Pompa solare, la riscoperta di un’invenzione italiana che ha 100 anni

di Luca Scialò del 2 maggio 2015

La pompa ad energia solare per ricavare acqua grazie ad un motore solare termodinamico è un’invenzione italiana che potrà essere usata per diversi scopi, specialmente là dove manca elettricità, sia per pompare acqua, che per riscaldarla, risparmiando energia.

L’eliopompa è una tecnica tutta italiana che risale a un secolo fa, con la quale si può pompare acqua esclusivamente mediante la luce del sole. Oggi torna in auge grazie a una start up di Rimini, la Nova Somor, un’azienda nata dall’esperienza e dalla passione degli imprenditori Giordano Mancini e Roberto Belardelli. Quest’ultimo, peraltro, è già autore di oltre 100 invenzioni e ha all’attivo ben 24 brevetti in varie aree.

Ma come funziona questa pompa ad energia solare in versione moderna? A dispetto del nome, in realtà, non ci sono pannelli fotovoltaici, e questo è un beneficio per l’ambiente, perché contengono materiali di difficile smaltimento. La nuova Eliopompa NS1 funziona come un motore solare termodinamico a bassa temperatura azionato con gas volatili o ad alta tensione di vapore.

Leggi anche: Pompa solare per irrigare i campi

Nasce dall’evoluzione del vecchio motore Stirling: il motore solare termodinamico sfrutta il calore generato dal cambio di stato liqiudo-gassoso-liquido con un efficienza termica molto più elevata di qualunque altro sistema.

Sono diverse le applicazioni, specialmente in aree senza elettricità, dal pompaggio di acqua da pozzi o laghi, sia per portare acqua potabile che per irrigare, fino al prelievo di acqua salata da potabilizzare, ed è possibile anche utilizzare questa pompa solare per la produzione di sistemi per il recupero di calore perduto nei motori, riducendo così i consumi di carburante.

In realtà, può avere anche usi turistici, visto che l’acqua dopo il ciclo termodinamico esce riscaldata a 20° e può essere utilizzata in piscine, docce sia in centri sportivi che impianti marini, negli alberghi e nei campeggi.

Questa tecnica non è una novità, ma ha un secolo di vita; uno scienziato italiano, Mario Dornig, pensava allo sfruttamento dell’energia solare già nel 1919,mentre nel 1935, spinto dalle esigenze dell’autarchia fascista, Daniele Gasperini presentavano a Tripoli in Libia la Elio Dinamic, una efficiente pompa idraulica a energia solare. Dopo la guerra, assieme all’ingegner Grassi di Lecco, Daniele Gasperini avviò la Somor, ossia “Società Motori a Recupero calor perduto e solare”, dove si costruirono motori solari e pompe idrauliche per uso agricolo e civile fino al 1964, modelli conosciuti e apprezzati allora anche in America.

Pompare acqua con l'energia solare, un'invenzione italiana

Pompare acqua con l’energia solare, un’invenzione italiana

Purtroppo però questi pionieri arrivarono sul mercato proprio mentre il boom economico magnificava la società dei consumi e le qualità del petrolio a basso costo. Dovettero così soccombere al consumismo, e nel 1964 la Somor andò in liquidazione. troppo avanti per il loro tempo…

Ma oggi, con una consapevolezza green sempre più incalzante e la necessità di risparmio, dopo gli anni del consumismo sfrenato, ha riportato in auge tale strumento. Ed è proprio in onore di questi visionari pionieri che la start up si chiama Nova Somor.

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment