Sergio Grea nel suo ultimo libro l’Appalto ci ricorda il disastro ambientale del Lago d’Aral

di Salvo del 7 luglio 2012

Del disastro ambientale del Lago d’Aral si parla molto poco in Italia, noi stessi lo abbiamo citato in questo articolo Quante risorse naturali ci rimangono: un grafico interattivo ce lo spiega.

Il lago d’Aral si trova a metà fra l”Uzbekistan ed il Kazakistan nei territori immensi di quella che fu un tempo l’Unione Sovietica che, all’epoca della guerra fredda, nel tentativo di contrastare la produzione di cotone degli Stati Uniti decise dissennatamente di deviare l’acqua dei due fiumi che sono affluenti nel lago tramite la costruzione di canali per gran parte della lunghezza dei fiumi, al fine di rendere possibile il piano di coltura intensiva voluto dal regime stesso.

Raggelanti le dichiarazioni dei pianificatori Sovietici dell’epoca “ il Lago d’Aral è uno spreco di risorse idriche utili all’agricoltura, un errore della natura che correggeremo“. In 40 anni il lago si è ridotto al 10% della sua dimensione originaria, alterando completamente l’ecosistema locale e l’economia locale che erano alla base della vita degli abitanti, creando povertà e miseria: essendosi creato un deserto, la pesca non sarà mai più possibile.

Lo stesso Al Gore nel suo libroEarth in the balanceha definito il disastro ambientale del Lago d’Aral come “il più grave nella storia dell’umanità”.

Uno scrittore Italiano, Sergio Grea, ha recentissimamente scritto un romanzo dal titolo “L’Appalto” in cui in chiave narrativa  racconta la tragedia del lago d’Aral attraverso una storia di intrighi politici e di business,  in cui personaggi corrotti della nuova Russia si contrastano spietatamente con l’obiettivo di costruire ulteriori dighe sul lago.

L’autore, Sergio Grea ha avuto esperienza diretta nella zona per motivi lavorativi e conferma che la situazione reale è analoga a quanto descritto nel suo romanzo i  finanziamenti della Banca Mondiale  per cercare di arginare il disastro, non sono andati a buon fine, a causa degli egoismi dei vari governi  delle regioni che si affacciano sul lago“.

Sergio Grea

Sergio Grea ha già scritto numerosi libri fra cui vi ricordiamo “I Signori della sete” ambientato nel Corno d’Africa, dove peraltro ha visssuto per anni, imperniato proprio sulla tragedia del controllo dell’acqua, causa di guerra, instabilità e povertà nella zona.

Continueremo a segnalarvi notizie e libri come quello di Sergio Grea sul tema della tragedia del lago d’Aral con il consueto obiettivo di mantenere alta l’attenzione sui disastri ambientali che affliggono il nostro pianeta.

Per maggiori informazioni:
L’Appalto Giugno 2012

  • Autore: Sergio Grea
  • ISBN: 9788856617849
  • Pagine: 490 pagg
  • Edizioni: Piemme Edizioni

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment