, tagliate gli steli che presentano lesioni sintomatiche. Irrorare con un fungicida a base di miclobutanil, triforina o propiconazolo, subito dopo lo scoppio delle gemme fogliari.Ripetete il trattamento ogni 2 o 3 settimane.
  • Ruggine: è causata da un fungo che si nutre di umidità.Si manifesta con la comparsa di pustole marroni, gialle e arancioni sulle foglie.Per debellare questa malattia, controllate regolarmente le vostre rose e rimuovete le foglie contaminate.Applicate un fungicida a base di miclobutanil, triforina, zolfo o propiconazolo. Per un trattamento naturale, preparate un decotto di equiseto e spruzzatelo sulle rose malate.
  • Afidi: questi parassiti si nutrono della linfa della rosa e vivono sui boccioli. Attaccano le rose rallentandone la crescita e la fioritura. Per prevenirli, è bene controllare la presenza degli afidi a partire da aprile, quindi spruzzare un insetticida a base di pirimicarb, imidacloprid o olio prima che l’attacco si diffonda. Per un trattamento naturale, ricordate che le coccinelle sono predatori di afidi e ne mangiano le larve. Potete quindi installare delle larve di coccinella. Ma anche preparare un concime liquido con ortiche, aglio, felci, fondi di caffè o sapone nero.
  • Ragnetti rossi: sono piccoli acari che attaccano le rose nella stagione calda.È probabile che attacchino le rose tra maggio e ottobre. Le foglie diventano opache e poi cadono. Potete prevenire concimando il terreno con un decotto di equiseto e purina di ortica. Per trattare l’attacco vero e proprio, spruzzate le rose con un insetticida.
  • Bruchi: i bruchi verdi, noti come mosche, che sono larve di insetti. Controllate il fogliame delle vostre rose all’inizio dell’estate per verificare la presenza di foglie rosicchiate, masticate o rosicchiate. Per la prevenzione, concimate il terreno con un decotto di equiseto e ortica. Per trattare l’attacco vero e proprio, spruzzate le rose con un insetticida.

Altri consigli per la cura delle Rose

Evitate di posizionare le vostre piante a nord, perché saranno sempre in ombra.

Se avete il giardino o il balcone in penombra (con almeno 4 ore di sole al giorno), scegliete una varietà adatta.

Non piantate troppo velocemente, fate prima una buca larga e profonda ed esaminate il terreno, che spesso è povero o misto a detriti. In questo caso sarà opportuno sostituirlo con un buon terriccio da giardino, contenente argilla o con una miscela.

Non dimenticate la potatura annuale delle rose rampicanti, che deve rimanere accessibile con una scala o una scaletta.

Come si curano le rose in inverno

Durante l’inverno, è importante proteggere la base delle piante con uno strato di pacciamatura o terra per isolare le radici dal freddo.

Evitate di potare in questo periodo per prevenire danni dovuti al gelo.

Quanto spesso bisogna annaffiare le rose

La frequenza di irrigazione dipende dal clima e dal tipo di terreno.

In generale, assicuratevi che il terreno sia umido, ma non saturato. In estate, potrebbe essere necessario annaffiare più frequentemente, mentre in inverno meno spesso.

Qual è il miglior fertilizzante per le rose

I fertilizzanti specifici per rose sono ideali, poiché sono bilanciati per fornire il mix di nutrienti che queste piante richiedono.

Cercate prodotti che contengano azoto, fosforo e potassio, oltre a microelementi come ferro e magnesio.

Come posso prevenire le malattie delle rose

Mantieni una buona circolazione dell’aria tra le piante e evita di bagnare foglie e fiori durante l’irrigazione per ridurre il rischio di malattie fungine. Ispeziona regolarmente le piante e trattale precocemente con fungicidi se necessario.

Quando è il momento migliore per piantare

Il momento ideale per piantare rose è durante i mesi più freschi di primavera o autunno, da ottobre a marzo-aprile, evitando i mesi più freddi come il periodo dicembre-febbraio, con gelate notturne.

Questo permette alle piante di stabilizzarsi prima che arrivino i periodi di caldo estremo o di freddo intenso.

Come curare altre piante

Se siete amanti del giardinaggio sia in giardino che in terrazzo potete curare diverse piante con l’aiuto dei nostri consigli green:

Giovanna Ferraresi

Giovanna Ferraresi  Siciliana di nascita e milanese di adozione, s'impegna con passione e voglia di imparare. Fino dal 2011 segue la sua attitudine, la scrittura. Lavora come web editor free lance per una casa editrice milanese specializzata in riviste tecniche di architettura e scrive di edilizia e architettura per 'Imprese Edili' e architetturaecosostenibile.it È appassionata di bioedilizia e architettura sostenibile. Anche oggi continua a tenersi aggiornata, non smettendo mai di ascoltare, guardare e imparare ed è esperta di bellezza naturale e autoproduzione cosmetica.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pulsante per tornare all'inizio