Muoversi

Un mezzo eco-sostenibile per l’India del futuro

Abbiamo spesso parlato della svolta in campo energetico dell’India (che, ricordiamolo, è il paese che nel 2011 ha maggiormente aumentato la propria quota di energia pulita), Paese fino a qualche tempo fa considerato altamente inquinante e generalmente irrispettoso nei confronti dell’ambiente.

Un mezzo eco-sostenibile per l’India del futuro

Ora la Patria di Gandhi vuole investire più massicciamente anche sulle auto elettriche, rendendo però tale mezzo di trasporto il più economico e conveniente possibile, al fine di renderlo accessibile ad una fetta della popolazione che non sia costituita solo da persone abbienti.

SPECIALE: il listino aggiornato al 2013 delle auto elettriche

E così di recente è un vero e proprio fiorire di concept e progetti di auto elettriche monoposto, che non richiedono un grande quantitativo di materiale per la produzione, come questa sopra ideata dal designer Sanu K R.

Di fatto è una sorta di capsula – che per alcuni aspetti ricorda la Twizy di Renault – che prevede solo lo spazio sufficiente per il pilota, dunque utile per quanti sono abituati, soprattutto per lavoro, a effettuare i propri spostamenti da soli.

Con questo concept si ovvia anche a un altro problema delle metropoli indiane: quello dello spazio urbanistico, sempre più ridimensionato dalla cementificazione e con un traffico sempre più caotico, dove il minore ingombro del mezzo costituisce un vantaggio non da poco.

Vedremo anche sul mercato europeo presto qualche interessante monoposto elettrica made in India, a prezzo davvero ridotto? Noi speriamo di si…

Sull’India, leggi anche:

Luca Scialò

Nato a Napoli nel 1981 e laureato in Sociologia con indirizzo Mass Media e Comunicazione, scrive per TuttoGreen da maggio 2011. Collabora anche per altri portali, come articolista, ghost writer e come copywriter. Ha pubblicato alcuni libri per case editrici online e, per non farsi mancare niente, ha anche un suo blog: Le voci di dentro. Oltre alla scrittura e al cinema, altre sue grandi passioni sono viaggiare, il buon cibo e l’Inter. Quest’ultima, per la città in cui vive, gli ha comportato non pochi problemi. Ma è una "croce" che porta con orgoglio e piacere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close