Rinnovabili

Stop alla tassa sui rifiuti grazie al solare: l’esempio del comune di San Lorenzo Bellizzi

In tempi di conti in rosso, con i sindaci che puntano a tassare il più possibile, ci sono ancora ‘primi cittadini’ che fanno risparmiare soldi ai propri elettori

E’ il caso di Antonio Cersosimo, sindaco di San Lorenzo Bellizzi, ridente paesino in provincia di Cosenza, che ha permesso lo stop alla tassa sui rifiuti a tutti i suoi abitanti.

Stop alla tassa sui rifiuti grazie al solare: l’esempio del comune di San Lorenzo Bellizzi

Potrebbe piacerti: Vetri fotovoltaici: i pannelli solari che lasciano passare la luce

Infatti, come già accaduto lo scorso anno, i 700 abitanti di San Lorenzo Bellizzi non pagheranno anche per l’anno 2014 la famigerata Tasi (Tassa sui servizi indivisibili) grazie… al fotovoltaico. Ma non solo. I proprietari degli immobili situati nel centro storico che decideranno di ristrutturare la loro casa saranno pure esentati dal pagamento delle tasse per 5 anni.

Come vi  è riuscito? Due anni fa, sfruttando i generosi incentivi del quinto Conto Energia, Cersosimo ha deciso di investire sul fotovoltaico installando tre impianti (da 13 MW) nei terreni situati nei Comuni di Corigliano Calabro, Cassano allo Ionio e Francavilla Marittima. Un’operazione che ha così permesso di far risparmiare alle casse del Comune ben 90.000 euro all’anno, portando in attivo il bilancio economico del paese e permettendo di abbassare le tasse ai cittadini, eliminando anche la tanto odiata Tasi.

Leggi anche: Ecco l’asfalto fotovoltaico

Questo investimento, secondo i calcoli del lungimirante Cersosimo, ha portato benefici economici già dall’anno successivo all’acquisto, e garantirà entrate per i prossimi 25 anni. Il Sindaco però teme che non sia così facile mantenere negli anni questa iniziativa, specie se il Governo centrale continuerà a ridurre gli introiti per i Comuni. Inoltre, a Roma le cose vanno nel senso opposto, visto che anche il Governo Renzi vuole trivellare altre zone del Belpaese per aumentare la produzione di petrolio, mentre una circolare dell’Agenzia delle Entrate dello scorso dicembre prevede, per la produzione di energia attraverso un impianto fotovoltaico installato su tetto (superiori a 3 kW), perfino un aggravio fiscale.

Luca Scialò

Nato a Napoli nel 1981 e laureato in Sociologia con indirizzo Mass Media e Comunicazione, scrive per TuttoGreen da maggio 2011. Collabora anche per altri portali, come articolista, ghost writer e come copywriter. Ha pubblicato alcuni libri per case editrici online e, per non farsi mancare niente, ha anche un suo blog: Le voci di dentro. Oltre alla scrittura e al cinema, altre sue grandi passioni sono viaggiare, il buon cibo e l’Inter. Quest’ultima, per la città in cui vive, gli ha comportato non pochi problemi. Ma è una "croce" che porta con orgoglio e piacere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close