Orto e giardino

Come piantare le carote nell’orto e in vaso

Clima, esposizione, terreno, annaffiature e consigli utili per le consociazioni

Le carote sono un alimento molto amato perché estremamente versatile. Crude o cotte, possono essere preparate in tanti modi diversi. Inoltre, fanno anche molto bene perché ricche di ottimi nutrienti, primi fra tutti la vitamina A e i caroteni.

Come piantare le carote nell’orto e in vaso

A livello botanico, la carota è una pianta erbacea che proviene dalle regioni temperate europee. Possiamo coltivare le carote anche nel nostro orticello di casa, e pure sul balcone in vaso. Se volte garantirvi la vostra personale produzione di carote, in questo articolo troverete tante utili indicazioni su come piantare le carote.

In che periodo si piantano le carote

In linea generale, le carote possono essere coltivate tutto l’anno; tuttavia, i periodi migliori sono la primavera e l’autunno. È bene tener conto che le carote hanno un ciclo colturale da 75 a 130 giorni. Mediamente, sono quindi pronte per essere raccolte dopo 2 mesi dalla semina.

Come piantare le carote

Prima di piantare le carote, è fondamentale lavorare il terreno ad una profondità di 15-20 cm. Quando pronto, seminare le carote non molto profondamente (1 cm circa) e mantenendo una distanza tra una carota e l’altra di circa 5 cm e di 15-20 cm tra le varie file.

Dopo la semina, il terreno va mantenuto umido.

Quando e come trapiantare le piantine di carote

Le piantine di carote si trapiantano a partire da febbraio fino a mese di agosto. Tra le varie file si consiglia di mantenere una distanza di circa 20 cm.

Come piantare le carote: il clima adatto

Le carote non sopportano le temperature estreme, quindi, né troppo calde né troppo fredde. E neppure gli sbalzi termici, che ne bloccano lo sviluppo. Preferiscono i climi freschi. Per una crescita ottimale, le temperature ideali sono comprese tra 15° e 22°C.

L’esposizione ideale per le carote

Per crescere bene, le carote hanno bisogno di una esposizione soleggiata.

Che terriccio usare per le carote

Il terreno ideale dove piantare le carote è sciolto, ricco di sostanze organiche e ben drenato. Per quanto riguarda il livello di acidità, deve essere neutro o leggermente acido, con un pH quindi compreso tra 6,0 e 6,8.

Sono invece da evitare i terreni troppo compatti e ghiaiosi, in quanto ostacolano il corretto sviluppo delle radici. Di conseguenza, le carote potrebbero restare piccole o crescere deformate.

Come si prepara il terreno

Prima di procedere con la semina, il terreno va lavorato fino a 20 cm di profondità così che le radici abbiano modo di svilupparsi in maniera omogenea ed uniforme.

Le carote vanno seminate a 1 cm circa di profondità, e mantenendo una distanza di circa 5 cm tra una carota e l’altra.

Appena effettuata la semina, il terreno va mantenuto umido.

Che concime usare per le carote

Per fornire l’energia utile per avere un ricco raccolto, prima della semina, si consiglia di arricchire il terreno con un fertilizzante organico, come compost o letame maturo.

Quante volte si innaffiano le carote

Per crescere bene, le carote necessitano di un moderato apporto idrico, che mantenga il terreno umido, ma non inzuppato di acqua, dal momento che la pianta di carote teme molto i ristagni che provocano la marcescenza della pianta stessa.

Per le annaffiature, occorre quindi regolarsi anche in base alla zona in cui si vive e alla stagione. In estate, ad esempio, se fa molto caldo e il terreno si asciuga e diventa secco, è opportuno procedere anche con 2 irrigazioni al giorno, preferendo la mattina presto e la sera dopo il tramonto.

Poi, durante il resto dell’anno, di solito è sufficiente una sola annaffiatura al giorno, sia per le carote coltivate in piena terra nel terra che per quelle coltivate in vaso.

Come sfoltire le carote

Tra una piantina e l’altra ci devono essere 3-5 cm di distanza circa. Se le piante dovessero svilupparsi troppo, è bene intervenire con un’operazione di diradamento. La fila di piantine di carote, infatti, non deve apparire né troppo fitta e neppure troppo rada. In ogni caso, tra le singole piantine, si devono vedere gli spazi.

Come piantare le carote in vaso

Se non avete un orto, le carote possono essere coltivate anche in vaso. Dovrete utilizzare dei vasi piuttosto profondi (30 cm), da riempire con terriccio fresco e sciolto, privo di ghiaia e sassolini.

Per la cura delle carote coltivate in vaso, valgono le stesse indicazioni della coltivazione in piena terra. Il vaso va quindi collocato in una zona soleggiata e la pianta va annaffiata quando il terreno è secco, facendo attenzione ad evitare i ristagni idrici.

Come piantare le carote dagli scarti

Forse non tutti lo sapranno, ma è possibile coltivare le carote partendo dagli scarti delle carote stesse. Ecco come procedere.

Tagliate la parte superiore della carota e mettetela in una ciotolina piccola. Quindi versate dell’acqua senza arrivare a coprire l’estremità.

Dopo circa una settimana, potrete già notare i primi germogli spuntare.

Cosa mettere vicino alle carote

Nell’ambito delle consociazioni orticole, le carote vivono bene, ed anzi traggono benefici vantaggi, vicino a molti altri ortaggi, come cipolle, lattuga e pomodori.

Le cipolle, infatti, oltre a migliorare la struttura del terreno, tengono lontani insetti nocivi come la mosca della carota. Grazie alla sua crescita rapida, la lattuga copre il terreno, evitando così lo sviluppo di erbacce.

I pomodori, dal canto loro, favoriscono lo sviluppo e la crescita delle carote perché vanno a migliorare la qualità del terreno. Ed ancora, le carote vanno d’accordo anche con porri, ravanelli, menta, piselli, salvia e rosmarino.

Cosa non piantare vicino alle carote

È invece da evitare la vicinanza delle carote con ortaggi da radice, tipo la barbabietola rossa e la pastinaca. Ed ancora, meglio tenere lontano sedano e prezzemolo, dal momento che possono essere colpite dagli stessi parassiti e dalle medesime malattie.

piantare le carote
Come piantare le carote? Facile, basta rispettare alcune regole di base….

Cosa piantare dopo le carote

Per quanto riguarda le rotazioni colturali, dopo le carote è consigliato coltivare le cipolle.

Come si capisce se le carote sono pronte per essere raccolte

In generale, le carote sono pronte per essere raccolte dopo un paio di mesi dalla semina. Di fatto, la radice va colta quando ha un diametro compreso tra 1 e 2 cm. Non bisogna attendere tropo tempo perché, altrimenti, la carota diventerebbe dura e legnosa, e quindi non buona da mangiare.

La raccolta delle carote avviene estirpando la radice. Per facilitare l’operazione, alcuni giorni prima della raccolta, si consiglia di annaffiare spesso il terreno per ammorbidirlo.

Una volta raccolte, le carote vanno messe in un luogo fresco e ventilato per asciugare.

I principali nemici delle carote

Come già abbiamo avuto modo di dire, il primo grande nemico delle carote è rappresentato dai ristagni idrici, che provocano il marciume delle radici. Nel caso si presentasse il problema, sospendete subito le irrigazioni fino a quando il terreno non si sarà del tutto asciugato.

Per quanto invece riguarda insetti e parassiti, le piante di carote vengono spesso colpite dalla mosca della carote, dalla mosca bianca, dagli afidi e dalle cimici.

La mosca della carota, in particolare, è assai pericolosa in quanto si nutre dell’ortaggio dall’interno, andando così a svuotare la polpa, fino a causare la morte della pianta. La mosca della carota può essere tenuta lontana piantando accanto alle carote aglio, cipolla, porro e scalogno, di cui non sopporta l’odore.

Per quanto invece riguarda il problema degli afidi, questi sono molto piccoli da individuare, e bloccano la crescita fogliare. Si possono efficacemente combattere con rimedi naturali come il decotto d’aglio, il macerato di ortica e il piretro.

Altri consigli su come piantare le carote

In caso di piante di carote coltivate nell’orto, è fondamentale effettuare regolarmente (una volta ogni 2 settimane circa) interventi di sarchiatura del terreno, per far arieggiare il terreno ed evitare la diffusione delle erbacce infestanti.

Altre guide utili per coltivare l’orto

Se ami l’orto e hai trovato interessante questa guida pratica su come coltivare le carote, allora ti suggeriamo anche queste guide altre guide per coltivare vari tipi di ortaggi:

Federica Ermete

Nata a Busto Arsizio nel 1982, dopo il diploma si trasferisce a Cremona – dove vive tutt’ora – per conseguire la laurea in ambito umanistico. Sia per formazione professionale che per passione personale, i suoi ambiti di specializzazione sono l’alimentazione, la salute, il fitness di cui è appassionata anche nella vita quotidiana, ed il benessere naturale. Collabora con entusiasmo con la redazione di Tuttogreen dal giugno 2020.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio