Alimenti

Agar agar: quello che c’è da sapere sull’alga amica della salute

Tutti i vantaggi rispetto alle gelatine ed agli addensati tradizionali

Conoscete l’Agar agar, o anche semplicemente agar? Oggi andiamo alla scoperta di questo agente gelificante di origine vegetale che si ricava dalle alghe, che rappresenta una ottima alternativa naturale alle gelatine industriali.

Agar agar: quello che c’è da sapere sull’alga amica della salute

Rispetto a queste (ed alle gelatine animali), non solo è un ingrediente più salutare, in quanto privo di grassi, carboidrati e colesterolo. Ma si fa apprezzare, come vedremo, anche per la sua estrema versatilità in cucina: è infatti utilizzabile in diverse ricette di dessert, gelatine, budini, mousse, creme o altri piatti che richiedono una consistenza gelatinosa: per questo motivo, lo possiamo usare anche  per dare consistenza a salse e piatti salati.

Ma andiamo con ordine e vediamo innanzitutto da dove viene.

Cos’è l’agar agar

Vi dice nulla questo nome che suona così strano? Chiamato anche kanten, com’è noto nel suo paese di origine, il Giappone, è un estratto naturale di alcune varietà di alghe brune.

Può essere utilizzato come addensante alternativo per i dessert e marmellate oppure per fare delle gelatine.

Quali sono proprietà della Agar agar

Noi l’abbiamo scoperto cercando sul mercato gelatine non di origine animale e ce ne siamo istantaneamente innamorati.

Il perché è presto detto. Non solo è di origine vegetale e non animale, non solo è interamente naturale, senza acidi e sbiancanti chimici (almeno quello prodotto seguendo i metodi tradizionali), ma è anche facile da preparare, di una consistenza maggiore rispetto alle gelatine industriali cui eravamo abituati e ha calorie praticamente a zero. Ciò lo rende un ottimo alleato di diete a basso contenuto calorico.

Tra l’altro l’agar ha leggere proprietà lassative che possono essere ulteriormente potenziate dall’aggiunta di succo di zenzero fresco. Preparare gustose merende a bassa cifra calorica e che aiutino l’intestino è quindi possibile con questo ingrediente.

Ha anche altri vantaggi rispetto alla gelatina tradizionale, oltre al fatto di essere di origine vegetale, senza sapore e inodore: non richiede refrigerazione per solidificarsi ed è più stabile a temperatura ambiente. Può essere utilizzata per preparare gelatine, budini, dessert, marmellate, salse e molto altro.

agar agar
Come si presenta in natura questa alga.

Come preparare l’agar agar

Non altera assolutamente i sapori naturali, è assai facile da preparare.

Le quantità esatte variano a seconda della ricetta, ma di solito si utilizzano da 1 a 2 grammi di agar agar in polvere per 500 ml di liquido. Ma se lo comprate in strisce o filamenti, che è la forma più caratteristica, dovreste trovare sempre le quantità suggerite indicate in confezione.

Ricordate sempre di idratare le strisce o filamenti di agar in acqua fredda per una decina di minuti prima di aggiungerlo all’acqua di preparazione (ma anche brodo o succo o qualsiasi altro liquido abbiate deciso di addensare). Se invece state lo utilizzando in polvere, scioglietelo direttamente nel liquido freddo prima di portarlo a ebollizione.

Ora portate il liquido a ebollizione, mescolando costantemente. L’agar-agar inizierà a sciogliersi mentre il liquido si riscalda. Fate bollire il liquido con l’agar-agar per almeno un minuto per assicurarvi che sia completamente attivato. Continuate a mescolare durante questo processo.

Dopo aver fatto bollire il liquido con l’alga, rimuovetelo dal fuoco e lasciatelo raffreddare leggermente. Man mano che si raffredda, il composto inizierà a solidificarsi.

Una volta che il composto si è raffreddato abbastanza da diventare gelatinoso, potete versarlo nei vostri stampi o contenitori desiderati e lasciarlo raffreddare completamente in frigorifero (se avete fretta) o anche a temperatura ambiente. Il tempo di solidificazione può variare a seconda della ricetta, ma di solito richiede meno tempo rispetto alla gelatina tradizionale. Se lo raffreddate a temperatura ambiente, per solidificarlo sarà sufficiente lasciarlo riposare un’ora.

Non tutti sanno che l’agar agar…

Un’altra cosa utile da sapere è questa: se il risultato è troppo denso o al contrario troppo blando, si può tranquillamente ripetere l’operazione. Si può cioè sciogliere nuovamente la nostra gelatina di agar, mettendola a bollire e correggere le quantità di agar contenute, fino ad ottenere la gelatina della consistenza desiderata. Mica male, vero?

Dicevamo prima della consistenza: è davvero diversa da ciò che è stato solidificato con la gelatina, meno molle e “gelatinosa” e più morbida e cremosa. Sembra quasi che qualsiasi cosa possa essere gelatinata con l’agar.

Ed in fondo è cosa molto meno esotica di quanto non pensiamo: questa sostanza è contenuta come addensante naturale in tantissimi alimenti e classificato dall’UE come additivo alimentare E406. Guardate bene le etichette dei prodotti, vedrete che prima o poi troverete anche lui, il kanten!

SPECIALE: Carragenina un addensante naturale

Dove si compra l’agar agar

Si trova nei migliori negozi biologici o presso negozi online: non l’abbiamo purtroppo ancora visto presso le grandi catene di supermercati.

Ma chiaramente possiamo trovarlo – e facilmente – anche online. Ecco alcuni esempi di quello che stiamo dicendo:

Agar Agar in polvere 500g
compra su amazon
Prezzi aggiornati il 22-07-2024 alle 12:07 PM.
Agar 500g. Albert y Ferran Adrià
compra su amazon
Prezzi aggiornati il 22-07-2024 alle 12:07 PM.

Qualche approfondimento

Interessante il caso di questo agente addensante, vero? Ti segnaliamo con l’occasione anche altri articoli correlati:

Federica Gardener

Ho una laurea magistrale in Biotecnologie Alimentari. Scrivere per tuttogreen.it mi permette di coltivare la mia passione per la nutrizione e più in generale per il benessere e la salute. Dopo il mio percorso di studi, grazie alla mia esperienza di lavoro e alla mia curiosità innata, mi tengo aggiornata costantemente grazie a letture ed approfondimenti sul tema scienza dell'alimentazione e la nutrizione. E cerco di trasmettere agli altri maggiore consapevolezza e curiosità sul grande mondo degli alimenti… e non solo!

Articoli correlati

Un commento

  1. Pingback: L’ALGA AGAR-AGAR: UTILE IN CUCINA E PER LA DIETA |

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio