Alghe in cucina: ricette per cucinare le alghe

di Maura Lugano del 26 maggio 2017

Scopriamo alcuni tra i più interessanti modi di utilizzo delle alghe in cucina e le diverse varietà: ecco come possono anche essere utilizzate per preparare piatti leggeri, specialmente di cucina macrobiotica.

Non fanno di certo parte della nostra tradizione culinaria, ma le alghe in cucina possono rappresentare un’ottimo alimento da introdurre nella dieta.

Non dimentichiamo che le alghe costituiscono la prima forma di vita apparsa negli oceani e che sono le principali produttrici di ossigeno della Terra: grosso modo esistono 30.000 specie di alghe, ma molte di esse, specie il cosiddetto fitoplancton, sfuggono ancora ad una classificazione per via delle loro dimensioni microscopiche.

Indicate in particolare per chi segue una dieta priva di proteine animali, dato il loro notevole apporto proteico, le alghe, ricche anche di vitamine e minerali, possono costituire un’alternativa per introdurre un sapore diverso e caratteristico alle solite pietanze e sono ad esempio un ingrediente di base della cucina macrobiotica.

Importante: le alghe si acquistano secche e vanno tenute in ammollo per qualche minuto prima di consumarle.

Alghe in cucina: quali sono e come sceglierle

Esistono molteplici tipi di alghe, alcuni dei quali si sono maggiormente diffusi in Occidente, vediamone le più popolari.

  1. Le alghe kombu si possono mangiare sia crude che cotte e sono caratterizzate da un sapore dolce e si usano preferibilmente per cucinare i legumi ma possono trovare un ottimo impiego anche in zuppe e minestre
  2. Le alghe wakame, molto simili alle kombu, si distinguono per il sapore delicato e l’aspetto frondoso: le nervature delle foglie vanno eliminate per massimizzare il gusto di questo ingrediente all’interno di zuppe e minestre o servito con altre verdure;
  3. Le alghe nori (o lattughe di mare) hanno la potenzialità di ridurre il tasso di colesterolo e sciogliere ed eliminare i depositi di grassi. Vengono vendute secche, per cui i fogli di nori vanno tostati leggermente sulla fiamma affinchè assumano un colore verde. Sono le più diffuse per la preparazione del sushi.
  4. Le alghe agar agar sono una sorta di gelatina ricavata dall’alga rossa tengusa. Molto nutriente, ha un sapore decisamente forte allo stato naturale, pertanto è preferibile ammorbidirla prima dell’utilizzo. Questa gelatina trova un largo impiego come addensante per la preparazione di budini e creme e piatti salati.

Citiamo anche l’alga spirulina, ottima come integratore ma anche l’alga klamath, la clorella e l’alga fucus.

alghe in cucina

Alghe in cucina: molte le varietà da utilizzare e i modi di servirle. Anche essiccate sono un contorno davvero sorprendente.

Come cucinare le alghe: ricette suggerite

Eccovi alcuni spunti per cucinare le vostre alghe preferite.

Cominciamo con una ricetta adatta ai vegani, i ravioli di alghe, davvero molto leggeri.

Continuiamo con questa ricetta della Frittata a base di alga dulse, tratta dal manuale redatto da Luca Fortuna, naturopata specializzato in aromaterapia ed erboristeria.

  • Ingredienti: alga dulse secca, uova, grana grattugiato, latte, sale e pepe, olio extravergine di oliva.
  • Preparazione: battete le uova con il latte, aggiungendo il grana, un pizzico di sale e pepe e l’alga dulse reidratata in acqua tiepida e tagliata in modo grossolano. In una padella mettete l’olio e, quando è bollente, versate il composto. Fate dorare da entrambe le parti e servitela calda.

Per acquistare il libro di Fontana eccovi il link:

Le Alghe
Tra Cucina, Salute e Bellezza
6.5

Insomma, per portare un soffio di Oriente in cucina non resta che procurarsi le alghe che ormai si trovano in supermercati e negozi di importazione di cibi esotici e biologici.

Per saperne di più sull’uso delle alghe in cucina consulta questi libri:

Alghe - Libro
Utilizzo terapeutico e consigli alimentari. Contiene più di 80 ricette.
Cucinare con le Alghe
119 ricette per preparare appetitosi e sorprendenti piatti con le verdure di mare, ricche di vitamine, sali minerali e altri preziosi principi nutritivi
Buona Tavola, Salute e Bellezza con le Alghe
Più Bella, Più Sana con le Alghe
Tutti i segreti di questo straordinario elemento
Alga Nori per Sushi
Alghe Marine di Bretagna

Controindicazioni all’utilizzo delle Alghe per l’alimentazione

Le alghe assorbono la sostanze nutrienti come una “spugna”. Alcune varietà di alghe sono note per essere ad alto contenuto di proteine, calcio, vitamina C, ferro e persino acidi grassi  ed omega-3.

Sono quindi un vero super alimento ma per le loro caratteristiche stesse esistono anche delle controindicazioni.

Il livello di nutrienti nella maggior parte delle alghe è basso e le porzioni sono generalmente piccole. Devono quindi essere considerate un supplemento ad una dieta equilibrata e non possono diventarne l’unico componente.

Alcune alghe contengono metalli pesanti come piombo, cadmio o alluminio, come ha rilevato l’ Istituto tedesco per la valutazione dei rischi:

  • non assorbono  dall’acqua solamente le sostanze nutritive ma anche tutto il resto.

Non si deve inoltre dimenticare inoltre il livello di iodio. La quantità di iodio nelle alghe può variare notevolmente, sempre secondo l’ Istituto Tedesco per la Valutazione del Rischio, da 5 a 11.000 milligrammi per chilogrammo di peso a secco.

Lo iodio è utilizzato dalla tiroide per produrre ormoni. Questi a loro volta influenzano il metabolismo, la formazione ossea e lo sviluppo del cervello.

Valori troppo elevati o troppo bassi di iodio possono influenzare il funzionamento della tiroide.

Le persone con problemi tiroidei dovrebbero quindi consumare le alghe con cautela.

In generale, è consigliabile consumare alghe solo quando il contenuto di iodio è chiaramente indicato nelle confezioni.

Alghe in cucina, ma non solo: anche da indossare!

Il notevole eclettismo delle alghe si vede non solo dal loro utilizzo nell’alimentazione, ma anche in altri campi, alcuni dei quali davvero inaspettati.

Come dimostrato dalla celebre inchiesta Detox di Greenpeace, anche nell’industria tessile viene utilizzata un’ampia gamma di sostanze chimiche per produrre capi di abbigliamento per bambini. Parliamo di agenti cancerogeni e perturbatori endocrini che arrivano negli armadi dei più piccoli e non solo! A tal proposito, da uno studio di design di Berlino, Blond & Bieber di Essi Johanna Glomb e Rasa Weber ha sviluppato una palette di colori a base di alghe.

Quest’ultime infatti, possono assumere diversi colori e sfumature dal verde al blu, fino all’arancio e al rosso. Dopo aver effettuato diversi studi sulle alghe che popolano i vari fiumi e torrenti in tutta Europa e sui vari colori che esse possono avere al di là del comune verde, è nata questa idea collaudata con ottimi risultati su capi di abbigliamento in cotone e scarpe di cuoio. L’unica “anomalia” osservata è che i coloranti a base di alghe non risultano stabili alla luce e dunque un capo inizialmente blu potrebbe diventare verde! Tuttavia, Weber ha considerato il “colore vivente” come una novità in grado di riflettersi sul prodotto finale in termini di valore aggiunto.

Al momento, Glomb e Weber stanno cercando aziende che condividono la loro produzione ecosostenibile e intanto si sono attrezzati con una macchina che permette loro di far crescere le alghe e dunque di incollare i colori sui tessuti. Hanno collaborato con lo stilista Ylenia Gortana e un’ azienda calzaturiera tedesca Trippen ma stanno esplorando nuove applicazioni.

E noi che all’inizio pensavamo che l’utilizzo delle alghe in cucina fosse eccentrico…. non avevamo ancora visto niente!

Altri approfondimenti in tema

Se ti interessano altri approfondimenti sugli ingredienti della cucina naturale, ecco alcuni suggerimenti da leggere:

Outbrain

{ 2 comments… read them below or add one }

michele redigonda dicembre 22, 2012 alle 11:18 am

ma vorrei sapere una cosa che è per me fondamentale: le alghe possono trattenere i metalli pesanti vero o falso? cioè se io mangio alghe come posso avere la certezza che non contengano metalli pesanti? grazie

Rispondi

Andrea maggio 26, 2017 alle 7:16 pm

Possono esserne contaminate se cresciute in un luogo fortemente inquinato. Importante quindi scegliere alghe di qualità, sulla cui provenienza è bene essere ragionevolmente certi. Ma è una osservazione che vale per tutto ciò che viene dal mare.

Rispondi

Leave a Comment