Alimenti

Una stampante 3D ma… per il cibo!

Al mondo d’oggi sembra che la tecnologia renda possibile qualsiasi cosa, dando vita a fantasie che solo fino a qualche anno fa ci facevano sorridere.

Una stampante 3D ma… per il cibo!

Marin Sawa, ricercatrice e designer del Central Saint Martins College of Arts and Design di Londra, sta lavorando ad un progetto davvero curioso: realizzare una stampante che consenta di produrre cibo super-nutriente a partire da un inchiostro a base d’alghe.

Il progetto si chiama Algaerium Bioprinter e sta già scuotendo l’interesse di biologi e scienziati. Il suo obiettivo è quello di avviare un’agricoltura su piccola scala, di modo che anche nelle grandi città ognuno possa coltivare alimenti genuini e naturali all’interno del proprio appartamento.

LO SAPEVI CHE… Le alghe depurano l’acqua dello scarico risparmiando energia?

Sawa ha messo a punto un prototipo di stampante tridimensionale dove al posto del comune inchiostro troviamo una miscela di microalghe e ad ogni colore corrisponde un ceppo diverso.

Attualmente sta lavorando su tre ceppi, la chlorella, la spirulina e l’haematococcus, facilmente rinvenibili nei negozi biologici.

Il sistema si compone di due elementi: l’algaerium e il bioprinter. Il primo agisce come una sorta di terrarium, una sorta di serbatoio dove i ceppi possono crescere e dar vita al bioprinter, l’inchiostro biologico da cui stampare diversi integratori alimentari, in base alle combinazioni che preferiamo.

Ad esempio, se desideriamo un integratore dietetico allora dovremmo usare la Chlorella, particolarmente ricca di clorofilla e responsabile anche della caratteristica pigmentazione verde.

SCOPRI ANCHE: Quando la lampada LED va… ad alghe!

Algaerium-Bioprinter
Ecco l’algaerium, una stampante 3D che va con inchiostro ad alghe

Con la micro-tecnologia bioprinter le cellule vengono scomposte e in quelle condizioni le proprietà nutritive vengono assorbite in tempi rapidissimi. Trasposta a livello macro, questa tecnologia potrebbe essere impiegata come una nuova forma di agricoltura urbana, simile agli orti sul balcone.

Sawa sta anche lavorando all’impiego di alghe come fonte energetica e a dispositivi per il filtraggio dell’acqua.

Voi cosa ne pensate? Sembra fantascienza o potremmo davvero un giorno “stampare” le nostre verdure?

LEGGI QUESTE:

Alessia

Nata in Abruzzo nel 1982, si trasferisce a Roma per conseguire una laurea e un master in psicologia, ma dopo una decina d'anni rientra nel suo piccolo paese ai piedi della Majella, fuggendo dalla vita metropolitana. Attualmente coniuga l'attività di psicologa libero professionista con la passione per la scrittura, un hobby coltivato sin dalle scuole superiori. Collabora con la redazione di Tuttogreen dal 2011, cura un blog personale di taglio psicologico e scrive articoli per un mensile locale. Nel tempo libero ama passeggiare nei boschi e visitare i piccoli borghi, riscoprendo le antiche tradizioni d'un tempo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close